La diga di Kariba sta cedendo. Cosa significa per l’energia idroelettrica africana.

La diga di Kariba sta cedendo. Cosa significa per l’energia idroelettrica africana.

Il 28 novembre 2022, lo Zimbabwe ha interrotto la produzione di energia elettrica nella Centrale Sud della diga di Kariba (Kariba Sud) sul fiume Zambesi. I problemi di Kariba mettono a nudo l’aggravarsi della crisi umanitaria nell’Africa meridionale[1], che sta lottando con l’intensificarsi degli effetti del riscaldamento globale e dell’indebitamento. In questa intervista, Harry Verhoeven, ricercatore senior presso il Center on Global Energy Policy (CGEP), risponde alle domande sulla crisi immediata e sul futuro dell’energia idroelettrica nel continente.

Perché Kariba South ha chiuso?
Le precipitazioni storicamente scarse hanno portato ad un evidente squilibrio tra il livello di aspirazione dell’acqua nel Lago Kariba – il più grande serbatoio di dighe del mondo – e il consumo di acqua da parte dell’Autorità per la fornitura di energia elettrica dello Zimbabwe a Kariba Sud. Di conseguenza, la Zambezi River Authority (ZRA), che mantiene e gestisce la diga di Kariba, ha emesso una guida per sospendere la produzione di energia elettrica fino all’inizio del 2023 a Kariba Sud. La ZRA, di proprietà congiunta dello Zimbabwe e dello Zambia, ritiene che questa decisione consentirebbe allo Zambia di utilizzare la maggior parte dell’acqua rimasta nel lago Kariba (attualmente a un misero 4,6% della capacità). Lo Zambia ha razionato il suo consumo di acqua con maggiore attenzione rispetto allo Zimbabwe, che è diventato più dipendente dall’energia idroelettrica, mentre lotta contro le interruzioni e l’impennata dei prezzi del carburante a causa del conflitto tra Russia e Ucraina.

Lo ZRA è un raro esempio di cogestione internazionale delle acque transfrontaliere e delle infrastrutture idroelettriche associate. Mentre in molti bacini fluviali, compreso il bacino del Nilo, lo scambio di informazioni e l’azione integrata sulle sfide dello sviluppo o sulle minacce ambientali rimangono elusivi, la ZRA ha per lo più evitato dannose lotte politiche, incorporando nelle sue strutture sia tecnocrati che leader governativi eletti. Ma nonostante la reputazione della ZRA di gestione competente, i timori di una crisi esistenziale a Kariba si accumulano da anni.

Perché la diga di Kariba è così importante?
L’importanza della diga di Kariba, con una capacità installata di 1626 megawatt, deriva sia dal suo contributo alle economie regionali, sia da ciò che simboleggia nell’Africa meridionale e oltre. La diga fu costruita in modo controverso nel tardo periodo coloniale per accelerare la crescita economica nelle colonie dei coloni sotto il controllo della minoranza bianca, ma finì per diventare centrale per i nuovi Stati africani indipendenti. Oggi, Kariba fornisce la maggior parte dell’elettricità consumata sia in Zambia che in Zimbabwe. Mentre lo Zimbabwe è stato una delle centrali agricole dell’Africa, lo Zambia è un grande fornitore globale di rame e cobalto, che richiedono una produzione ad alta intensità energetica, ma sono anche fondamentali per le transizioni energetiche in tutto il mondo.

La decisione di sospendere la generazione della principale fonte di energia elettrica dello Zimbabwe è arrivata in mezzo a interruzioni di corrente che hanno già paralizzato le attività industriali e agricole di base del Paese. Ironia della sorte, questo potrebbe lasciare lo Zimbabwe quasi completamente dipendente dalle vecchie centrali elettriche a carbone, aumentando il rischio di disboscamento illegale da parte dei poveri per riscaldarsi e cucinare. Inoltre, il prosciugamento del bacino di Kariba ha conseguenze devastanti non solo per la generazione di elettricità e la sicurezza idrica regionale, ma anche perché compromette le strategie tradizionali di Zambia e Zimbabwe per adattarsi alla variabilità climatica. Ad esempio, l’agricoltura di recessione dalle inondazioni attraverso gli appezzamenti di giardino, lungo le rive dello Zambesi e di altri corsi d’acqua più piccoli, è stata storicamente la chiave per sostenere i mezzi di sussistenza delle comunità. Ma ora è sempre più difficile, dato che i fiumi scarseggiano.

Quali sono le cause più profonde di questa crisi?
La devastante epidemia di colera del 2008 in Zimbabwe ha sollevato dubbi sulla capacità e sulla volontà del governo ZANU-PF di Robert Mugabe di salvaguardare le infrastrutture di base. Le speculazioni sul possibile crollo della diga sono state diffuse per anni. Il basamento su cui poggia l’infrastruttura è stato gravemente eroso dalle operazioni di routine a Kariba, innescando un decennio di interventi di riparazione di emergenza. Ma la crisi odierna va ben oltre ciò che la ZRA potrebbe affrontare attraverso i protocolli di sicurezza e l’ingegneria.

Nel 2016, la NASA ha documentato il declino del lago Kariba a causa di episodi sempre più potenti dell’Oscillazione El Niño-Sud. L’IPCC ha concluso che, a causa del cambiamento climatico, l’Africa meridionale sta sperimentando un aumento della temperatura superficiale significativamente superiore alla media e una diminuzione dei livelli medi di precipitazioni, dovendo al contempo affrontare occasionali inondazioni estreme. Il serbatoio dietro la diga di Kariba non ha raggiunto la piena capacità dal 2011 e potrebbe riempirsi di nuovo solo in rare circostanze.

L’indebitamento sovrano sta minando la capacità di queste economie di pagare la riparazione di Kariba e di costruire una capacità di adattamento al cambiamento climatico. Durante la pandemia di Covid-19, lo Zambia è andato in default sui rimborsi del debito e degli interessi, che erano previsti quattro volte superiori a quanto il Paese poteva permettersi di spendere per l’azione climatica nel 2021. Anche lo Zimbabwe, che deve più di 13,5 miliardi di dollari ai creditori globali, è stato escluso dai finanziamenti esterni, compresi i meccanismi di finanziamento della Banca Mondiale e del FMI. Ha dovuto affrontare una siccità prolungata e cicloni mortali come Idai nel 2019 e Ana nel 2022 praticamente da solo. I finanziamenti internazionali per il clima rimangono insignificanti per aiutare ad affrontare queste sfide.

Quali sono le implicazioni della chiusura di Kariba South per l’energia idroelettrica in Africa?
Sebbene l’arresto di Kariba sia il risultato di fattori locali, la crisi è una cattiva notizia per gli sviluppatori di infrastrutture del continente che si aspettavano un’espansione costante guidata dalla sete di elettricità a basse emissioni di carbonio. A dire il vero, negli ultimi due decenni, la costruzione di dighe ha avuto un ritorno spettacolare in Africa, con l’avvio di progetti in Ghana, Liberia, Ruanda, Tanzania e altrove. Ciò è stato alimentato da una combinazione di assistenza finanziaria e competenze tecniche offerte da Cina, India, Brasile e Stati del Golfo e dal desiderio di alcuni Stati africani di emulare il successo dei loro partner asiatici nell’utilizzo delle infrastrutture per sostenere la sovranità politica ed economica. Sono stati spesi miliardi di dollari in dighe nuove o aggiornate e, in parte a causa di questa concorrenza da parte delle potenze (ri)emergenti, anche la Banca Mondiale ha ridefinito le priorità delle infrastrutture in Africa.

Tuttavia, il rilancio delle dighe in Africa è in fase di stallo. Gli Stati del continente più ambiziosi nella costruzione di dighe, Etiopia e Sudan, hanno visto i loro programmi di costruzione andare fuori strada o essere sospesi a causa di lotte politiche interne. Anche le considerazioni mutevoli dei nuovi finanziatori delle dighe africane hanno contribuito alla stagnazione. Per esempio, Pechino sta riducendo alcuni dei suoi prestiti ai partner africani, poiché rimane preoccupata dalla crisi finanziaria e dalla pandemia di Covid-19 in patria. Kariba è tristemente priva di una valutazione di impatto ambientale e i suoi problemi stanno mettendo in evidenza le critiche alle grandi dighe. Queste includono lo sfollamento delle comunità – la situazione di decine di migliaia di persone di Tonga nel caso di Kariba – e la lunga storia di promesse non mantenute da parte dell’energia idroelettrica in materia di compensazione e reinsediamento.

La complessa politica dello spostamento scoraggia molti possibili finanziatori della costruzione di dighe, così come i lunghi orizzonti temporali richiesti per la pianificazione e l’investimento, che la maggior parte degli Stati africani semplicemente non può sostenere senza un sostegno esterno ampio e prevedibile. Un argomento popolare a favore delle dighe era la loro capacità di immagazzinamento per far fronte alla variabilità delle precipitazioni. Ma mentre i serbatoi si prosciugano a Kariba e altrove, è chiaro che il cambiamento climatico sta aumentando il rischio che le dighe non riescano a dare il contributo promesso per la generazione di elettricità e per facilitare l’irrigazione permanente.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 884 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Cameroon

Camerun, Dangote ha annunciato investimenti nel settore energetico.

Dangote lo ha rivelato dopo aver incontrato il presidente camerunese Paul Biya nella capitale Yaounde, “abbiamo in programma di espandere i nostri investimenti in altri settori a cominciare dal petrolio

Nigeria

Nigeria: LNG Limited, Saipem nuovi contratti per 7 Miliardi di dollari

Nigeria LNG Limited (NLNG), i cui azionisti sono il governo federale della Nigeria rappresentato da Nigerian National Petroleum Corporation (NNPC), Shell Gas B.V., Total Gaz Electricité France ed Eni International

Energia

Altri due riassicuratori rifiutano la copertura per il megaprogetto del gasdotto dell’Africa orientale

Altre due compagnie di riassicurazione si sono unite alla sfilza di aziende che rifiutano di fornire copertura a un oleodotto da 5 miliardi di dollari proposto in Africa orientale, che