Uganda: Le aziende locali si aggiudicano le gare d’appalto del settore petrolifero

Uganda: Le aziende locali si aggiudicano le gare d’appalto del settore petrolifero

L’arrivo dei pezzi di ricambio per l’impianto di perforazione del campo petrolifero Kingfisher è stato ampiamente celebrato come un’altra svolta per l’Uganda che si avvicina alla produzione commerciale di petrolio nell’ultimo trimestre del 2025.

Un dettaglio chiave annotato nelle celebrazioni è che un’azienda locale, DDG Logistics Ltd, è stata subappaltata per trasportare la piattaforma LR8001 dal porto di Mombasa, in Kenya, al campo petrolifero ai paralleli del Lake Albert. La piattaforma sarà utilizzata per perforare 33 pozzi nell’Area di Sviluppo Kingfisher a Kikuube.

La compagnia petrolifera cinese, Cnooc Uganda Ltd, ha affidato la gara d’appalto a China Oilfield Services (COSL) Uganda Smc Ltd, che ha subappaltato alla società di logistica locale, RI Distributors Ltd, lo sdoganamento della piattaforma attraverso la burocrazia doganale a Mombasa e il trasporto a Kikuube.
Tuttavia, data l’entità e la portata dell’incarico di trasporto, che richiedeva più di 250 camion, RI Distributors ha subappaltato anche la joint venture DDG Logistics.
La joint venture coinvolge cinque aziende, ossia RI Distributors Ltd, DT Logistics Ltd, Globetrotters Ltd, Daks Couriers Ltd e RichFlo Lift Services Ltd.

“Abbiamo costituito DDG Logistics l’anno scorso per prepararci a lavori complessi come il trasferimento della piattaforma. Consegnando il primo impianto di perforazione a Kingfisher, abbiamo dimostrato la disponibilità di DDG Logistics a servire nell’industria altamente competitiva del petrolio e del gas”, ha dichiarato David Kasingwire, presidente di DDG Logistics Ltd..
Secondo i termini, l’azienda deve trasportare le parti dell’impianto di perforazione da Mombasa al campo petrolifero entro 35 giorni dalla data di arrivo della nave a Mombasa. Ciò significa che saranno effettuati più di 250 viaggi su strada per trasportare le parti della piattaforma su una distanza di quasi 1.800 km.

Il settore dei trasporti e della logistica è uno dei 16 settori riservati alle aziende locali, secondo le norme sul Contenuto Nazionale per l’upstream e il midstream emanate nel 2016. Gli altri sono la misurazione del territorio, lo sdoganamento e le spedizioni, la sicurezza, gli alimenti e le bevande, gli hotel e gli alloggi, la fornitura di carburante, tra gli altri.
Mentre nei documenti politici, il trasporto e la logistica per il settore petrolifero sono riservati agli operatori indigeni, il signor Kasingirwe ha dichiarato a questa testata nel fine settimana che si tratta di un settore ad alta intensità di capitale.
“Anche se si tratta di uno spazio protetto, non è facile entrarvi. L’industria petrolifera richiede ai fornitori di servizi standard molto elevati che riguardano la gestione, la salute e la sicurezza e la protezione dell’ambiente, per citarne solo alcuni. Richiedono inoltre bilanci e liquidità solidi. Lavorare come joint venture ci ha aiutato a raggiungere tutti questi obiettivi. Da soli, nessuno di noi sarebbe stato in grado di realizzare un progetto del genere”.

L’azienda vede altre opportunità di trasporto nei prossimi tre-cinque anni, come il Progetto Tilenga e la costruzione dell’East African Crude Oil Pipeline (EACOP), che trasporta tubi e altri materiali attraverso la Tanzania continentale in direzione dell’Uganda.
La sezione ugandese dell’EACOP è di 296 km e attraversa i 10 distretti di Hoima, Kikuube, Kakumiro, Kyankwanzi, Mubende, Gomba, Sembabule, Lwengo, Rakai e Kyotera.
L’autorità di regolamentazione del settore petrolifero, Petroleum Authority of Uganda (PAU), stima che almeno 8 milioni di tonnellate di attrezzature saranno acquistate a livello nazionale, regionale e internazionale durante la fase di costruzione in corso, il che significa grandi affari per il settore dei trasporti e della logistica.

Dall’annuncio della Decisione Finale di Investimento (FID) a febbraio, la PAU afferma che sono stati assegnati oltre 174 contratti per un valore di oltre 6,5 miliardi di dollari (24 mila miliardi di Shs), di cui 1,7 miliardi di dollari (6,5 mila miliardi di Shs) sono stati assegnati ad aziende ugandesi, direttamente al livello 1 (933 dollari) – ovvero 3,5 tonnellate di Shs – e attraverso impegni di subappalto al livello 2 (745 milioni di dollari) – ovvero 2,8 mila miliardi di Shs.
Il valore stimato per le entità ugandesi fino ad oggi, secondo il PAU, è stimato al 25 percento, mentre si prevede che le aziende straniere che si sono aggiudicate i contratti ai livelli Tier 1 e Tier 2 subappaltino di più alle aziende ugandesi, ai livelli più bassi di contrattazione. Si prevede che questo aumenterà la partecipazione delle entità ugandesi nel settore verso l’obiettivo del 40 percento.

Joint ventures
Ernest Rubondo, direttore esecutivo della PAU, ha dichiarato ieri a questa testata che con la raffica di attività nel settore “stiamo vedendo un numero maggiore di aziende ugandesi che partecipano e collaborano per intraprendere lavori più grandi”.
Ha detto che stanno anche spingendo per più joint venture tra l’Uganda e le aziende straniere, per aumentare il valore nell’economia del Paese e il trasferimento di conoscenze e competenze.

“I contratti per il petrolio e il gas sono di alto valore, con quelli ‘piccoli’ da decine di milioni e quelli grandi da centinaia di milioni. È importante che le aziende ugandesi si uniscano o collaborino con aziende internazionali per intraprendere questo lavoro. Con questi progressi, ci aspettiamo di raggiungere o addirittura superare gli obiettivi di contenuto nazionale per le attività petrolifere”, ha detto Rubondo.
L’effetto di ricaduta attraverso i lucrosi contratti e subappalti è l’occupazione in termini di posti di lavoro diretti e indiretti. Alla fine di giugno, secondo la PAU, almeno 5.624 persone erano direttamente impiegate dal settore, di cui il 95% erano ugandesi.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 777 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Orientale

Kenya – Uganda Pipeline, l’oleodotto riscaldato più lungo del mondo.

Toyota Tsusho, il braccio commerciale della casa automobilistica giapponese, ha dichiarato che il progetto da 4 miliardi per la costruzione dell’oleodotto che collegherà i pozzi di petrolio in Uganda e Kenia con

Tanzania

L’aeroporto di Zanzibar sorpassa il JNIA di Dar

L’Aeroporto Internazionale Abeid Amani Karume (AAKIA) di Zanzibar ha superato per la prima volta l’Aeroporto Internazionale Julius Nyerere (JNIA) in termini di arrivi internazionali. Secondo l’ultimo rapporto dell’Ufficio Nazionale di

Africa Occidentale

Nigeria, KPMG selezionata per il nuovo sovrano

Mentre la Banca centrale della Nigeria è alla ricerca di un asset manager per la sua nuova società d’investimento in infrastrutture istituita per sviluppare le fatiscenti reti di trasporto del