Gli accordi bilaterali Russi in Africa

Gli accordi bilaterali Russi in Africa

La diplomazia russo-africana, dopo il crollo dell’Unione Sovietica, è caratterizzata da numerosi accordi bilaterali che devono ancora essere attuati. I documenti ufficiali mostrano che durante il raduno simbolico dei leader africani a fine ottobre 2019, sono stati firmati 92 accordi per un valore totale di 12,5 miliardi di dollari, e da allora la Russia ha fatto poco per la loro attuazione.

Inoltre, la dichiarazione congiunta è un documento completo che delinea gli obiettivi chiave e i compiti necessari per elevare l’intera relazione a un nuovo livello qualitativo. Molto prima del vertice, ci sono state tonnellate di promesse e impegni che non sono stati mantenuti. Ci sono stati diversi incontri di varie commissioni intergovernative bilaterali sia a Mosca che in Africa. Il Ministero degli Affari Esteri russo riferisce che oltre 170 aziende e organizzazioni russe hanno presentato un totale di 280 proposte per realizzare progetti e affari in Africa.

Mentre la Russia si prepara al prossimo vertice previsto per il luglio 2023 a San Pietroburgo, i leader africani si mostrano pronti a partecipare attivamente, almeno ad ascoltare discorsi frizzanti, a firmare altri nuovi accordi e infine a fare foto di gruppo. Ma molti esperti e diplomatici africani di alto livello si interrogano sulla sostanza della discussione di ulteriori opportunità, sugli sforzi efficaci per costruire e rafforzare le relazioni russo-africane.

Il rilancio delle relazioni Russia-Africa deve affrontare le sfide esistenti e adottare un approccio orientato ai risultati per le questioni importanti per l’Africa. Queste includono, in particolare, la presa di coscienza dei punti di vista e delle opinioni espresse dai politici, dagli uomini d’affari, dagli esperti e dai diplomatici africani in merito alla situazione in Africa. In termini pratici, mentre la Russia rafforza il suo sogno di tornare in Africa, deve ancora mostrare un impegno sostanziale a lungo termine per collaborare con le istituzioni appropriate per promuovere lo sviluppo sostenibile in tutto il continente.

Il Professor Abdullahi Shehu, Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Repubblica Federale di Nigeria presso la Federazione Russa con accreditamento concomitante presso la Repubblica di Bielorussia, a metà ottobre ha tenuto una conferenza ai giovani diplomatici e agli studenti dell’Accademia Diplomatica del Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa sul tema “Relazioni Africa-Russia: Passato, presente e futuro”.

L’Ambasciatore Shehu ha evidenziato la storia dell’Africa, concentrandosi sugli impatti dei periodi precedenti, durante e successivi al contatto con le potenze europee, nonché sulla successiva neocolonizzazione degli Stati africani. Ha anche discusso le relazioni dell’Africa con l’URSS che, in larga misura, sono iniziate dopo l’indipendenza di diversi Stati africani negli anni ’60. Ha sottolineato i contributi all’Africa e all’Unione Europea. Ha notato i contributi alla lotta di decolonizzazione dell’Africa e ha sottolineato le numerose aree di cooperazione esistenti tra l’Africa e la Russia nel corso degli anni.

Il Profesor Shehu ha sottolineato che ci sono stati diversi accordi bilaterali con i Paesi africani. Tra il 2015 e il 2019, sono stati firmati in totale 20 accordi bilaterali di cooperazione militare tra la Russia e gli Stati africani. Molte aziende russe come Lukoil, Gasprom, Rosatom e Restec sono alcune delle industrie russe dell’energia e dell’elettricità che sono attivamente impegnate in Nigeria, Egitto, Angola, Algeria ed Etiopia.

Nel corso degli anni, la Russia ha ottenuto risultati scarsi nel settore energetico africano e in molte altre importanti sfere economiche. “Purtroppo, questi accordi non si sono concretizzati a causa della mancanza di interesse di Rosneft nel fare affari in Africa. Inoltre, la russa Rosatom ha firmato accordi sull’energia nucleare con 18 Paesi africani, tra cui la Nigeria, l’Egitto, l’Etiopia e il Ruanda, per soddisfare le esigenze energetiche di questi Paesi”, ha dichiarato.

Nonostante l’ondata di marea nelle nuove relazioni Africa-Russia, ci sono ancora delle sfide e ci sono anche nuove realtà economiche e geopolitiche. L’accettazione di queste nuove realtà è importante per assistere adeguatamente la gestione delle aspettative dell’Africa nei confronti della Russia, almeno nel breve termine.

Per quanto riguarda l’esportazione indiscriminata di armi e armamenti militari, l’Ambasciatore Shehu si è espresso in questo modo: “Questa crescente esportazione di armi verso il continente africano da parte della Russia potrebbe, tuttavia, in un certo senso, esacerbare l’insicurezza e l’instabilità, oltre ad aumentare il livello di crimini e la propensione alla criminalità. Pertanto, è nell’interesse strategico della Russia essere selettiva nella vendita di armi ai Paesi africani. Particolarmente preoccupante e strategico per l’Africa è il dispiegamento di gruppi mercenari privati russi e di altri gruppi militari privati nei Paesi africani”.

Il sostegno alle istituzioni e alle agenzie democratiche africane porterà a un’Africa più stabile, il che è nell’interesse generale a lungo termine della Russia e della sua immagine positiva, piuttosto che un guadagno economico e finanziario immediato a breve termine, ha sottolineato nella sua conferenza, spiegando inoltre che l’esportazione di armi dalla Russia all’Africa contribuisce a circa il 35% dell’esportazione globale di armi verso la regione africana.

Viste le sfide che la maggior parte dei Paesi africani deve affrontare per fornire energia e corrente adeguata, il numero di memorandum d’intesa (MOU) che Rosatom, l’azienda russa per l’energia nucleare, ha firmato con almeno quattordici Paesi africani è una notizia positiva. Ciò che sarà più significativo, tuttavia, è la portata dell’attuazione dei protocolli d’intesa, poiché, per loro stessa natura, la costruzione e il funzionamento degli impianti nucleari sono venture con prospettive di approfondimento delle relazioni a lungo termine, secondo il principale diplomatico della Nigeria.

Poco prima della sua partenza definitiva da Mosca, l’ambasciatore dello Zimbabwe presso la Federazione Russa, il Generale di Brigata Nicholas Mike Sango, mi ha detto in un’intervista che diverse questioni potrebbero rafforzare la relazione. Una direzione importante è la cooperazione economica. I diplomatici africani hanno costantemente persuaso le imprese russe a trarre vantaggio dall’Area Continentale di Libero Scambio dell’Africa (AfCFTA) come opportunità per le imprese russe di stabilire delle impronte nel continente. Questo punto di vista non ha trovato il loro favore, ma si spera che con il tempo lo trovi.

Sebbene il Governo non abbia pronunciato incentivi per le imprese che desiderano avventurarsi in Africa, le imprese russe generalmente considerano l’Africa troppo rischiosa per i loro investimenti. Ha detto che la Russia deve lasciare le sue impronte nel continente esportando i suoi vantaggi competitivi nell’ingegneria e nell’avanzamento tecnologico, per colmare il divario che ritarda l’industrializzazione e lo sviluppo dell’Africa.

“La cosa peggiore è che ci sono troppe iniziative da parte di troppe istituzioni quasi statali che promuovono la cooperazione economica con l’Africa, dicendo le stesse cose in modi diversi, ma non facendo nulla di concreto”, mi ha detto durante la lunga intervista prima della partenza. Ha servito la Repubblica dello Zimbabwe nella Federazione Russa dal luglio 2015 all’agosto 2022. In precedenza ha ricoperto diversi incarichi di alto livello, come consigliere militare nella Missione Permanente dello Zimbabwe presso le Nazioni Unite e come istruttore internazionale nella Comunità di Sviluppo dell’Africa Meridionale (SADC).

Ci sono diverse critiche simili da parte di ex ambasciatori. Secondo Mandisi Mpahlwa, ex ambasciatore sudafricano, l’Africa subsahariana è stata comprensibilmente poco presente nell’elenco delle priorità della Russia post-sovietica, dato che la Russia non dipende dalle risorse naturali dell’Africa come altre grandi economie. Il motivo: Le relazioni sovietiche e africane, ancorate come erano alla lotta per respingere le frontiere del colonialismo, non si sono necessariamente tradotte in legami commerciali, di investimento ed economici, che sarebbero continuati senza soluzione di continuità con la Russia post-sovietica.

“L’obiettivo della Russia di portare la relazione bilaterale con l’Africa al livello successivo non può essere realizzato senza una stretta partnership con il settore privato. L’Africa e la Russia sono vicine politicamente ma distanti geograficamente, e i legami interpersonali sono ancora poco sviluppati. Questo si traduce in un basso livello di conoscenza da entrambe le parti di ciò che l’altro ha da offrire. Forse c’è anche una paura dell’ignoto in entrambi i Paesi”, ha detto Mpahlawa in un’intervista dopo aver concluso il suo incarico di ambasciatore nella Federazione Russa.

La Russia ha molte debolezze politiche in Africa. I rapporti indicano che al termine del primo vertice Russia-Africa sono stati firmati più di 90 accordi. Migliaia di accordi bilaterali sono ancora sul tavolo da disegno, e promesse e impegni centenari per sostenere lo sviluppo sostenibile vengono autorevolmente rinnovati con i Paesi africani. Come un cervo polare che si sveglia dal suo sonno profondo, la Russia sta accendendo i suoi fari geopolitici in tutte le direzioni sull’Africa.

Il sito web del Ministero degli Affari Esteri russo indica che negli ultimi anni ci sono stati diversi incontri bilaterali di alto livello, la firma di protocolli d’intesa e accordi bilaterali. Nel novembre 2021, un documento politico intitolato ‘Relazione analitica sulla situazione’, presentato presso la sede dell’Agenzia di stampa TASS, era molto critico nei confronti dell’attuale politica della Russia nei confronti dell’Africa.

Sebbene il numero di incontri di alto livello sia aumentato, la quota di questioni sostanziali e di risultati definitivi nell’agenda rimane ridotta. Sottolinea esplicitamente l’approccio incoerente nel trattare molte importanti questioni di sviluppo in Africa. D’altra parte, la Russia manca di politiche di sensibilizzazione pubblica per l’Africa. Oltre all’assenza di una strategia pubblica per il continente, manca il coordinamento tra le varie istituzioni statali e parastatali che lavorano con l’Africa.

La professoressa associata Ksenia Tabarintseva-Romanova, dell’Università Federale degli Urali, Dipartimento di Relazioni Internazionali, riconosce le enormi sfide esistenti e le condizioni forse difficili dell’attuale cooperazione economica tra Africa e Russia. La creazione di un’area di libero scambio continentale africana (AfCFTA) è lo strumento moderno più importante per lo sviluppo economico dell’Africa. Questo è unico per esplorare e conoscere le opportunità che offre per la cooperazione commerciale.

Tuttavia, sostiene che un’implementazione di successo richiede un livello sufficientemente alto di sviluppo economico nei Paesi partecipanti, l’accessibilità logistica e un’industria sviluppata con la prospettiva di introdurre nuove tecnologie. Ciò significa che, affinché l’Area di Libero Scambio Continentale Africana possa svolgere efficacemente i suoi compiti, è necessario ottenere flussi di investimenti sostenibili dall’esterno. Questi investimenti dovrebbero essere indirizzati alla costruzione di impianti industriali e di corridoi di trasporto.

Parlando in precedenza nel corso di un’intervista, Tabarintseva-Romanova ha sottolineato che la Russia ha già una vasta esperienza con il continente africano, che ora consente di effettuare investimenti nel modo più efficiente possibile, sia per la Federazione Russa che per i Paesi africani. Inoltre, i potenziali investitori ed esportatori africani potrebbero anche esplorare collaborazioni e partnership commerciali in Russia.

Ma la Russia deve trovare delle vie d’uscita efficaci, allontanarsi completamente dalla retorica della diplomazia e fare un passo preliminare verso il rafforzamento dell’impegno economico con l’Africa. Deve andare oltre la tradizionale retorica dell’assistenza sovietica all’Africa. La Russia deve considerare quanto segue, come suggerito dal Professor Shehu nella sua conferenza di metà ottobre all’Accademia di Diplomazia Russa.

Ha suggerito che, come alternativa valida e sostenibile, la Russia potrebbe impegnarsi direttamente nei settori estrattivo e manifatturiero in Africa. Come dimostrato dalle sanzioni imposte alla Russia dagli Stati Uniti e dall’Europa, l’Africa offre una buona prospettiva per la vitalità e la redditività delle aziende manifatturiere russe desiderose di trasferirsi in Africa per capitalizzare il vantaggio della manodopera africana a basso costo.

L’istituzione dell’Area di Libero Scambio Continentale Africana (AfCFTA), che è la più grande del suo genere al mondo, offre all’Africa un’opportunità unica per il commercio intra-africano e, di conseguenza, potenzia le capacità e gli investimenti dell’Africa stessa. La Russia deve aprire gli occhi sulle opportunità di investimento offerte da questo mercato unico continentale da 55 Paesi africani, circa 13 miliardi di abitanti.

Per sostenere la sua argomentazione, ha anche citato Joseph Siegle, Direttore della Ricerca del Centro Africano di Studi Strategici: “La costruzione di relazioni con l’Africa più vantaggiose per entrambi dipende da cambiamenti sia nella sostanza che nel processo. Tale cambiamento richiederebbe alla Russia di stabilire impegni bilaterali più convenzionali con le istituzioni africane e non con i singoli individui. Queste iniziative si concentrerebbero sul rafforzamento del commercio, degli investimenti, del trasferimento tecnologico e degli scambi educativi. Se negoziate in modo trasparente e attuate in modo equo, tali iniziative russe sarebbero accolte con favore da molti africani”.

Nonostante le battute d’arresto di questi anni, la ricerca di un finanziamento efficace dei progetti e delle imprese è ancora in corso, secondo i rapporti ufficiali. “Ci aspetta un lavoro molto impegnativo e forse è necessario prestare attenzione all’esperienza della Cina, che fornisce alle sue imprese garanzie e sovvenzioni statali, assicurando così la capacità delle aziende di lavorare in modo sistematico e a lungo termine”, ha detto il Ministro degli Esteri Sergey Lavrov durante una riunione del Collegium del Ministero.

Gli incontri precedenti sono stati un mercato di idee straordinarie. I leader aziendali hanno ripetutamente discusso la mancanza di linee di credito e di garanzie come barriere, e la scarsa conoscenza dell’ambiente imprenditoriale come una bella sfida. Lavrov ha indicato nel messaggio di metà giugno che “in questi tempi difficili e cruciali, la partnership strategica con l’Africa è diventata una priorità della politica estera della Russia. La Russia apprezza molto la disponibilità degli africani a intensificare ulteriormente la cooperazione economica”.

Ecco perché il precedente suggerimento di Lavrov, già nel 2019, di aprire un capitolo sull’approccio e sui metodi adottati dalla Cina in Africa, diventa probabilmente importante, soprattutto discutendo la questione della costruzione di relazioni nel contesto degli attuali cambiamenti globali del 21° secolo. La Russia potrebbe prendere in considerazione il modello cinese di finanziamento di vari progetti infrastrutturali e di costruzione in Africa. La Russia deve pensare, nel contesto del mondo multipolare emergente e della crescente resistenza all’egemonia occidentale e al neocolonialismo, ad un approccio di ampio respiro per rafforzare e sostenere relazioni poliedriche di impatto con l’Africa.

Secondo i risultati della nostra ricerca di base, in netto contrasto con i principali attori globali, come Stati Uniti, Cina, Unione Europea e molti altri, le politiche della Russia hanno uno scarso impatto sui paradigmi di sviluppo africani. Le politiche della Russia hanno spesso ignorato le questioni di sviluppo sostenibile dell’Africa. La Russia deve adottare un Piano d’Azione – un documento pratico che delinei una cooperazione concreta e sostanziale tra un vertice e l’altro. In conclusione, i russi devono ricordare con forza che la tabella di marcia dell’Africa è l’Agenda 2063 dell’Unione Africana.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 884 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Politica

Africa, l’import di auto usate sta causando un problema ambientale

Tra il 2015 e il 2018, circa l’80% dei 14 milioni di auto usate esportate dall’Unione Europea (UE), dal Giappone e dagli Stati Uniti, è stato destinato a paesi a

Africa Orientale

Oleodotto Uganda-Tanzania, a breve la ripresa del progetto

I negoziati per un Host Government Agreement (HGA) per il progetto East African Crude Oil Pipe-line (EACOP) inizieranno presto. Questo a seguito del completamento dell’acquisizione da parte di Total Oil

Africa del Sud

Agricoltura in Africa: Piantare il seme della crescita

La crescita nel settore dell’agricoltura africana languirà senza investimenti significativi da parte di partner stranieri e nazionali. Il miglioramento della produttività agricola potrebbe sostenere la crescita economica nell’Africa sub-sahariana, diminuendo