Migrazione, passato coloniale, interventi militari, legami economici: quanto è grande la Francia in Africa?

La disputa sulla migrazione tra Italia e Francia, il passato coloniale africano, il ritiro militare della Francia dalla regione del Sahel e le sue attività economiche in Africa – tutti questi argomenti intricati sono riemersi con un video.

Il video del 2019 del Primo Ministro italiano Giorgia Meloni è recentemente riapparso sui social media. Durante una trasmissione televisiva, Meloni, allora deputata di Fratelli d’Italia, ha accusato la Francia di sfruttare le risorse dei Paesi africani, in particolare del Burkina Faso, utilizzando la “moneta coloniale” che è il franco CFA. Meloni ha poi affermato che le attività e lo sfruttamento della Francia sono il motivo per cui l’Europa deve affrontare la migrazione africana.

Non è stata l’unica politica a difendere l’idea. Anche Luigi Di Maio, allora vicepremier, nel 2019 ha incolpato la Francia di impedire lo sviluppo economico in Africa e di causare la migrazione verso l’Europa.

Queste dichiarazioni hanno provocato tensioni diplomatiche tra Parigi e Roma all’epoca.

All’inizio di novembre, le due parti sono state coinvolte in una nuova disputa sull’accettazione dei migranti dalla nave umanitaria Ocean Viking. L’Italia ha spinto la Francia a consentire l’arrivo in un porto francese della nave con 230 migranti salvati a bordo, dopo che Roma aveva ripetutamente ignorato le sue richieste di sbarco in un porto italiano.

Nel frattempo, la gente è scesa in piazza in Africa, soprattutto in Mali, dove la Francia ha lanciato operazioni militari per sostenere le forze locali nella loro lotta contro il terrorismo. Le autorità francesi devono ora affrontare forti sentimenti anti-Francia e violente proteste contro la presenza francese nell’area. Secondo il Presidente francese Emmanuel Macron, alcuni Paesi, tra cui la Russia, stanno alimentando il crescente sentimento.

I fatti

Il franco CFA è una valuta utilizzata in due diverse zone monetarie in Africa dal 1945: L’Unione Economica e Monetaria dell’Africa Occidentale, o WAEMU, e la Comunità Economica e Monetaria dell’Africa Centrale, CEMAC.

Benin, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Guinea-Bissau, Mali, Niger, Senegal e Togo partecipano all’UEMOA. Camerun, Ciad, Repubblica Centrafricana, Guinea Equatoriale, Gabon e Repubblica del Congo sono membri della CEMAC.

Secondo il Tesoro francese, “la parità del CFA con l’euro è fissata e definita per ogni valuta, la moneta rimane convertibile… e i Paesi dell’UEMOA non sono più tenuti a depositare il 50% della loro riserva di valuta estera”, come facevano fino a un nuovo accordo firmato nel dicembre 2019. I 15 membri della Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentale, o ECOWAS, hanno deciso di adottare la propria valuta, l’Eco, entro il 2027.

Denis Cogneau, professore presso la Scuola di Economia di Parigi e ricercatore senior permanente presso l’Istituto di Ricerca Francese per lo Sviluppo, IRD, ha dichiarato all’Agenzia Anadolu che il commercio con le ex colonie francesi in Africa occidentale o centrale costituisce solo l’1% – 2% del commercio totale della Francia.

“Queste ex colonie rappresentano solo meno dell’1% degli investimenti francesi all’estero”, ha detto. “Aziende come Total o Bollore sono molto affermate nelle ex colonie britanniche o portoghesi”.

Cogneau ha notato che la parità del franco CFA con l’euro è molto alta, il che potrebbe essere interpretato come un vantaggio nelle esportazioni per la Francia.

“Per l’Eco, tutto dipende da come sarà questa valuta: Parità fissa con l’euro o tasso di cambio flessibile?”, ha osservato l’esperto, aggiungendo che il Ghana e la Nigeria non sono diventati più industrializzati o più sviluppati della Costa d’Avorio o del Camerun solo grazie al fatto di avere una propria valuta molto tempo fa.

“Non sarà sufficiente che l’Eco diventi un drago o una tigre come i Paesi dell’Est o del Sud-Est asiatico”, ha detto.

Problemi di migrazione

È vero che i Paesi africani impoveriti vedono i loro giovani partire nella speranza di trovare condizioni migliori in Europa. Detto questo, i cittadini africani provenienti dal Sahel o dalle regioni subsahariane non sono tra i principali migranti irregolari che utilizzano la rotta del Mediterraneo centrale.

I dati di Frontex mostrano che da gennaio a ottobre 2022 sono stati registrati 85.140 attraversamenti illegali della frontiera: i primi cinque Paesi di provenienza sono stati Egitto (16.273), Tunisia (16.221), Bangladesh (11.919), Siria (6.150) e Afghanistan (5.889).

Tuttavia, i dati di Frontex mostrano che nello stesso periodo sono stati registrati 12.347 attraversamenti illegali di frontiera lungo la rotta del Mediterraneo occidentale, con 6.003 algerini, 3.779 marocchini, 568 sudanesi, 555 siriani e 393 maliani.

Questi numeri sono confermati dai dati dell’UNHCR: I migranti maliani rappresentano solo lo 0,8% del totale degli arrivi via mare dal 1° gennaio. Il Camerun rappresenta l’1,3%, la Costa d’Avorio il 4,2% e il Senegal lo 0,2%.

Per un migliore confronto, gli egiziani rappresentano il 21,4% del numero totale, i tunisini il 19,8%, i bangladesi il 14,8% e i siriani il 7,8%.

Fatti economici

Quando la Francia ha lanciato le operazioni militari nella regione del Sahel, in particolare nella Repubblica Centrafricana nel 2013 e nel Mali nel 2014, molti hanno criticato Parigi per la ricerca di interessi economici più profondi.

I Paesi dell’Africa occidentale potrebbero non essere i principali partner commerciali della Francia, ma le aziende francesi operano in settori critici come l’energia, le comunicazioni e la logistica – e per lo più non nelle ex colonie.

Il continente africano rappresenta il 30% della produzione e il 30% degli investimenti per TotalEnergies.

Bollore Logistics ha deciso di lasciare l’Africa nel 2022, dopo quasi quattro decenni di attività. La compagnia di navigazione italo-svizzera MSC prenderà il suo posto.

Benjamin Auge, ricercatore associato presso l’Istituto Francese di Relazioni Internazionali, IFRI, ha dichiarato all’Agenzia Anadolu che, a parte Orano, che partecipa all’estrazione di uranio in Niger, la Francia ha solo un’altra azienda mineraria in Africa: Eramet, in Gabon.

Orano, precedentemente conosciuta come Areva o Cogema, è un’azienda che opera nel settore minerario, di cui il Governo francese possiede circa l’80%.

“La Francia non è un Paese minerario e non ha una tradizione mineraria”, ha detto Auge. “L’uranio del Niger non è assolutamente significativo come percentuale di consumo delle centrali nucleari francesi, quindi non è vitale. Le società minerarie in Africa sono principalmente canadesi e australiane. Le compagnie petrolifere cinesi operano in Niger. Aziende cinesi e americane sono presenti in Ciad e aziende cinesi, algerine e italiane erano già presenti in Mali prima delle crisi di sicurezza nel nord una decina di anni fa. Gli investimenti francesi nella regione del Sahel sono estremamente bassi. In termini di petrolio e gas, TotalEnergies non è attiva in nessun Paese saheliano, a parte le attività offshore in Mauritania”.

Il 1° febbraio, TotalEnergies e la China National Offshore Oil Corporation (CNOOC) hanno firmato un accordo da 10 miliardi di dollari per sfruttare le riserve petrolifere del Lago Alberto in Uganda e costruire un oleodotto regionale. I gruppi ambientalisti hanno reagito negativamente al progetto.

In questo contesto, il ricercatore ha confrontato la situazione della Francia con quella del Regno Unito: L’intervento militare e politico della Francia nelle sue ex colonie ha generato un sentimento antifrancese, a differenza del Regno Unito che ha “tagliato i legami in modo più franco dopo l’indipendenza”.

Questo spiega in parte perché la Francia è così pesantemente criticata nelle sue ex colonie, dove investe meno che in Paesi come l’Uganda.

“In Uganda, come in Nigeria o anche in Angola, è la stessa cosa: non avendo un passato coloniale, la Francia non viene additata come capro espiatorio responsabile della situazione politica ed economica. In questi Paesi, i detrattori non prendono di mira questi investimenti perché si tratta della Francia, ma per le preoccupazioni in termini di ambiente e governance”, ha detto Auge.

Ha sostenuto che “gli investimenti francesi si concentrano maggiormente su Paesi non francofoni”.

“Il partner più importante in Africa è la Nigeria, dove il Presidente Macron ha visitato nel 2018 – aveva anche fatto il suo stage lì nel 2002”, ha detto Auge. “L’interesse delle autorità pubbliche francesi per l’Africa rimane estremamente limitato e il vero interesse si concentra sui Paesi non francofoni, come Angola, Ruanda, Sudafrica o Nigeria”.

L’esperto ha richiamato l’attenzione sulla volontà della Francia di mantenere le sue aree di influenza in Africa e che “non è affatto legata a investimenti economici specifici”.

Per Auge, la Francia non è pronta a lasciare le sue ex colonie.

“E questo solo perché in caso di caduta di regimi e di instabilità cronica, le conseguenze dirette sull’Europa, soprattutto in termini di migrazione, si fanno sentire”, ha detto.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito