La crisi del carburante in Malawi non ha fine.

La crisi del carburante in Malawi non ha fine.

Gli automobilisti in Malawi passano tutta la notte in lunghe file alle stazioni di servizio nella speranza di riempire i loro serbatoi di benzina, mentre il Paese sta lottando con una carenza di carburante che dura da settimane.

Elizabeth Lingala gestisce un’attività di ristorazione nel mercato di Blantyre, a circa sei chilometri da casa sua, nella zona di Mpemba. Ha detto che lunedì ha smesso di usare la sua auto dopo un inutile tentativo di acquistare il carburante in una stazione di rifornimento.

“Per esempio, domenica scorsa sono andata lì alle 4.30 del mattino, ma fino alle 10 del mattino non avevo carburante. E ho dovuto lasciare quel posto. Sono una donna. Devo occuparmi dei bambini. Ho una casa da gestire. Non posso rimanere cinque ore in una stazione di rifornimento in attesa del carburante, che quel giorno non è nemmeno arrivato”, ha detto.

Gli utenti hanno anche inondato i social media con segnalazioni di persone derubate dei loro telefoni e di altri beni, e di auto scassinate mentre gli automobilisti aspettavano in fila per il carburante di notte.

Il carburante scarseggia in Malawi da circa due mesi.

Le autorità affermano che ciò è dovuto in gran parte alla carenza di valuta estera, che ha influenzato il carico di carburante per il Malawi nei porti di Beira, Mozambico e Dar es Salaam, Tanzania.

Durante una conferenza stampa nel fine settimana, le autorità governative non hanno dato risposte chiare su quando il problema finirà.

Henry Kachaje, direttore esecutivo dell’Autorità di Regolamentazione dell’Energia del Malawi, ha dichiarato di sperare che la situazione inizi a normalizzarsi a partire dalla metà di novembre, se si riuscirà a reperire valuta estera.

Questi includono i 60 milioni di dollari che il Governo ha detto di aver reperito per acquistare il carburante.

“Abbiamo anche la certezza che le trattative in corso con un finanziatore internazionale sono quasi completate e che, una volta che sarà a bordo, la Compagnia Petrolifera Nazionale, responsabile della gestione delle riserve strategiche di petrolio, disporrà di risorse adeguate per aiutare a rifornire le riserve strategiche”, ha detto Kachaje.

Nel frattempo, coloro che hanno più bisogno di questo bene hanno acquistato il carburante al mercato nero, dove i prezzi sono più che doppi rispetto al prezzo alla pompa.

Per porre fine al problema, l’Autorità di Regolamentazione per l’Energia del Malawi ha sospeso i permessi per l’acquisto di carburante all’ingrosso tramite taniche, affermando che molte persone ne stavano abusando acquistando carburante solo per rivenderlo al mercato nero.

Ora, coloro che utilizzano i gruppi elettrogeni portano con sé i loro gadget mentre aspettano in fila alle stazioni di servizio.

Humphrey Mvula, un analista del buon governo con sede a Blantyre, ha detto che i problemi di valuta estera avrebbero potuto essere evitati se il Presidente Lazarus Chakwera non avesse posto fine all’accordo di assistenza finanziaria con il Fondo Monetario Internazionale (FMI) dopo aver preso il potere nel 2020.

L’amministrazione Chakwera ha annullato l’accordo, noto come Extended Credit Facility, a causa di un’accusa secondo cui la precedente amministrazione del Presidente Peter Mutharika avrebbe falsificato i documenti al FMI sulla gestione dei fondi ECF.

“L’unica cosa spiacevole è che hanno deciso di cancellare l’ECF per correggere un problema prima di aver stabilito altri mezzi per generare forex. O prima di aver introdotto misure di contingenza che avrebbero limitato l’uso eccessivo del forex”, ha detto Mvula.

Ha aggiunto che l’unica soluzione per il Malawi per risolvere il problema della valuta estera è quella di intraprendere programmi che aumentino la base delle esportazioni del Paese, piuttosto che la situazione attuale, in cui il Paese si affida pesantemente alle importazioni e al debito.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 884 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Energia

Il solare galleggiante ha un enorme potenziale per l’Africa

Molti paesi africani sono fortemente dipendenti dall’energia idroelettrica per fornire energia di base, che è colpita da siccità sempre più frequenti. Allo stesso tempo, l’Africa è caratterizzata da un potenziale

Niger

La maledizione delle riserve di petrolio aleggia sul dibattito per il cambiamento climatico

Con l’avvicinarsi del prossimo vertice COP sul clima, le nazioni africane, dal Senegal al Sudafrica, chiedono a gran voce il diritto di sviluppare le risorse di combustibili fossili – ma

Energia

Tanzania: Il settore del LNG alla ricerca di un compromesso

I ritardi nei colloqui sulla prevista struttura di esportazione di LNG della Tanzania mettono a rischio il futuro del progetto. Le società petrolifere internazionali (CIO) che si occupano di grandi