La Cina multa il Kenya per 1,31 miliardi di scellini per inadempienza sui prestiti SGR

La Cina multa il Kenya per 1,31 miliardi di scellini per inadempienza sui prestiti SGR

Il Kenya è inadempiente nel rimborso dei prestiti cinesi forniti per la costruzione della ferrovia a scartamento standard (SGR), evidenziando le difficoltà del Paese con l’aumento del debito pubblico.

Le banche cinesi hanno multato il Kenya per 1,312 miliardi di scellini nell’anno terminato a giugno per inadempienze sui prestiti, secondo i documenti del Tesoro visti da Business Daily.

Il Kenya ha attinto a oltre mezzo trilione di scellini dai finanziatori cinesi, guidati dalla Export-Import Bank of China, per finanziare la costruzione della SGR da Mombasa a Naivasha.

I contribuenti sono stati costretti a sostenere l’onere dei prestiti della SGR perché i ricavi generati dai servizi passeggeri e merci sulla tratta non sono sufficienti a coprire i costi di gestione, che si sono attestati a 18,5 miliardi di scellini nell’anno fino a giugno, a fronte di un fatturato di 15 miliardi di scellini.

“Questo (1,312 miliardi di scellini) si riferisce al costo dell’inadempienza sugli interessi all’uno per cento dell’importo dovuto”, si legge nei documenti di divulgazione visti dal Business Daily.

La SGR ha registrato una perdita operativa di 3,4 miliardi di scellini, e ha saldato 22,7 miliardi di scellini in rimborsi di prestiti nell’anno fino a giugno.

Il default è arrivato in un anno in cui il Kenya aveva chiesto un’estensione della moratoria sul rimborso del debito da parte dei finanziatori bilaterali, inclusa la Cina, di altri sei mesi fino a dicembre 2021, evitando di impegnare miliardi ai finanziatori di Pechino.

Ma i finanziatori, in particolare la Exim Bank of China, si sono opposti alla richiesta del Kenya di una sospensione dei rimborsi del debito, in una situazione di stallo che ha ritardato le erogazioni dei progetti finanziati dai prestiti cinesi.

La Cina ha posticipato i rimborsi nel gennaio dello scorso anno, aiutando il Kenya a trattenere temporaneamente 27 miliardi di scellini che erano dovuti per sei mesi, fino a giugno 2021. L’opposizione dei creditori cinesi ha costretto Nairobi ad abbandonare la sua spinta per l’estensione della vacanza per il rimborso del debito, al fine di evitare di mettere a dura prova le relazioni con il principale creditore bilaterale del Kenya.

La Cina, che ha rappresentato circa un terzo dei costi di servizio del debito esterno del Kenya per il 2021-22, è il più grande creditore estero della nazione dopo la Banca Mondiale. Il Kenya ha speso un totale di 117,7 miliardi di scudi per il debito cinese nel periodo, di cui circa 24,7 miliardi di scudi in pagamenti di interessi e quasi 93 miliardi di scudi in rimborsi, secondo i documenti di bilancio.

Il rimborso del prestito SGR è iniziato nel gennaio 2020, dopo la scadenza del periodo di grazia di cinque anni che Pechino aveva concesso al Kenya.

L’inadempienza del prestito sottolinea la difficoltà finanziaria del Kenya di fronte ai debiti che stanno rapidamente maturando e che hanno intaccato profondamente le entrate fiscali e compresso i fondi per i progetti di sviluppo.

L’amministrazione dell’ex Presidente Uhuru Kenyatta ha preso in gran parte prestiti dalla Cina a partire dal 2014 per costruire strade, ponti, centrali elettriche e l’SGR.

Questo è iniziato dopo che il Kenya è diventato un’economia a reddito medio-basso, escludendo i prestiti altamente agevolati dei finanziatori dello sviluppo come la Banca Mondiale.

L’influenza della Cina sullo sviluppo delle infrastrutture del Paese, tuttavia, è iniziata seriamente con la costruzione della Thika Superhighway tra gennaio 2009 e novembre 2012, per un costo di circa 32 miliardi di scudi, durante l’ultimo mandato del Presidente Mwai Kibaki.

L’accordo per il finanziamento della prima fase della SGR, il progetto infrastrutturale più grande del Kenya per costo dall’indipendenza, ha visto la Cina superare il Giappone come maggior finanziatore bilaterale del Kenya.

Il debito del Kenya è aumentato di oltre quattro volte, raggiungendo gli 8.58 trilioni di scudi sotto l’amministrazione Kenyatta.

Secondo il Fondo Monetario Internazionale (FMI), l’aumento delle passività ha lasciato il Paese ad alto rischio di sofferenza debitoria.

Il costo del servizio del debito pubblico è destinato ad aumentare di un terzo, raggiungendo la cifra record di 1.39 trilioni di scudi nell’anno fiscale fino a giugno 2023, più della metà delle entrate statali previste.

Il Kenya ha speso quasi il 57% delle entrate fiscali nell’ultimo anno finanziario per rimborsare i prestiti, secondo il Tesoro, sottolineando gli effetti dell’aumento del debito pubblico sulle finanze dello Stato.

I termini dei contratti di prestito della Cina con i Paesi in via di sviluppo sono insolitamente segreti e richiedono che i mutuatari diano priorità al rimborso alle banche statali cinesi prima di altri creditori. Una cache di tali contratti è stata rivelata in un rapporto passato di Reuters.

Il set di dati – compilato nel corso di tre anni da AidData, un laboratorio di ricerca statunitense presso il College of William & Mary – comprende 100 contratti di prestito cinesi con 24 Paesi a basso e medio reddito, alcuni dei quali stanno lottando con un debito crescente a causa delle ricadute economiche della pandemia di Covid-19.

Ha scoperto diverse caratteristiche insolite, tra cui clausole di riservatezza che impediscono ai mutuatari di rivelare i termini dei prestiti, accordi informali di garanzia che avvantaggiano i finanziatori cinesi rispetto ad altri creditori e promesse di tenere il debito fuori dalle ristrutturazioni collettive – soprannominate dagli autori clausole “no Club di Parigi”.

Il Club di Parigi è un gruppo di funzionari dei principali Paesi creditori il cui ruolo è quello di trovare soluzioni alle difficoltà di pagamento dei Paesi debitori.

Il mese scorso il Presidente William Ruto ha invertito una delle politiche più controverse della precedente amministrazione, che aveva reso obbligatorio lo sdoganamento delle merci presso i depositi di container interni di Nairobi e Naivasha.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 777 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa del Sud

Africa, il miracolo della crescita dell’Agricoltura

La rivoluzione verde del dopoguerra che ha trasformato l’Asia sembrava aver bypassato l’Africa. Ma tra il 2000 e il 2014 la produzione di grano è triplicata in paesi come l’Etiopia,

Sud Africa

Africa – La nuova corsa all’oro, Hotel

Le principali catene alberghiere internazionali stanno preparando migliaia di nuove camere in Africa, desiderose di espandersi  nel continente, senza perdere l’opportunità data dalla rapida crescita. Secondo la CNN, da Lagos e

Rwanda

Ruanda: Il Kigali Financial Center

Il Kigali International FinancialCentre (KIFC) ha ricevuto molta attenzione da aprte della stampa negli ultimi mesi con grandi aspettative sul suo ruolo nello sviluppo economico del Paese. Tuttavia, esistono ancora