Per fermare i combattimenti in Sudan, bisogna togliere i soldi ai generali.

I partner internazionali si stanno affannando per limitare il disastro umanitario creato dai combattimenti tra le Forze Armate Sudanesi (SAF) e le Forze di Supporto Rapido paramilitari (RSF) in Sudan, scoppiati il 15 aprile mentre si attendevano gli ultimi passi delle discussioni che avrebbero portato ad una transizione civile e democratica. Ora, non è sufficiente chiedere un cessate il fuoco e un ritorno ai negoziati, perché questi risultati potrebbero ristabilire il fragile equilibrio di potere tra le SAF e le RSF, che ha ostacolato i negoziati di diciotto mesi per il ritorno a un governo civile, il tipo di governo che la maggior parte delle persone in Sudan chiede.

Piuttosto, i partner internazionali devono aumentare la pressione finanziaria sull’RSF, sugli ex funzionari del governo dell’era Bashir e sulla SAF, affinché cambino i loro calcoli politici al tavolo dei negoziati.

Il Sudan non può essere stabile se ci sono due eserciti e se si permette alle élite dell’ex regime/islamisti di seminare discordia. I partner internazionali devono esercitare una pressione finanziaria coordinata sui leader dell’RSF affinché si impegnino a integrarsi rapidamente nell’esercito e sugli ex leader del regime affinché smettano di incitare alla violenza; i partner internazionali devono anche far presente ai generali del SAF che devono onorare le loro promesse di cedere il potere.

L’ex dittatore del Sudan, Omar al-Bashir, è riuscito a rimanere al potere per trent’anni frammentando i servizi di sicurezza e mettendoli abilmente l’uno contro l’altro per evitare che uno qualsiasi di loro diventasse abbastanza potente da lanciare un colpo di stato di successo. In cambio della loro obbedienza, ai leader militari e politici è stato permesso di ottenere il controllo su ampie parti dell’economia e di accumulare grandi ricchezze. Le proteste sostenute hanno portato all’estromissione di Bashir nell’aprile 2019, a un breve periodo di governo militare e infine a un governo di transizione civile-militare guidato nominalmente dall’allora Primo Ministro Abdalla Hamdok, che ha governato in ‘partnership’ con il Generale del SAF Abdel Fattah al-Burhan e il Generale dell’RSF Mohamed Hamdan ‘Hemedti’ Dagalo, rispettivamente presidente e vicepresidente del Consiglio di Sovranità Transitorio.

I partner internazionali hanno acconsentito all’assunzione di queste posizioni di potere da parte dei generali, ritenendo che ciò avrebbe aiutato a prevenire lo scoppio di un conflitto tra le due forze rivali – e che la competizione tra il SAF e l’RSF avrebbe impedito a una delle due di dominare il Paese e avrebbe permesso al pesantemente vincolato Hamdok e ai suoi ministri civili di attuare almeno alcune riforme. Mentre il Primo Ministro è riuscito a introdurre alcune riforme economiche difficili ma necessarie, Burhan e Hemedti hanno lanciato un altro colpo di Stato il 25 ottobre 2021, per bloccare il previsto trasferimento della presidenza del Consiglio di Sovranità Transitorio a un civile.

Il ritorno del governo militare è stato respinto con forza dal popolo sudanese, che ha organizzato frequenti proteste, e dai donatori, che hanno messo in pausa più di quattro miliardi di dollari di assistenza economica programmata. I leader del colpo di Stato hanno subito enormi pressioni economiche e diplomatiche per negoziare un’altra transizione, ma hanno assunto posizioni inconciliabili sulla riforma del settore della sicurezza. Burhan e i suoi generali integralisti volevano che l’RSF venisse rapidamente incorporato nel SAF, mentre Hemedti (sostenuto dai suoi sostenitori della periferia) voleva mantenere la sua base di potere indipendente e giocare d’anticipo. Mentre i ‘negoziati’ si trascinavano, i due leader impiegavano tattiche diverse per cercare di rafforzare la propria posizione e indebolire quella dell’altro, tra cui l’importazione di più armi, l’armamento delle comunità, il tentativo di dividere le forze del rivale, il taglio delle fonti di finanziamento, l’alleanza con i politici civili, lo sviluppo di legami con i leader stranieri (inclusa la Russia) e – almeno secondo le voci persistenti a Khartoum – la pianificazione di colpi di stato nel caso in cui questi altri sforzi non fossero riusciti a cambiare l’equilibrio di potere. Le tensioni si sono alternate nel corso degli ultimi un anno e mezzo, e gli attori esterni sono dovuti intervenire più volte per evitare che scoppiasse un conflitto. Purtroppo questa volta, con gli islamisti che, secondo quanto riferito, hanno esacerbato le lotte e i negoziati politici apparentemente in procinto di concludersi, i diplomatici non sono stati in grado di evitare una guerra.

Né la SAF né la RSF sono in grado di ottenere una vittoria decisiva, in particolare date le dimensioni del Sudan e il suo paesaggio politico fratturato. Senza un intervento decisivo, lo scenario più probabile è una lunga e sanguinosa guerra civile multiforme e un disastro umanitario sconvolgente, come quelli visti in Somalia, Siria o Yemen. Questo disastro non sarebbe limitato al Sudan; potrebbe anche destabilizzare l’intera regione e spingere decine di milioni di sudanesi a fuggire negli Stati vicini, in Medio Oriente e in Europa.

Questo scenario deve essere evitato in modo da garantire che i calcoli politici e militari di Hemedti, Burhan e dei loro sostenitori cambino quando riprenderanno i negoziati seri per ripristinare un governo civile. Chiedere semplicemente un cessate il fuoco o applicare in modo uniforme la pressione diplomatica non è sufficiente. In questo modo si manterrebbe solo la parità approssimativa del potere militare tra l’RSF e il SAF. Questo non significa che Hemedti o Burhan siano “migliori”. Entrambi hanno fallito con il popolo sudanese e dovrebbero essere incoraggiati a lasciare il potere. Tuttavia, i partner internazionali devono puntare a fermare immediatamente i combattimenti, a riportare i negoziati per una transizione verso un governo civile e a garantire che entrambi i generali rispettino le loro promesse pubbliche di cedere il potere.

Pertanto, i leader internazionali e regionali devono, in coordinamento, iniziare ad esercitare una pressione strategica congelando i conti bancari sudanesi e bloccando temporaneamente le attività commerciali dei leader sudanesi e delle loro forze. Questa riduzione del denaro e delle entrate avrà un impatto sulle capacità di questi attori di pagare i loro soldati e alleati per combattere e rifornirsi. Ancora più importante, avrà un impatto sui loro calcoli circa la disponibilità a tornare a negoziati seri e a scendere a compromessi. Dato che è improbabile che l’RSF prevalga contro il SAF con le sue armi pesanti e il sostegno dell’Egitto, l’opzione meno peggiore per fermare i combattimenti è quella di fare pressione sull’impero commerciale di Hemedti, che finanzia l’RSF: i suoi soldati sono fedeli perché sono pagati meglio, non per ragioni ideologiche. Gli attori esterni, in particolare gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita (dove, a causa delle passate sanzioni occidentali, la maggior parte dei sudanesi ha i propri conti bancari e basa le proprie attività commerciali), dovrebbero congelare i conti bancari noti dell’RSF e della famiglia Hemedti e le attività commerciali fino a quando i leader dell’RSF non si impegneranno a integrare rapidamente le proprie truppe nel SAF. Alcuni dei beni più importanti sono stati identificati e altri sono conosciuti dai governi emiratino e saudita. Allo stesso modo, i partner internazionali devono congelare rapidamente i beni dei leader noti del regime di Bashir/islamisti che incitano alla violenza nel tentativo di tornare al potere.

Infine, i partner devono identificare i beni e gli interessi commerciali del SAF detenuti all’estero per un eventuale congelamento e sequestro nel caso in cui l’esercito non onori la sua promessa di cedere il potere o perpetui lo storico dominio politico ed economico delle élite di Khartoum a spese dei sudanesi che vivono nel resto del Paese. Solo in questo modo è possibile un cessate il fuoco e una pace sostenibile.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito