La guerra in Sudan è una minaccia regionale e atroce, avverte il Presidente keniota

Il Presidente keniota William Ruto ha affermato che il conflitto di quattro giorni in Sudan ha già raggiunto livelli atroci, compresa la violazione del diritto internazionale.

In un’insolita dichiarazione di mercoledì, il dottor Ruto ha avvertito che le parti in conflitto del Sudan hanno mostrato un “pericolo reale” di far esplodere il conflitto oltre i suoi confini, rendendo la regione instabile.

“Il Kenya è allarmato dal fatto che un’incomprensione su un singolo punto in sospeso dell’accordo quadro politico, vale a dire la tempistica per la reintegrazione delle Forze di Supporto Rapido (RSF) nelle forze armate sudanesi, sia degenerata in un conflitto violento”, ha detto il dottor Ruto in un video registrato dalla Casa di Stato, a Nairobi.

Ha detto che le parti in conflitto – le Forze Armate del Sudan e il gruppo paramilitare RSF, hanno ignorato le risoluzioni approvate dal blocco regionale, l’Autorità Intergovernativa per lo Sviluppo (Igad), che domenica ha chiesto la cessazione delle ostilità e la ripresa del dialogo.

Minaccia regionale

Ma si è anche preoccupato che i combattimenti abbiano violato altre norme, come i combattimenti nelle aree residenziali e l’attacco alle installazioni diplomatiche.
“Sta emergendo chiaramente un modello di violazione sistematica delle norme e dei principi stabiliti delle leggi umanitarie internazionali e questa situazione si sta evolvendo in una minaccia alla pace e alla sicurezza regionale e internazionale”.

“Il Kenya osserva che il disprezzo per le risoluzioni, unito all’evidente mancanza di impegno per porre fine al conflitto, indica con forza che gli attacchi alle installazioni diplomatiche e al personale, così come gli attacchi agli ospedali, agli alberghi e ad altri spazi pubblici e sociali vitali, sono deliberati, sistematici ed equivalgono ad atrocità contro l’umanità”.

L’esercito e l’RSF sono in lotta da sabato, quando il leader della giunta sudanese, Abdel Fattah al-Burhan, e il suo vice Mohammed Daglo ‘Hemedti’ si sono scontrati per il potere. Le loro divergenze sono rimaste in sospeso per mesi, da quando il Consiglio Sovrano, come è conosciuta la giunta, ha concordato un Accordo Quadro Politico con i movimenti civili per la ripresa di un governo di transizione guidato da civili. Ma le due parti non erano d’accordo su se e come integrare l’RSF, un’unità paramilitare guidata da Hemedti che ha operato indipendentemente dall’esercito, nelle forze armate.

L’RSF è un’emanazione dei Janjaweed, la milizia che ha contribuito a schiacciare una ribellione nel Darfur, uccidendo più di 300.000 persone e facendo guadagnare all’allora leader sudanese Omar al-Bashir un’accusa presso la Corte Penale Internazionale.

Attacco di diplomatici
L’attuale conflitto ha visto almeno 270 persone uccise e migliaia di altre ferite.

I combattenti sono stati criticati dopo che un veicolo diplomatico degli Stati Uniti a Khartoum è stato colpito e la residenza dell’ambasciatore dell’Unione Europea in Sudan è stata presa di mira.

“Tutti i nostri collaboratori sono al sicuro e illesi. Ma questa azione è stata sconsiderata, irresponsabile e ovviamente non sicura: un convoglio diplomatico con targhe diplomatiche, una bandiera statunitense, è stato colpito”, ha detto il Segretario di Stato americano Antony Blinken ai giornalisti durante una conferenza stampa in Giappone martedì.

“Nelle telefonate che ho avuto questa mattina con i generali Hemedti e Burhan, ho detto chiaramente che qualsiasi attacco, minaccia, pericolo per i nostri diplomatici è totalmente inaccettabile. Questo particolare incidente è ancora in fase di indagine per capire esattamente cosa sia successo”, ha aggiunto Blinken, riferendosi alla richiesta di un cessate il fuoco di 24 ore, che le parti non hanno rispettato, ma si sono incolpate a vicenda.

Accesso umanitario
Le organizzazioni umanitarie mercoledì hanno avvertito che la situazione del Sudan peggiorerà finché non si apriranno nuove linee di approvvigionamento. Il gruppo CARE ha detto che il Paese ha già 11 milioni di persone che hanno bisogno di cibo, con quattro milioni di bambini sotto i cinque anni “acutamente malnutriti” a causa di fattori precedenti.

“Il Sudan sta attualmente affrontando una crisi umanitaria con oltre 15 milioni di persone che necessitano di assistenza”, ha dichiarato Kate Maina-Vorley, Direttore Regionale di CARE International per l’Africa Orientale e Centrale, in una dichiarazione di mercoledì.

“Siamo profondamente preoccupati per l’impatto del conflitto armato in corso sulla vita delle donne e delle ragazze. Le donne e le ragazze sono colpite in modo sproporzionato dalla violenza, soprattutto quando sono costrette a fuggire dalle loro case e comunità. Chiediamo a tutte le parti di garantire che tutti i civili, soprattutto le donne e le ragazze, siano protetti da ogni forma di violenza e sfruttamento”.

Il Presidente Ruto ha detto che le parti dovrebbero onorare la decisione dell’Igad, un’organizzazione che il Sudan presiede, di garantire che una delegazione di leader della regione si rechi a Khartoum per la mediazione e di consentire un accesso umanitario senza ostacoli.

“C’è il rischio reale che l’escalation delle ostilità in Sudan possa coinvolgere attori esterni, regionali e internazionali e degenerare in una crisi di sicurezza e umanitaria di dimensioni disastrose”.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito