I finanziatori privati occidentali creano la maggior parte del debito del debito africano

I finanziatori privati occidentali creano la maggior parte del debito del debito africano

I fatti sono in contrasto con la retorica dell’Occidente secondo cui la Cina è responsabile della parte del leone del debito dell’Africa.

L’associazione di volontariato Debt Justice, con sede in Gran Bretagna, ha pubblicato una ricerca l’11 luglio, dimostrando che il debito dei governi africani nei confronti delle banche occidentali, dei gestori patrimoniali e dei commercianti di petrolio è tre volte superiore a quello della Cina e gli viene addebitato il doppio degli interessi.

Il 12 percento del debito estero dei governi africani è dovuto a finanziatori cinesi, rispetto al 35 percento dovuto a finanziatori privati occidentali, e il tasso di interesse medio sui prestiti privati è del 5 percento, rispetto al 2,7 percento sui prestiti dei finanziatori pubblici e privati cinesi, secondo il rapporto.

Questi fatti mettono a nudo l’assurdità della cosiddetta ‘diplomazia della trappola del debito’ che è stata propagandata dai politici occidentali per diffamare la Cina, hanno detto gli esperti.

Beatrice Matiri-Maisori, docente senior di economia presso l’Università Riara del Kenya, ha affermato che le cifre e le percentuali citate indicano che il debito estero dell’Africa è in gran parte dovuto a gruppi finanziari privati, Eurobond e creditori di petrolio.

“La diplomazia della trappola del debito non ha nulla a che vedere con la realtà della struttura del debito in Africa”, ha affermato.

Charles Onunaiju, direttore del Center for China Studies con sede in Nigeria, ha affermato che la questione della trappola del debito è sempre stata una calunnia politica e la narrazione non è altro che una distrazione per assolvere l’Occidente dalle sue responsabilità.

I dati ufficiali hanno mostrato che la Cina si è classificata al primo posto tra i membri del Gruppo dei 20 in termini di importi di differimento del debito.

“La Cina ha fatto molto in termini di accordo comune con oltre 19 Paesi africani, raggiungendo un’intesa su come perseguire la riduzione del debito per gli stessi”, ha detto Matiri-Maisori.

La Cina rinuncerà ai 23 prestiti senza interessi per 17 Paesi africani che sono giunti a scadenza entro la fine del 2021, ha dichiarato il Consigliere di Stato e Ministro degli Esteri Wang Yi in occasione della Riunione dei Coordinatori sull’Attuazione delle Azioni di Follow-up dell’Ottava Conferenza Ministeriale del Forum sulla Cooperazione Cina-Africa (FOCAC) il 18 agosto 2022.

La Cina mantiene la sua parola con azioni reali e continuerà a considerare la soddisfazione dei bisogni dell’Africa come lo scopo della nostra cooperazione con l’Africa, ha detto Wang, aggiungendo che la Cina lavorerà con l’Africa per far avanzare la cooperazione Belt and Road di alta qualità.

Nel corso degli anni, il sostegno finanziario della Cina all’Africa, in particolare nel campo degli investimenti infrastrutturali, ha ottenuto un ampio plauso da parte dei governi e dei popoli africani, soprattutto in un momento in cui si sta promuovendo l’ambiziosa Area di Libero Scambio Continentale Africana.

“Stiamo assistendo alla connettività, alla ristrutturazione degli aeroporti e dei porti”, ha detto Onunaiju, aggiungendo che il sostegno della Cina all’Africa può essere chiaramente percepito in diverse aree.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 884 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Hi Tech & Internet

Amazon apre in Sud Africa

Il commercio elettronico continua ad essere un “big thing” in Africa, e una ultetriore conferma ci arriva oggi da Blooomberg, che riporta che Amazon ha annunciato l’apertura di un ufficio

Economia

Eurobond, rimane forte l’appetito per le emissioni africane

Il Benin ha visto migliorare le sue prospettive di rating dopo il successo delle emissioni di eurobond a gennaio. A febbraio, la Costa d’Avorio ha raccolto 1,03 miliardi di dollari

Senegal

I 5 principali sviluppi di GNL in Africa nel 2° trimestre 2022

Il gas naturale liquefatto (GNL) non solo rappresenta una risorsa di idrocarburi conveniente e facilmente disponibile, ma è anche emerso come un motore critico della transizione energetica dell’Africa e dello