In Africa, la Cina sta costruendo l’influenza, mattone dopo mattone

“La Cina continuerà a promuovere lo sviluppo comune di Cina e Africa ed è pronta a dare nuovi contributi alla costruzione della comunità Cina-Africa”.

Cui ha detto che l’edificio dimostra la “sincera determinazione” della Cina a sostenere l’unità, la pace e lo sviluppo dell’Africa, nonché gli sforzi per promuovere lo sviluppo infrastrutturale dell’Africa.

Il progetto, che era stato concordato nel 2018, è finanziato dal Governo cinese attraverso l’Agenzia cinese per la cooperazione allo sviluppo internazionale.

Il Presidente nigeriano Muhammadu Buhari ha definito lo sforzo “un simbolo dell’impegno della Cina nei confronti dell’ECOWAS”.

La sede ospiterà tre importanti istituzioni del blocco regionale: il Segretariato, la Corte di Giustizia della Comunità e il Parlamento dell’ECOWAS. Buhari ha affermato che il progetto rappresenterà i 380 milioni di persone dell’Africa occidentale.

La sede dell’ECOWAS segue progetti simili finanziati dalla Cina in tutto il continente, dove Pechino ha pagato anche la costruzione di palazzi, stadi sportivi e centri conferenze come parte di una strategia diplomatica a lungo termine.

La costruzione della sede dei Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie nella capitale etiope Addis Abeba sarà presto completata. L’intero conto di 80 milioni di dollari è stato pagato da Pechino. La città ospita anche la modernissima sede dell’Unione Africana da 200 milioni di dollari, che la Cina ha definito un “regalo al popolo africano”.

Poche settimane fa, i legislatori dello Zimbabwe hanno iniziato a riunirsi nel loro nuovo complesso parlamentare da 140 milioni di dollari – costruito dallo Shanghai Construction Group cinese e pagato dalla Cina come ‘regalo’ allo Zimbabwe. L’imponente complesso circolare, costruito su una montagna appena fuori dalla capitale Harare, è destinato a formare una parte fondamentale di una nuova città.

A maggio, il China Jiangsu International Economic and Technical Cooperation Group ha consegnato alle autorità dello Zambia le chiavi di un centro conferenze internazionale, mentre in Tanzania la Cina ha costruito il Julius Nyerere Leadership Centre. Anche altre strutture importanti in tutto il continente sono state regalate dal Governo cinese, sia attraverso sovvenzioni che attraverso prestiti senza interessi.

Quando Pechino iniziò a stabilire relazioni diplomatiche con le nazioni africane negli anni ’50, offrì aiuto finanziario e prestiti senza interessi, e inviò persino delle equipe mediche.

Anni dopo, i gesti sono stati ripagati. Nel 1971, queste nazioni hanno aiutato Pechino ad assicurarsi il seggio della Cina nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che fino ad allora era stato occupato dal governo della Repubblica di Cina, fuggito sull’isola di Taiwan nel 1949.

“Finanziando queste strutture, la Cina sta ‘piantando la bandiera’. Sono simboli della generosità della Cina, del suo status e delle sue capacità”, ha detto John Calabrese, capo del Middle East-Asia Project presso l’American University di Washington.

“Si tratta di investimenti presumibilmente finalizzati a costruire buona volontà e influenza”, ha aggiunto Calabrese.

Ma nonostante la lunga lista di questi grandi progetti, Calabrese ha detto di dubitare che porteranno a importi sempre più alti di nuovi prestiti.

“Potrei immaginare che la Cina continui ad assistere i Paesi beneficiari nella costruzione di scuole, cliniche e forse abitazioni a basso costo, e che affronti l’indebitamento dei beneficiari attraverso la ristrutturazione del debito”, ha affermato.

Una ricerca di Paul Nantulya, dell’Africa Centre for Strategic Studies presso la National Defence University di Washington, ha definito i doni “diplomazia del ritratto”, un punto fermo del moderno statecraft cinese.

Tra il 2000, quando è stato lanciato il Forum per la Cooperazione Cina-Africa (FOCAC), e il 2018, quando si è tenuto il suo settimo summit, la Cina ha costruito o ristrutturato 186 edifici governativi in almeno 40 Paesi africani.

Tra questi, almeno 24 residenze presidenziali o ministeriali, 26 parlamenti, almeno 32 installazioni e accademie militari e di polizia e almeno 19 ministeri degli Affari Esteri.

“La Cina sta giocando a lungo. La sua presenza si fa sentire ogni volta che un africano entra in uno di questi edifici. La Cina sta creando un ritratto di sé come partner duraturo che rimane presente e solidale con i governi africani”, ha detto Nantulya a febbraio.

Ha detto che i progetti sono accompagnati da un “software”, citando un caso in Zimbabwe, dove gli educatori militari cinesi hanno aiutato a sviluppare i programmi di studio dell’Università della Difesa dello Zimbabwe, che è stata costruita da aziende cinesi.

Allo stesso modo, il Namibia Command and Staff College e la Tanzania National Defence University, costruiti in Cina, forniscono sedi per approfondire gli scambi tra l’Esercito Popolare di Liberazione e le forze armate sul territorio. In Tanzania, i lavori di ristrutturazione del Ministero degli Esteri sono stati legati a sovvenzioni per la formazione e lo sviluppo delle capacità dei diplomatici tanzaniani.

“Potremmo aspettarci di vedere lo stesso in Ghana e in Kenya, dove le aziende cinesi stanno costruendo rispettivamente un annesso per gli affari esteri e un edificio completo del ministero, e in Tunisia, dove stanno costruendo la nuova accademia di formazione per gli affari esteri”, ha detto Nantulya.

Ma i ‘regali’ non sono rimasti senza polemiche. Nel 2018, Pechino è stata accusata di aver intercettato la sede dell’Unione Africana. Il quotidiano francese Le Monde, citando fonti anonime dell’UA, ha affermato che per cinque anni sono stati trasferiti dati notturni dai computer dell’edificio ai server cinesi e sono stati trovati anche microfoni nascosti. Pechino ha respinto le accuse come “assurde” e prive di fondamento.

“Non mi sorprenderebbe se progetti edilizi come la sede dell’UA fossero ‘appositamente equipaggiati’ con dispositivi di intercettazione. Questo garantirebbe alla Cina un ‘posto a tavola’. Ma non ho modo di confermare queste teorie e voci”, ha detto Calabrese.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito