Un punto di svolta per il solare africano

Per l’industria solare commerciale e industriale africana, il 2022 è stato davvero un anno spartiacque. Il settore ha visto un livello di attività senza precedenti, sotto forma di fusioni e acquisizioni e investimenti su larga scala.

Empower New Energy, con sede a Oslo, ha raccolto 100 milioni di dollari per 150 MW di progetti solari industriali, mentre Starsight Energy si è fusa con SolarAfrica. A settembre, Daystar Power (l’azienda che ho co-fondato con Christian Wessels) è stata acquisita da Shell, la sua prima acquisizione di un’attività energetica nel continente.

Questa raffica di attività potrebbe far sembrare che il solare C&I in Africa sia un successo improvviso, ma il settore ha guadagnato lentamente trazione da quando il modello è emerso per la prima volta nel 2015. Quest’anno, una confluenza di fattori – prezzi del diesel storicamente elevati, reti elettriche che invecchiano, pressioni crescenti per ridurre le emissioni di anidride carbonica e l’adozione crescente del solare da parte di grandi produttori multinazionali – si sono uniti per portare al punto di svolta del settore. E l’aspetto entusiasmante è che il solare C&I africano ha appena scalfito la superficie.

L’inizio lento
Come ogni nuovo settore, ci è voluto del tempo prima che il solare C&I africano conquistasse le aziende. Poiché il modello era nuovo, i clienti aziendali avevano dei dubbi sull’energia solare. I direttori finanziari non erano abituati a firmare contratti a lungo termine per installazioni in loco con zero costi operativi iniziali. I facility manager delle grandi fabbriche erano preoccupati dell’efficacia del solare fotovoltaico o temevano che avrebbe disturbato i loro sistemi di alimentazione esistenti, come i generatori diesel multipli o la connessione alla rete. Tuttavia, i risparmi sui costi derivanti dall’integrazione dell’energia solare nell’autogenerazione erano innegabili. Oggi, l’elettricità solare costa all’incirca da 0,10 dollari/kWh a 0,11 dollari/kWh, ossia cinque volte meno dell’elettricità generata da un generatore diesel (da 0,55 dollari/kWh a 0,70 dollari/kWh) e alla pari con la rete nazionale (da 0,10 dollari/kWh a 0,17 dollari/kWh).

In Africa occidentale, soprattutto in Nigeria, le aziende funzionano effettivamente con generatori diesel, data la scarsità di energia di rete. Le aziende nigeriane citano regolarmente il diesel come seconda o terza spesa più importante. I produttori indicano che il diesel rappresenta il 40% dei costi operativi. Sostituendo i generatori diesel con il solare per l’alimentazione diurna, le aziende potrebbero risparmiare fino al 40% sui costi energetici. Questo vantaggio per la linea di fondo ha convinto molte aziende dell’Africa occidentale ad adottare il solare. Quando i primi grandi produttori hanno installato l’energia solare nelle loro fabbriche, molti altri imprenditori hanno seguito il loro esempio.

L’impennata storica dei prezzi del diesel – innescata dalle interruzioni della catena di approvvigionamento legate a Covid e aggravata dalla guerra della Russia in Ucraina – ha ulteriormente accelerato il passaggio al solare. In Nigeria, i prezzi del diesel hanno subito un’impennata del 290%, passando da 250 NGN (0,57 dollari) al litro a oltre 800 NGN al litro, costringendo molte aziende a ridurre l’orario di lavoro o a chiudere del tutto. Data la ritrovata fiducia nel modello solare C&I, dopo anni di crescente consapevolezza e adozione da parte delle grandi aziende, le imprese nigeriane si sono affrettate ad adottare il solare per ridurre la loro dipendenza dai costosi generatori diesel. Quest’anno, Daystar Power ha ricevuto un numero di richieste di vendita in entrata tre volte superiore, proprio come altri sviluppatori solari del Paese.

Carenze della rete
In tutta l’Africa subsahariana, le reti nazionali, a corto di investimenti, faticano a fornire energia affidabile alle aziende. Al momento della stesura di questo articolo, l’ultima volta che la rete elettrica nigeriana ha subito blackout diffusi è stato il 26 settembre ed è probabile che sia già successo di nuovo. Con 12,5 GW di capacità di generazione elettrica installata, solo un quarto della quantità di energia viene effettivamente prodotta. La rete del Paese non è in grado di soddisfare il fabbisogno energetico in rapida crescita di persone e aziende.

Le imprese con operazioni a catena fredda, come le aziende farmaceutiche e della pesca, così come i produttori dell’industria pesante, non possono permettersi un minuto di inattività. I generatori diesel di riserva non sono solo piacevoli da avere, ma sono una necessità assoluta e costosa.

La situazione è simile in tutta la regione. Tuttavia, data la mancanza di investimenti per aggiornare le infrastrutture obsolete, le società di servizi sono costrette ad aumentare i prezzi della rete.

Solare a cascata
Le multinazionali, sia quelle che già operano nell’Africa subsahariana sia quelle che si preparano ad espandersi, hanno linee guida piuttosto rigide quando si tratta di obiettivi di sviluppo sostenibile. L’energia pulita poteva essere una novità un decennio fa, ma oggi è radicata nella strategia commerciale di alcune delle più grandi aziende del mondo.

“Dovremmo installare dei pannelli solari?” non è più una domanda. Ora le aziende si chiedono invece: “Come possiamo capitalizzare il solare su scala?”. E mentre i dipartimenti di approvvigionamento di queste multinazionali cercano fornitori per solarizzare le loro attività in tutto il continente, gli sviluppatori con una solida esperienza avranno molte opportunità di grandi prezzi nell’immediato futuro.

Cosa succederà in futuro?
Il settore solare C&I africano ha un futuro brillante davanti a sé, con la Nigeria che da sola vale almeno 15 miliardi di dollari all’anno. L’aumento dei tassi di adozione e il cambiamento delle condizioni di mercato hanno creato un ambiente maturo per i nuovi arrivati che potrebbero aver trascurato il continente in precedenza. L’avvento di nuovi – almeno per questo continente – modelli di business, come il commercio di crediti di carbonio, non farà che approfondire il mercato. È un momento molto eccitante per essere in questo spazio.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito