I Paesi africani puntano al 2030 per la generazione di energia nucleare

I Paesi africani puntano al 2030 per la generazione di energia nucleare

Almeno sette Paesi africani si trovano in varie fasi – messa in funzione, ricerca di fornitori e mappatura di siti appropriati – per quanto riguarda il lancio di centrali nucleari, mentre la maggior parte guarda al 2030 come data di inizio per la generazione di elettricità dall’energia nucleare.

L’Egitto è attualmente l’unico Paese ad aver iniziato la costruzione, dopo il lancio formale di un sito a luglio. Il progetto da 25 miliardi di dollari, sviluppato dalla società energetica statale russa Rosatom, avrà una capacità installata totale di 4,8 gigawatt (GW), composta da quattro reattori da 1.200 megawatt, una volta completato.

“L’Egitto è entrato nel club del nucleare. L’impianto sarà il più grande progetto della cooperazione russo-egiziana dopo l’Alta Diga di Assuan. Avere una propria industria dell’energia nucleare è stato un sogno per il popolo egiziano per più di mezzo secolo”, ha detto il Direttore Generale di Rosatom Alexey Likhachov, durante il lancio.

Anche il Kenya si sta avvicinando alla fase di sviluppo, dopo aver identificato due siti costieri – le contee di Kilifi e Kwale – all’inizio dell’anno, per installare il primo generatore di energia nucleare del Paese.

L’Agenzia per l’Energia e l’Energia Nucleare del Paese (NuPEA) ha stimato che il progetto costerà circa 50 milioni di dollari, con lavori di costruzione previsti per il 2030, un collaudo quattro anni dopo e la piena operatività prevista per il 2036.

“C’è la necessità di integrare le fonti di energia rinnovabile esistenti in Kenya per soddisfare la domanda di energia prevista, raggiungendo al contempo uno sviluppo a basse emissioni di carbonio, attraverso una fonte alternativa a basse emissioni di carbonio”, ha dichiarato l’Amministratore Delegato della NuPEA, Collins Juma, durante la Decima Conferenza di Revisione delle Parti del Trattato di Non Proliferazione delle Armi Nucleari all’inizio di agosto.

L’Uganda sta considerando tre siti – sui fiumi Kyoga, Kagera e Aswa – per la costruzione di due reattori da 1.000 megawatt, entro il 2031. Questo fa seguito agli accordi raggiunti dal Ministero dell’Energia del Paese con investitori russi e cinesi.

Il mese scorso, il Presidente dell’Uganda Yoweri Museveni ha chiesto al Ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov di aiutare il Paese a costruire la prima centrale nucleare dell’Africa orientale. A maggio, l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA) ha dato all’Uganda il via libera per iniziare la costruzione e la produzione di energia nucleare.

Dopo una falsa partenza, la Nigeria sta ricominciando da capo. La Nigerian Nuclear Regulatory Agency ha aperto le gare d’appalto per la costruzione di una centrale nucleare da 4 gigawatt nel marzo 2022 – e il Paese starebbe scommettendo sulla centrale a quattro reattori, equivalente a un terzo della capacità installata totale del Paese, per far fronte alle interruzioni di corrente.

Nel 2016, la nazione dell’Africa occidentale avrebbe siglato un piano da 80 miliardi di dollari per quattro centrali nucleari con Rosatom, che però non si è mai concretizzato.

Dopo la scoperta di depositi di uranio quattro anni fa, la Tanzania sta cercando l’aiuto di Rosatom e della sua sovvenzione Uranium One, che ha una licenza per estrarre l’uranio nel fiume Mkuju, all’interno della Selous Game Reserve, per costruire un reattore di ricerca e successivamente creare un impianto nucleare commerciale.

Piani di energia nucleare in Marocco
A giugno, il Marocco ha avanzato i suoi piani per l’energia nucleare dopo la pubblicazione di un rapporto che fornisce ai legislatori raccomandazioni per passare alle fonti di energia rinnovabili.

“Il Marocco ha investito nell’energia solare ed eolica, e ora sta guardando all’energia nucleare per garantire il suo fabbisogno di elettricità in futuro… ora abbiamo bisogno di una decisione nazionale per iniziare a produrre elettricità dall’energia nucleare”, ha dichiarato il Ministro della Transizione Energetica e dello Sviluppo Sostenibile Leila Benali, citata dai media marocchini.

Il rapporto segue uno studio di fattibilità di quasi sette anni per un reattore nucleare e guiderà il Parlamento del Paese, che dovrebbe deliberare in merito nel corso dell’anno. Il Marocco è in gran parte un Paese che dipende dalle importazioni di energia, importando fino al 90 percento del suo fabbisogno energetico annuale.

Anche il Ruanda sta facendo passi da gigante dopo aver firmato un accordo con Rosatom per la costruzione di un centro di scienza e tecnologie nucleari, nell’ottobre 2019.

Centro di scienza nucleare
Ad agosto, si prevede che 100 ruandesi si laureeranno nel campo della scienza e della tecnologia nucleare e nei prossimi due anni è prevista la costruzione di un centro di scienza e tecnologia nucleare nel parco industriale di Bugesera.

Mentre altri Paesi stanno inseguendo grandi progetti, il Ruanda prevede di costruire due unità di reattori modulari di piccole dimensioni (SMR), ciascuna con una capacità di circa 100 megawatt.

Reattori modulari di piccole dimensioni
Un rapporto del forum 2022 della Mo Ibrahim Foundation mostra che i piccoli reattori modulari possono essere mobilitati più rapidamente e presentano maggiori opportunità a breve termine per l’energia nucleare in Africa.

“Le grandi centrali nucleari sono soggette a sovraccarichi di costi e a ritardi nella costruzione”, secondo il rapporto intitolato The Road to COP27; Making Africa’s Case in the Global Climate Debate.

La centrale nucleare di Koeberg in Sudafrica – di proprietà e gestita dall’azienda elettrica statale Eskom – è l’unica centrale nucleare del continente. Ha una capacità installata di 1.940 megawatt.

Mentre un numero sempre maggiore di Paesi sta passando all’elettricità a basse emissioni di carbonio, il Sudafrica sta valutando la possibilità di aumentare la capacità di energia nucleare di 10.000 megawatt. Tuttavia, c’è stata una diffusa opposizione da parte di una lobby antinucleare.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 777 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Kenya

2015, un anno eccezionale per gli investimenti diretti in Kenya

Anche senza i dati di dicembre, è già chiaro che il Kenya ha goduto di un forte aumento degli investimenti diretti nel 2015 rispetto al 2014. Greenfield investment monitor fDi

Economia

Sud Africa: prevista produzione record di grano per la stagione 2020/2021

Nel 2020/2021 il Sudafrica avrà un raccolto di grano da record. Si prevede che il Paese produrrà oltre 2 milioni di tonnellate di cereali, un livello che non si vedeva

Economia

Il progetto pr l’hub finanziario di Nairobi accolto con diffidenza

Dopo otto anni di preparazione, il Kenya si dice pronto a diventare un hub finanziario africano, facendo leva sul Nairobi International Financial Centre (NIFC), che questa settimana ha ricevuto il