L’oleodotto più lungo dell’Africa prende forma in Niger

L’oleodotto più lungo dell’Africa prende forma in Niger

Nella località di Gaya, nel sud-ovest del Niger, vicino al confine con il Benin, si sta costruendo l’oleodotto più lungo dell’Africa.
Con una lunghezza prevista di quasi 2.000 chilometri (1.240 miglia) – di cui 1.250 km nel Niger stesso – l’oleodotto collegherà i pozzi di petrolio nella regione orientale di Agadem, una zona tormentata da sanguinose incursioni jihadiste, al porto beninese di Seme.

I sostenitori del clima chiedono a gran voce la fine degli investimenti nei combustibili fossili che producono anidride carbonica.
Ma in Niger – il Paese più povero del mondo secondo il parametro dell’Indice di Sviluppo Umano delle Nazioni Unite – questo progetto è visto come un’ancora di salvezza economica.

Lo Stato dell’Africa occidentale, senza sbocco sul mare, è diventato un produttore di petrolio nel 2011. La China National Petroleum Corporation (CNPC), sfruttando le riserve, ha inviato il petrolio tramite un oleodotto alle raffinerie di Zinder, nel centro-sud del Niger.

Per le esportazioni, il Niger aveva inizialmente pianificato di spedire il greggio attraverso il porto camerunese di Kribi, passando per il vicino Ciad.

Alla fine ha optato per il “corridoio beninese” che termina sul bordo settentrionale del Golfo di Guinea.

Lanciato nel 2019, il progetto avrebbe dovuto essere completato nel 2022, ma la pandemia di Covid-19 lo ha rallentato, ha dichiarato Nafiou Issaka, vice direttore generale della West African Oil Pipeline Company (WAPCO).

Sono già stati posati più di 600 km di oleodotto e il Niger è sulla buona strada per vendere il greggio sul mercato internazionale a partire dal prossimo luglio, secondo il Ministero del Petrolio e dell’Energia.

Più di 700 soldati sono stati dispiegati per garantire la sicurezza del progetto, anche se gran parte del territorio che attraversa è stato finora risparmiato dalla violenza jihadista, secondo una fonte della sicurezza che ha chiesto di non essere nominata.

‘Il più grande investimento del Niger’
Il Niger è da tempo un importante produttore di uranio, classificato al 7° posto globale nel 2021 con una produzione totale di 2.248 tonnellate, dopo un calo di anno in anno nell’ultimo decennio, secondo la World Nuclear Association.

Ma i ricavi dell’uranio continuano a diminuire e i leader del Paese puntano sul petrolio per incrementare il bilancio nazionale, gran parte del quale è destinato alla lotta contro i jihadisti nel sud-est e nell’ovest.

Sei miliardi di dollari saranno investiti nell’oleodotto.
“Si tratta del più grande investimento del Niger dall’indipendenza dalla Francia nel 1960”, ha dichiarato Kabirou Zakari, a capo della divisione di raffinazione del petrolio del Ministero.

A partire dal 2023, la produzione di petrolio dovrebbe essere aumentata a 110.000 barili al giorno, di cui 90.000 saranno esportati, ha detto Zakari all’AFP.

Il petrolio potrebbe quindi “generare un quarto del PIL del Paese” – più di 13,6 miliardi di dollari nel 2020, secondo la Banca Mondiale – e “circa il 50 percento delle entrate fiscali del Niger”, rispetto al quattro percento e al 19 percento di oggi, ha aggiunto Zakari.

Ha stimato le riserve petrolifere del Niger a circa due miliardi di barili. Secondo le proiezioni ufficiali, il Niger produrrà 200.000 barili al giorno nel 2026.

Contrabbando di carburante
La compagnia petrolifera algerina Sonatrach ha annunciato una scoperta “incoraggiante” di petrolio a Kafra, una vasta area di 23.737 chilometri quadrati (9.165 miglia quadrate) al confine con l’Algeria.

L’azienda britannica Savannah Energy, uno dei principali attori dell’industria del gas nella vicina Nigeria, afferma di aver trovato anch’essa dei depositi nella regione di Agadem, dove i cinesi stanno già operando.

Un mercato nero di prodotti petroliferi sta fiorendo nella capitale Niamey e in altre grandi città. Un litro di benzina (gasolio) viene scambiato a 300 FCFA (40 centesimi di dollari), poco meno della metà del prezzo alla pompa.

Martedì, il Presidente del Niger Mohamed Bazoum ha detto che il contrabbando di carburante organizzato dalla vicina Nigeria è diventato una fonte di “approvvigionamento per i terroristi” e ha chiesto un giro di vite.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 777 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Energia

Zambia,Zimbabwe: iniziati i lavori per la diga idroelettrica di Batoka (2.400 MW).

Power China e General Electric hanno avviato i lavori preliminari per la diga idroelettrica di Batoka (2.400 MW) condivisa tra Zambia e Zimbabwe. L’installazione del serbatoio artificiale e dello sfioratore

Uganda

Uganda: La produzione di petrolio e’ prevista per l’inizio del 2025

L’amministratore delegato del gigante petrolifero francese Total SE, Patrick Pouyanne, ha descritto ieri come “un’occasione importante nella storia” la firma dei tre accordi per lo sviluppo del proposto oleodotto dell’Africa

Energia

Ghana – gli incentivi producono il piú grande impianto solare dell’Africa

Il Ghana è in procinto di  installare il più grande parco solare in Africa e il quarto del mondo. Quando sara completamente installato e attivo, il Progetto Nzema, come viene chiamato,