L’Africa sub-sahariana si trova a dover fare i conti con un enorme debito pubblico.

L’Africa sub-sahariana si trova a dover fare i conti con un enorme debito pubblico.

I Paesi dell’Africa orientale stanno affrontando un rischio immediato di insolvenza sui loro prestiti nei prossimi mesi, a causa di una combinazione di aumento dei costi di pagamento del debito, aumento dei prestiti, aumento dei costi delle importazioni e maggiori pressioni inflazionistiche associate al continuo apprezzamento del dollaro.

E questo potrebbe minare le prospettive di una piena ripresa economica dalla pandemia, poiché la crescita economica rallenta a causa del rallentamento mondiale, delle condizioni finanziarie globali più rigide e della volatilità dei prezzi delle materie prime che si riversano nella regione ancora in difficoltà per le conseguenze della pandemia, secondo le previsioni del Fondo Monetario Internazionale.

“Troppi Paesi a basso reddito sono in difficoltà o quasi. Per evitare un’ondata di crisi del debito sovrano, è urgente progredire verso ristrutturazioni ordinate del debito attraverso il quadro comune del G20 per i Paesi più colpiti. Il tempo potrebbe presto scadere”, ha dichiarato Pierre Olivier Gourinchas, Capo Economista del FMI, rilasciando il Rapporto sulle prospettive economiche globali.

Il FMI ha avvertito del rischio crescente che l’economia globale scivoli in una recessione il prossimo anno, poiché si prevede che la crescita rallenti al 2,7 percento, rispetto al 3,2 percento del 2022, la proiezione più bassa dal 2001.

Posizione debole
Nell’Africa sub-sahariana, si prevede che la crescita rallenti bruscamente quest’anno al 3,6 percento e si prevede che rimanga contenuta al 3,7 percento nel 2023.

Ora, la sfida che i responsabili economici della regione devono affrontare è come navigare in un’economia globale cupa e minimizzare gli shock sulle loro economie.

I livelli di debito in tutta la regione sono aumentati bruscamente nell’ultimo decennio e si sono esacerbati durante la pandemia di Covid-19, quando i Paesi hanno contratto ingenti prestiti per contenerla.

Il Ruanda, il cui stock di debito è salito bruscamente al 78,3 percento del PIL nel 2021, rispetto al 60,7 percento del PIL prima della pandemia nel 2019, si prevede che spenderà almeno il 14,5 percento dei suoi guadagni da esportazione per pagare il debito, rispetto al 12,6 percento circa del 2019.

Ma si prevede che spenderà ancora di più nel 2023 – salendo al 30 percento del PIL, quando il Paese dovrebbe effettuare il rimborso dell’Eurobond da 400 milioni di dollari emesso nel 2013.

“Non abbiamo alcun problema che metta il Ruanda in una posizione di debolezza rispetto al servizio del suo debito estero, perché oltre l’80 percento del nostro debito è concessionale e quindi facile da gestire in futuro…”, ha dichiarato John Rwangombwa, Governatore della Banca Nazionale del Ruanda.

Il debito pubblico totale del Kenya a luglio di quest’anno era di 8,61 trilioni di Ksh (71,75 miliardi di dollari), pari al 68,1 percento del Prodotto Interno Lordo (PIL), secondo i dati del Tesoro Nazionale.

A luglio, la percentuale di debito del Kenya nei confronti dei multilaterali era del 46 percento, seguita da bilaterali (25 percento), obbligazioni sovrane internazionali (20 percento), banche commerciali (6 percento) e debito garantito (3 percento).

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 777 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Mozambico

Mozambico, la nuova destinazione per gli investimenti immobiliari?

Il Fondo Monetario Internazionale ha previsto per il Mozambico una crescita reale del PIL del 5,5% quest’anno, rispetto al 2,1% del 2019. La Banca Mondiale prevede una ripresa della crescita

Africa del Sud

Aga Khan: E’ arrivato Il momento dell’Africa

Sua Altezza l’Aga Khan ha esaltato la resilienza, il progresso economico e la nuova disponibilità ad accettare la diversità dell’Africa. “Quello che vediamo emergere oggi è una rinnovata fiducia in Africa

Africa Sub Sahariana

Il ‘Build Back Better’ del G7 da 600 miliardi di dollari per contrastare la BRI della Cina.

Lo scorso giugno, i leader delle maggiori economie del Fondo Monetario Internazionale e delle democrazie liberali più ricche del mondo si sono riuniti al castello di Elmau, nelle pittoresche Alpi