La BII chiede che l’Africa consumi il proprio idrogeno, al posto delle esportazioni

La BII chiede che l’Africa consumi il proprio idrogeno, al posto delle esportazioni

La British International Investment (BII) ha presentato la sua proposta di utilizzare l’idrogeno verde a livello nazionale in Africa. L’agenzia britannica ritiene che ciò sia più interessante rispetto all’esportazione della materia prima.

Un video dell’agenzia britannica per i finanziamenti allo sviluppo ha sottolineato i costi del trasporto dell’idrogeno su lunghe distanze.

“È economicamente più intelligente spostare la produzione globale verso la fonte di produzione dell’idrogeno, il che presenta alle nazioni africane un’opportunità d’oro per aumentare significativamente la loro quota di produzione manifatturiera globale e creare posti di lavoro su scala”, viene detto agli spettatori.

Il concetto è in contrasto con altri Stati europei.

La Germania, per esempio, ha avviato colloqui con diversi potenziali produttori per i flussi futuri. RWE ha recentemente firmato un accordo per assicurarsi 300.000 tonnellate all’anno di ammoniaca da un progetto in Namibia.

Allo stesso modo, la francese EDF sta lavorando a un progetto in Namibia.

Uso di fertilizzanti
Richard Kiplagat, presidente della task force per l’advocacy dell’Africa Hydrogen Partnership (AHP), ha poi sottolineato le possibilità dell’ammoniaca verde per uso domestico.

Il continente può produrre grandi quantità di fertilizzante a basso costo “per mettere il turbo all’agricoltura”, ha detto nel video della BII. “Il mondo non può raggiungere lo zero netto senza l’Africa, ma allo stesso tempo l’Africa ha l’opportunità di fare un salto economico e di far entrare i suoi abitanti in una nuova era industriale verde”.

La BII ha affermato che l’Africa potrebbe produrre 30-60 milioni di tonnellate all’anno di idrogeno verde entro il 2050. Ciò creerebbe 3,7 milioni di posti di lavoro e aumenterebbe il PIL di 60-120 miliardi di dollari.

Il Primo Ministro britannico Rishi Sunak ha recentemente ospitato il suo omologo sudafricano, Cyril Ramaphosa, e si è discusso molto delle opportunità dell’idrogeno.

Il Sudafrica ha definito una serie di piani per portare avanti le ambizioni in questo settore, mentre Anglo American ha lanciato un test di camion a idrogeno all’inizio di quest’anno.

Il Regno Unito e la Germania hanno prospettive diverse sul flusso futuro dell’idrogeno. La Germania intende diventare un grande consumatore di idrogeno verde, la maggior parte del quale dovrà essere importato. Il Regno Unito, invece, prevede che l’eolico offshore farà pendere l’ago della bilancia a favore della produzione interna di idrogeno. Tuttavia, vede opportunità di esportazione della tecnologia.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 884 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Energia

Un punto di svolta per il solare africano

Per l’industria solare commerciale e industriale africana, il 2022 è stato davvero un anno spartiacque. Il settore ha visto un livello di attività senza precedenti, sotto forma di fusioni e

Kenya

Kenia in fase avanzato il piano per il nucleare

Gli esperti dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) hanno dichiarato ai giornalisti che il Kenya ha compiuto progressi significativi verso l’introduzione dell’energia atomica nel paese. Il Kenya ha preparato un rapporto

Kenya

Il settore privato cinese è ‘troppo lento’ nel portare benefici all’Africa

L’ascesa della Cina come principale partner commerciale dell’Africa è negata da un trasferimento ‘lento’ dei benefici al continente da parte degli attori del settore privato, afferma un nuovo rapporto situazionale.Gli