Perché le esportazioni di carbone in Europa potrebbero avere vita breve

Perché le esportazioni di carbone in Europa potrebbero avere vita breve

La Tanzania ha visto un aumento delle esportazioni di carbone, in particolare verso i Paesi europei, mentre l’Occidente cerca di far fronte al logorio energetico e all’onere dei costi, accentuato dall’invasione della Russia in Ucraina. La Russia è il principale fornitore di energia dell’Europa.

Tuttavia, con l’avvicinarsi della COP27, il discorso sulla protezione dell’ambiente è diventato più onnipresente, con i Paesi europei che si sono assunti il mandato di guardiano globale della transizione verde.

Tuttavia, la realtà sta tradendo questa ambizione, in quanto i fattori esterni hanno costretto l’Occidente a fare marcia indietro su alcuni obiettivi verdi.

La guerra in Ucraina ha messo l’Europa con le spalle al muro, spingendola ad accantonare temporaneamente le aspirazioni verdi in una corsa al carbone, mentre la crisi energetica della regione si aggrava. Ciò ha comportato un aumento delle spedizioni dall’Australia, dal Sud America, dalla Colombia, dal Sudafrica e, più recentemente, dalla Tanzania.

Gli ultimi dati sulle esportazioni mostrano che il porto tanzaniano di Mtwara, che fino alla fine dello scorso anno trattava principalmente anacardi, ora è pieno di navi che caricano carbone destinato al mercato europeo, in Paesi come Francia, Germania, Gran Bretagna e Polonia.

Il minerario Ruvuma Coal, con sede in Tanzania, ha già esportato almeno 400.000 tonnellate di carbone tramite un commerciante verso Paesi come l’Olanda, la Francia e l’India, secondo i dati commerciali. L’ampia spedizione è stata il risultato della firma di un contratto per l’esportazione di carbone da parte di Ruvuma Coal Limited e Kenexon Company, con sede a Hong Kong, alcuni mesi fa.

Poiché la guerra in Europa ha portato a una corsa mondiale per il combustibile inquinante, la spinta per il carbone tanzaniano, almeno, si trova di fronte a un futuro incerto.

Durante la sua visita in Tanzania, il Commissario europeo per i Partenariati Internazionali, Jutta Urpilainen, ha dichiarato che l’Unione Europea sta cercando di ridurre la sua dipendenza dai combustibili fossili, aggiungendo inoltre che, per principio, “l’UE non finanzia alcun progetto di combustibili fossili nei Paesi partner”.

Le osservazioni del Commissario gettano una nuvola scura sui recenti guadagni della Tanzania nelle esportazioni di carbone. Nonostante i prezzi del carbone termico utilizzato per generare elettricità siano balzati a livelli record nel 2022, l’esportazione dello stesso verso l’Europa potrebbe incontrare qualche resistenza a causa della spinta energetica verde.

L’agenda verde dell’Europa tra le massicce importazioni di carbone
Per attuare l’agenda di riduzione dell’uso di combustibili inquinanti, nel settembre 2022 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e quasi 200 altre associazioni sanitarie hanno lanciato un appello senza precedenti per un trattato globale di non proliferazione dei combustibili fossili. L’UE ha fatto eco agli stessi sentimenti e sta lavorando a un meccanismo per garantire in modo efficace ed equo che quantità più sicure di combustibili fossili rimangano nel terreno.

Il Ministro dell’Energia della Tanzania, January Makamba, tuttavia, non sembra molto soddisfatto degli ultimi sviluppi politici in Europa, che di fatto avranno un impatto sulla Tanzania. “Ho sentito parlare della proposta del Trattato di non proliferazione dei combustibili fossili. Stiamo tenendo d’occhio gli sviluppi”, ha detto Makamba durante un breve dialogo con The Citizen.

La posizione assunta dagli influencer globali per arginare la crescente minaccia dei combustibili fossili sembra aumentare di minuto in minuto. “La moderna dipendenza dai combustibili fossili non è solo un atto di vandalismo ambientale. Dal punto di vista della salute, è un atto di auto-sabotaggio”, ha dichiarato il Presidente dell’OMS, Dr. Tedros Adhanom Ghebreyesus.

L’UE sta attualmente spingendo l’agenda verde su scala globale (e in Tanzania) nell’ambito del Fondo Europeo per lo Sviluppo Sostenibile, volto a promuovere la crescita sostenibile. Durante la visita della signora Urpilainen, il partner globale ha concesso alla Tanzania 110 milioni di euro per sbloccare l’economia blu del Paese, che comprende lo sfruttamento del potenziale dell’oceano e delle economie costiere (ad esempio nei settori della pesca/maricoltura, della silvicoltura, delle energie rinnovabili e dell’ecoturismo) “preservando al contempo l’ambiente e la biodiversità per la resilienza al clima e ai disastri”.

“Questo sostegno alla Tanzania va di pari passo con la nostra volontà di preservare l’ambiente. Vogliamo sostenere i nostri partner africani negli investimenti nelle energie rinnovabili”, ha dichiarato la signora Urpilainen.

Tuttavia, la praticità dell’agenda verde dell’UE sembra essere in contrasto con le tendenze globali e le richieste energetiche. Le scorte di carbone che i Paesi europei importano dall’Africa testimoniano l’attuale contraddizione dell’energia verde.

Gli acquirenti in Europa e altrove sono ora in lizza per pagare il prezzo più alto per il carbone proveniente da miniere spesso remote in luoghi come la Tanzania, il Botswana, il Sudafrica e potenzialmente anche il Madagascar, con alcuni disposti a pagare il doppio del prezzo quotato dagli acquirenti asiatici.

La rinascita della domanda di carbone, guidata dai governi che cercano di liberarsi dall’energia russa e di tenere sotto controllo i prezzi dell’energia elettrica, mette sotto osservazione l’agenda verde e il piano climatico dell’UE.

La signora Urpilainen sostiene che gli Stati membri dell’UE sono impegnati nel piano energetico verde, nonostante gli sforzi per mitigare l’acuta crisi energetica, che li costringe a ricorrere all’uso del carbone. “L’UE non può fare affidamento sulla Russia per l’energia. Abbiamo in programma di diventare neutrali dal punto di vista delle emissioni di carbonio entro il 2050. Abbiamo intenzione di attuare questa missione sul carbonio”, ha dichiarato il Commissario UE.

La Tanzania ha guadagnato circa 2,3 miliardi di dollari nel 2019 dalle esportazioni di minerali, un contributo significativo all’economia. Nel 2021, l’estrazione mineraria ha contribuito ampiamente al PIL del Q1, con il 10,2%.

In Tanzania, le riserve di carbone sono stimate a 1,9 miliardi di tonnellate.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 884 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Economia

L’importanza dell’accordo Etiope sulla blockchain

Al lancio di bitcoin nel 2009 la dimensione del potenziale della tecnologia sottostante, la blockchain, non era pienamente apprezzata. Ciò che non è stato pienamente sfruttato sono le caratteristiche uniche

Tanzania

Dovrebbero le scuole africane smettere di insegnare in Inglese?

Nel mese di ottobre 2015, Ministro dell’Istruzione del Ghana, il Dr. Jane Naana Opoku Agyemang ha annunciato l’intenzione del governo del Ghana di cambiare la lingua di insegnamento. La Tanzania ha

Africa Orientale

Unione Africana, accelerare l’industrializzazione per superare la pandemia

L’Unione Africana ha dichiarato che lavorerà per accelerare la sua agenda di sviluppo industriale e riconfigurare le supply chain per superare le difficoltà commerciali e logistiche del continente che sono