La Russia offrirà all’Africa più equipaggiamento e supporto militare

La Russia offrirà all’Africa più equipaggiamento e supporto militare

La scheda informativa sui Giochi dell’Esercito della Russia, distribuita pubblicamente presso l’ufficio informazioni coordinato a livello centrale, ha documentato un aumento degli acquisti annuali di attrezzature militari da parte di clienti stranieri, tra cui i Paesi africani. Il nostro monitoraggio e la nostra ricerca mostrano che la Russia ha tradizionalmente mantenuto buone relazioni con i Paesi del Nord Africa, in particolare con l’Algeria e l’Egitto.

Inoltre, la Repubblica Centrafricana (RCA) e la Repubblica del Mali sono i suoi partner preferiti dopo aver firmato accordi bilaterali di cooperazione tecnico-militare. All’interno dell’Africa, le relazioni di molti Paesi francofoni con la Francia sono diventate recentemente tese a causa di molteplici fattori, tra cui la spaccatura tra Russia e Francia. Ci sono diverse indicazioni che indicano che la Russia si è impegnata a combattere le tendenze neocoloniali in Africa.

La Russia è stata desiderosa di offrire supporto militare, anche attraverso la vendita di armi avanzate e tecnologia militare ai Paesi che considera alleati in Africa e, più in là, in Asia e America Latina. Durante i Giochi dell’Esercito di quest’anno, che si sono svolti a Kubinka, nella periferia di Mosca, i funzionari del Ministero della Difesa russo hanno avuto colloqui separati con alcuni Paesi africani partecipanti per rafforzare le loro capacità di difesa nell’ambito della cooperazione tecnico-militare.

Secondo le fonti, circa dieci Paesi africani, tra cui Algeria, Congo, Egitto, Nigeria, Sudan e Zimbabwe, hanno preso parte ai Giochi dell’Esercito. La Repubblica del Mali e la Repubblica Centrafricana, dove sono state distaccate diverse centinaia di istruttori militari dell’azienda militare privata russa Wagner Group, hanno partecipato agli Army Games.

Il Generale di Brigata Mike Nicholas Sango, ambasciatore dello Zimbabwe presso la Federazione Russa, mi ha detto durante i colloqui che “la politica della Russia nei confronti dello Zimbabwe negli ultimi anni si è evoluta in modo positivo. L’impegno del Governo dello Zimbabwe con la Federazione Russa è storicamente radicato nel contributo del nuovo Stato al raggiungimento della libertà e della nazione da parte dello Zimbabwe nel 1980”.

Secondo lui, il Presidente della Repubblica dello Zimbabwe, Emmerson Dambudzo Mnangagwa, ha visitato Mosca nel 2019. Da allora, ci sono state visite reciproche di ministri e parlamentari. All’inizio di giugno 2022, la Presidente del Consiglio Federale, Valentina Matviyenko, ha visitato lo Zimbabwe. I militari dello Zimbabwe hanno partecipato ai Giochi dell’Esercito nel corso degli anni e ai Giochi dell’Esercito di metà agosto 2022.

Il Vice Ministro della Difesa russo Alexander Fomin ha avuto un colloquio con il Ministro della Difesa sudanese Yassin Ibrahim per discutere il tema del rafforzamento della sicurezza in Africa. Secondo un rapporto ufficiale, il Vice Ministro della Difesa della Federazione Russa, il Colonnello Generale Alexander Fomin, il 17 agosto ha tenuto un incontro di lavoro con il Ministro della Difesa della Repubblica del Sudan, il Tenente Generale Yassin Ibrahim.

Ha inoltre dichiarato che la Russia si impegna a collaborare ulteriormente con il Sudan per rafforzare la sicurezza in Africa. Le parti hanno scambiato opinioni sullo sviluppo della cooperazione militare e tecnico-militare russo-sudanese. Il ministro sudanese ha ribadito l’impegno dei vertici della Repubblica del Sudan a sviluppare la cooperazione con la Federazione Russa in campo militare. “Apprezziamo molto il ruolo della Federazione Russa nel mantenimento della pace e della sicurezza nel mondo”, ha detto Yassin Ibrahim.

La Russia aiuterà anche a rafforzare l’esercito e a migliorare l’efficacia della lotta contro i gruppi armati illegali nella Repubblica francofona del Mali, in Africa occidentale. Come previsto, Fomin ha sottolineato durante i colloqui separati con il Ministro della Difesa e degli Affari Veterani del Mali, Colonnello Sadio Camara, l’importanza della cooperazione russo-maliana e ha confermato la disponibilità del Ministero della Difesa russo a continuare il dialogo costruttivo nel quadro dell’accordo firmato sulla cooperazione tecnico-militare.

Oltre a ciò, la Russia ha avviato una collaborazione con l’Algeria e spera di incrementare la vendita di armi al Paese nordafricano, ha detto il Capo di Stato Maggiore delle forze armate russe al suo omologo algerino in visita ai Giochi dell’Esercito. “Ci impegniamo a dare nuova energia alle nostre relazioni bilaterali nei settori della cooperazione militare e tecnica”, ha detto il Generale Yuri Baluyevsky al Generale algerino Salah Gaid, secondo le agenzie di stampa locali.

Gaid, un russo che ha studiato nell’Unione Sovietica, è stato ospitato dalla direzione di Rosoboronexport, l’azienda che sovrintende alla maggior parte delle esportazioni di armi della Russia, oltre che da leader commerciali del settore degli armamenti. Oltre all’acquisto da 1,5 miliardi di dollari di 50 aerei MiG 29 russi, attualmente in fase di negoziazione, i due Paesi potrebbero firmare a breve contratti di armi per un valore di circa 500 milioni di dollari, ha dichiarato l’agenzia di stampa Interfax citando una fonte del Ministero della Difesa.

La fonte ha detto che l’Algeria, ricca di petrolio, che attualmente rappresenta il 3% delle esportazioni di armi russe, sta valutando l’acquisto di jet da combattimento, navi e armi di terra. L’Algeria, che aveva forti legami con l’ex Unione Sovietica, ha continuato ad acquistare armi dalla Russia dopo la caduta del comunismo nel 1991. I recenti contratti tra i due Paesi hanno riguardato la vendita di 22 aerei Su-24 Fencer, missili da crociera antinave Kh-35, elicotteri da trasporto e servizi di manutenzione per le navi della guardia costiera, secondo Interfax.

Il Presidente Vladimir Putin ha spiegato che la Russia è pronta a distribuire armi avanzate in tutto il mondo, in particolare in Africa, Asia e America Latina. “La Russia ha sinceramente a cuore gli storici legami forti, amichevoli e di fiducia con gli Stati dell’America Latina, dell’Asia e dell’Africa ed è pronta a offrire ai suoi partner e alleati i tipi di armi più moderni”, ha detto Putin all’apertura del forum militare e tecnico internazionale Army-2022 fuori Mosca.

“Dalle armi di piccolo calibro ai veicoli blindati e all’artiglieria, agli aerei da combattimento e ai veicoli aerei senza pilota”, ha detto Putin e ha aggiunto che “quasi tutte” le armi che è disposto a vendere in tutto il mondo sono state utilizzate più di una volta in combattimento e ha affermato che i prodotti di fabbricazione russa sono superiori a quelli realizzati dai suoi rivali stranieri.

“Molti di loro sono anni, o forse decenni, avanti rispetto alle loro controparti straniere, e in termini di caratteristiche tattiche e tecniche sono significativamente superiori a loro”, ha ribadito Putin. Il suo discorso è disponibile sul sito web del Cremlino.

La Russia è seconda solo agli Stati Uniti con vendite di armi per circa 15 miliardi di dollari all’anno, quasi un quinto del mercato globale delle esportazioni. Nel periodo 2017-2021, il 73% di tali vendite è stato destinato a soli quattro Paesi – India, Cina, Egitto e Algeria – secondo l’Istituto Internazionale di Ricerca sulla Pace di Stoccolma.

I documenti firmati ai Giochi coprono un’ampia gamma di questioni, tra cui le forniture e la manutenzione di moderne attrezzature militari di terra, droni, armi radioelettroniche e da mischia. Sono stati stipulati anche diversi accordi finanziari per garantire il finanziamento degli sviluppi e della produzione di campioni di attrezzature militari moderne. Gli ordini dei Paesi dell’Asia e dell’Africa e della CSI sono diventati parte del portafoglio ordini di Rostec.

Probabilmente, il dottor Shaabani Nzori, esperto di politica estera con sede a Mosca, ritiene che la cooperazione tecnico-militare della Russia con i Paesi africani sia appropriata nella politica estera della Russia, ma i leader africani dovrebbero anche stanziare abbastanza denaro da spendere in progetti di sviluppo prioritari in Africa.

“In questi anni la Russia ha dato grande priorità alla sfera militare in Africa. Questo dimostra chiaramente il debole impegno commerciale della Russia con l’Africa. Fino ad oggi, non possiamo indicare progetti infrastrutturali russi completati in Africa. Ci sono molte aree di investimento. Ciò che è importante in questi giorni è che la Russia deve andare oltre la semplice vendita di armi all’Africa! La Russia ha comunque la possibilità di trasferire la sua tecnologia all’agricoltura e alle industrie in Africa”, ha detto Shaabani nel corso dell’intervista.

Il nostro monitoraggio e la nostra ricerca mostrano che i Paesi africani sono interessati alla cooperazione tecnico-militare. Il nostro monitoraggio indica inoltre che gli importatori tradizionali di armi russe dall’Africa includono Algeria, Angola, Burkina Faso, Botswana, Egitto, Etiopia, Ghana, Libia, Marocco, Mozambico, Namibia, Ruanda, Sudan, Sudafrica, Uganda e Zimbabwe. La Russia sta ancora esplorando la possibilità di concludere accordi con alcuni altri Paesi africani.

“Si è dimostrato ancora una volta che l’interesse per i nostri sviluppi cresce. Ogni anno ci sono sempre più trattative per la cooperazione tecnico-militare e stiamo lavorando attivamente con i nostri principali clienti. Quest’anno abbiamo tenuto incontri con partner russi e stranieri sulla piattaforma e abbiamo firmato accordi”, ha dichiarato Sergey Abramov, Direttore Industriale di Rostec Corporation.

Secondo la strategia militare russa, l’obiettivo principale è garantire alla Russia un vantaggio tecnologico nei mercati globali altamente competitivi. E questo include anche l’introduzione di un nuovo paradigma tecno-economico e la digitalizzazione dell’economia russa.

La Rostec Corporation è una società statale fondata nel 2007 per facilitare lo sviluppo, la produzione e l’esportazione di prodotti industriali ad alta tecnologia progettati per applicazioni civili e militari. Comprende oltre 700 organizzazioni che attualmente fanno parte di undici holding che operano nel complesso militare-industriale e tre holding che operano nell’industria civile, oltre a più di 80 organizzazioni gestite direttamente.

Il portafoglio di Rostec Corporation comprende marchi famosi come Avtovaz, Kamaz, Concern Kalashnikov, Russian Helicopters e UralVagonZavod. Le aziende Rostec sono situate in 60 entità della Federazione Russa e forniscono prodotti ai mercati di oltre 100 Paesi.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 884 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Politica

Kenia: Raila Odinga, Quinta volta sfortunata

Con l’annuncio del Vice Presidente William Ruto come Presidente eletto del Kenya, il leader del movimento Azimio Raila Odinga è stato cinque volte sfortunato.Odinga, 77 anni, è un veterano delle

Benin

Soft power: La Cina concede tariffe zero sulle importazioni di alcuni Paesi africani.

La Cina ha concesso una condizione tariffaria zero al 98% dei prodotti tassabili provenienti da 10 Paesi meno sviluppati. Foto: Reuters Nove dei 10 Paesi che beneficeranno di una condizione

Slider

Export Italiano in accelerazione +4% nei prossimi quattro anni – Il rapporto SACE 2017

Si e’ svolta a milano, il 21 giugno, nel prestigioso Palazzo Mezzanotte la presentazione da parte di SACE, gruppo CDP, la presentazione del nuovo Rapporto Export 2017. Dal rapporto di