Il boom dei metalli in Africa subirà la stessa maledizione del petrolio?

Gli scavatori meccanici sono al lavoro nel desolante paesaggio della miniera a cielo aperto di Moanda, in Gabon, utilizzando ganasce giganti per estrarre il manganese e poi scaricare il minerale in camion con un colpo secco.

“Siamo fortunati qui a Moanda. Lo troviamo a circa cinque-sei metri (circa 18 piedi) sotto la superficie”, ha detto il direttore Olivier Kassibi, la cui miniera produce 36 tonnellate di manganese al giorno.

Consulenti in disaccordo

L’elemento numero 25 della tavola periodica, il manganese, è stato tradizionalmente percepito come un materiale utile, anche se modesto, ampiamente utilizzato nell’acciaio e nelle leghe.

Più recentemente, però, il metallo argenteo ha guadagnato lo status di star grazie al suo ruolo emergente nelle batterie ricaricabili per auto, aiutando a liberare il mondo dai combustibili fossili che emettono carbonio.

La decarbonizzazione dell’economia mondiale sarà al centro dei colloqui sul clima COP27 delle Nazioni Unite, che si terranno in Egitto il mese prossimo.

E mentre la grande transizione entra in una marcia superiore, gli occhi si rivolgono all’Africa.

Il suo suolo è ricco di manganese, cobalto, nichel e litio – ingredienti cruciali per una tecnologia più pulita per generare o immagazzinare energia.

La regione di Moanda da sola contiene un quarto delle riserve globali conosciute di manganese, secondo la Compagnie Miniere de l’Ogooue (Comilog), una filiale del gruppo francese Eramet che gestisce il sito.

Maledizione del petrolio
Ma le speranze che il boom minerario si traduca in una nuova alba di prosperità nel continente più povero del mondo sono offuscate dai ricordi di quanto accaduto con il petrolio.

Nei Paesi africani produttori di petrolio, l’oro nero ha significato uno zampillo di ricchezza per pochi benestanti, ma solo gocce per la maggioranza bisognosa.

La corruzione ha risucchiato i dollari dai piani per strade, ospedali e scuole, e spesso il danno ambientale è stato tutto ciò che è rimasto.

Un enorme potenziale
Il potenziale dell’Africa nei minerali della nuova era è “enorme”, ha detto l’ex capo economista della Banca Africana di Sviluppo, Rabah Arezki, che ha sottolineato che le riserve non sono nemmeno conosciute perché sono state fatte poche esplorazioni.

Ma, ha aggiunto, “ci sono pochissimi motivi per pensare che questa vincita andrà a beneficio delle popolazioni africane, soprattutto a causa delle preoccupazioni legate alla governance”.

I nuovi depositi di metalli si susseguono a un ritmo vertiginoso.

In un esempio, l’australiana Firefinch Ltd stava cercando l’oro a Goulamina, nel Mali meridionale, quando si è imbattuta nel litio, ha detto Seydou Semega, geologo e direttore locale dell’azienda.

Firefinch ha poi creato una filiale locale, Leo Lithium, e ha inaugurato la miniera all’inizio del 2022 – una struttura che, secondo l’azienda, potrebbe creare 1.200 posti di lavoro e generare più di 100 milioni di dollari all’anno per il Mali in tasse e dividendi.

“L’Africa potrebbe essere la principale fonte di litio al mondo?”, ha chiesto Simon Hay, direttore di Leo Lithium. “Assolutamente sì”.

Posti di lavoro diretti e indiretti
Comilog, che gestisce la miniera di Moanda dal 1960, sostiene la creazione di 3.400 posti di lavoro diretti e 6.000 indiretti, un contributo di circa 345 milioni di dollari all’anno all’economia nazionale in varie forme, oltre a milioni di dollari in servizi sanitari e di istruzione per la popolazione.

“È necessario avere una politica sociale che si impegni al massimo per condividere questa ricchezza”, ha detto il suo Amministratore Delegato, Leod Paul Batolo.

Comilog è desiderosa di elencare i suoi principi verdi, che includono la riabilitazione e la ripiantumazione dei siti di estrazione, la decarbonizzazione del mix energetico delle sue fabbriche e la “limitazione” dell’invasione delle aree naturali.

Ma più in generale, innumerevoli studi affermano che lo sfruttamento delle risorse in Africa ha una lunga e oscura storia di distribuzione ineguale della ricchezza, corruzione, danni ambientali e violazioni dei diritti.

Catena del valore
Un grosso problema è che l’Africa viene tipicamente utilizzata come fonte di materie prime, e raramente per trasformarle in beni di valore superiore, ha detto Gilles Lepesant, geografo presso il Centro Nazionale Francese per la Ricerca Scientifica (CNRS).

“Se l’attività si limita all’estrazione di minerali, l’Africa non trarrà alcun beneficio dalla transizione energetica in Europa. È assolutamente necessario investire nella catena del valore”, ha affermato.

Ha indicato la Repubblica Democratica del Congo, il cui suolo si stima contenga la metà delle riserve mondiali di cobalto, come esempio di qualcosa che è “sia un’opportunità che una maledizione”.

L’estrazione mineraria mal regolamentata porta a danni ambientali e incoraggia il lavoro minorile, un fenomeno difficile da risolvere quando il sostentamento di una famiglia dipende da questo.

Nel settore della silvicoltura tropicale, molti Paesi ricchi hanno richiesto la tracciabilità del legno e del lavoro, per rassicurare i consumatori preoccupati.

Ma questo è molto più difficile da ottenere per i metalli utilizzati nelle batterie delle auto e in altri gadget, ha detto Lepesant.

“In molti casi, il metallo estratto viene esportato per essere raffinato in altri Paesi, ad esempio in Cina, e poi combinato con altri metalli, per cui è difficile sapere se il cobalto che avete sulla vostra linea di produzione proviene effettivamente da una certa miniera nella Repubblica Democratica del Congo”, ha detto.

L’analista Hugo Brennan della società britannica Verisk Maplecroft ha detto che le nazioni africane devono trovare “un difficile equilibrio” – fornire incentivi per gli investimenti e allo stesso tempo far rispettare gli standard sociali e ambientali – per garantire che il loro boom minerario non faccia la stessa fine del petrolio.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito