La Tanzania e l’Uganda rispondono all’UE sul progetto dell’oleodotto.

La Tanzania e l’Uganda rispondono all’UE sul progetto dell’oleodotto.

Mentre la Tanzania vuole assicurarsi che l’Oleodotto dell’Africa Orientale (EACOP) sia dichiarato compatibile con i diritti umani, l’Uganda vede la risoluzione del Parlamento Europeo contro la sua costruzione come un atteggiamento neocoloniale contro la sovranità della Tanzania e dell’Uganda.In precedenza il Parlamento dell’Unione Europea aveva adottato una risoluzione che accusava le violazioni dei diritti umani e i grandi rischi ambientali e climatici posti dall’esecuzione del progetto EACOP.

Secondo il Parlamento, più di 100.000 persone sono state forzatamente evacuate per fare spazio all’agognato progetto dell’oleodotto e sono state private dell’uso della loro ‘terra’ e quindi del loro sostentamento, prima di ricevere le compensazioni richieste.

“Invita l’UE e la comunità internazionale a esercitare la massima pressione sulle autorità ugandesi e tanzaniane, nonché sui promotori del progetto e sulle parti interessate, per proteggere l’ambiente e porre fine alle attività estrattive in ecosistemi protetti e sensibili”, si legge in una parte della risoluzione.

E aggiunge: “Questi includono le rive del Lago Alberto, e si impegnano a utilizzare i migliori mezzi disponibili per preservare la cultura, la salute e il futuro delle comunità colpite e per esplorare alternative in linea con gli impegni internazionali sul clima e sulla biodiversità”.

In risposta alle suddette accuse, il Ministro dell’Energia della Tanzania, January Makamba, ha dichiarato in una dichiarazione rilasciata a The Citizen che il percorso complessivo dell’oleodotto è stato progettato per ridurre al minimo gli impatti ambientali e sociali.

Aggiungendo che: “Tuttavia, alcuni spostamenti fisici (perdita di alloggi) e impatti economici (perdita totale o parziale di terreni agricoli) sono inevitabili. L’acquisizione di terreni è conforme sia alle Leggi della Tanzania che agli Standard di Performance dell’International Finance Corporation”.

Per esempio, in Tanzania, Makamba ha detto che ci sono 9513 Persone interessate dal Progetto (PAPs – che corrispondono in senso lato alle famiglie, ma includono anche istituzioni commerciali e governative), di cui 331 PAPs (3,5%) sono fisicamente sfollati.

“Offriamo la possibilità di scegliere tra un alloggio sostitutivo (generalmente di livello superiore rispetto all’abitazione esistente) e un indennizzo in denaro, e circa l’85 percento dei PAP ha scelto l’alloggio sostitutivo, e la costruzione di queste case sostitutive è in corso”, ha chiarito.

Secondo il Ministro, il principio di base del risarcimento comprende il trattamento di ogni PAP con rispetto e il risarcimento al pieno valore di sostituzione e che ogni PAP firmi un accordo di risarcimento individuale e, al 12 settembre, almeno 4612 PAP hanno firmato.

Makamba ha insistito: “Nessun terreno sarà utilizzato dal progetto finché non sarà stato pagato il risarcimento e non sarà stato dato l’avviso di sgombero. In realtà, i PAP idonei avranno anche diritto a un sostegno alimentare transitorio e avranno accesso a programmi di ripristino dei mezzi di sussistenza. Il processo di acquisizione dei terreni dovrebbe essere completato a metà del 2023”.

D’altra parte, Makamba ha detto che il progetto consiste in 1147 km di conduttura che sarà costruita in Tanzania, un terminale e 4 stazioni di pompaggio.

La conduttura richiederà un diritto di passaggio largo 30 metri, simile ad altri progetti lineari come strade, ferrovie e linee elettriche. Si dice che la conduttura isolata sarà interrata a una profondità di 1 metro e, subito dopo la costruzione, il suolo e la vegetazione saranno ripristinati e il terreno sarà reso accessibile alle persone e agli animali.

“Una volta operativo, il gasdotto sarà monitorato da un cavo a fibre ottiche all’avanguardia per rilevare sia i cambiamenti di temperatura che le vibrazioni e sarà eseguito in modo esemplare in termini di trasparenza, prosperità condivisa e sviluppo sostenibile, compresi l’ambiente e il rispetto dei diritti umani”, ha osservato.

Ma per il Parlamento ugandese, il Vicepresidente Thomas Tayebwa ha replicato, definendo le risoluzioni “disinformazione deliberata, poiché il progetto multimiliardario (20 miliardi di dollari) è stato oggetto di critiche da parte di vari attivisti, che vogliono che venga fermato”.

“Si tratta di progetti approvati dal Parlamento di un Paese sovrano e tutto ciò che ha a che fare con la contestazione della loro approvazione è un affronto all’indipendenza di questo Parlamento e non possiamo prenderlo alla leggera”, si legge in una parte della dichiarazione pubblicata sul sito web del Parlamento.

La rabbia dell’UE contro il progetto, ha aggiunto Tayebwa, tradisce gli atteggiamenti neocoloniali e l’imperialismo del Parlamento dell’UE, che ha deriso per aver chiuso gli occhi sulle emissioni dell’Unione, mentre invece ha ipocritamente illuminato un’economia emergente come l’Uganda.

“La mozione dell’UE rappresenta il più alto livello di neocolonialismo e imperialismo contro la sovranità dell’Uganda e della Tanzania; la mozione cerca di limitare i progressi dell’Uganda nello sviluppo del petrolio e del gas e, per estensione, lo sviluppo socio-economico del Paese”, ha affermato.

Secondo Tayebwa, l’EACOP rappresenterà solo lo 0,5 per cento delle emissioni globali, ma l’Unione Europea, con solo il 10 per cento della popolazione mondiale, emette il 20 per cento senza restrizioni e i Paesi membri stanno esplorando piani per intensificare gli scavi legati ai combustibili fossili senza alcuna limitazione.

Ha quindi chiesto: “Chi tra l’Uganda e l’UE dovrebbe rallentare?”.

La dichiarazione cita anche l’onorevole John Teira, deputato NRM per la Contea di Bugabula Nord; ha affermato che non c’è nulla di cui preoccuparsi e ha accusato l’UE di voler ostacolare il flusso di 20 miliardi di dollari verso l’economia dell’Africa Orientale, ma di averlo mascherato con presunte preoccupazioni per l’ambiente.

“I nostri colleghi del Parlamento Europeo sono solo troppo zelanti; ci sono già misure in questo Paese per gestire i rifiuti in modo molto tecnico; non c’è nulla da temere quando si tratta di questioni ambientali; nessuno dovrebbe toccare il progetto perché stiamo parlando di un investimento di 29 miliardi di dollari”, ha detto. Ma la signora Asuman Basalirwa, deputata JEEMA per il Comune di Bugiri, ha chiesto all’Esecutivo di convocare, attraverso i canali diplomatici, l’Ambasciatore dell’UE in Uganda e di protestare formalmente contro le risoluzioni, che a suo dire hanno un tono di condiscendenza. Inoltre, il Ministro di Stato per gli Affari Esteri (Affari Regionali), John Mulimba, ha detto che avrebbe sottoposto la questione ai suoi superiori affinché intervenissero.

Il petrolio prodotto nella regione del Lago Albert in Uganda dovrebbe transitare verso la Tanzania attraverso l’EACOP, arrivando al porto costiero di Tanga, dove sarà poi venduto ai mercati internazionali; si prevede che la produzione inizierà nel 2025.

Si dice che il quadro legale e commerciale per l’oleodotto sia stabilito nell’Accordo del Governo Ospitante (HGA) firmato nel maggio dello scorso anno tra la Tanzania e l’EACOP.

L’HGA definisce il rapporto tra EACOP e Tanzania su questioni come il terreno, gli standard HSE, il regime fiscale, le autorizzazioni e i meccanismi di contenzioso, in base ai quali per la Tanzania il progetto sarà monitorato sia da EWURA [Electricity, Water & Utilities Regulatory Authority], sia dalla Gestione Ambientale Nazionale.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 777 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Uganda

Il Presidente della Tanzania licenzia il capo dell’Autorità portuale per le scarse prestazioni

Dar es Salaam. Il Presidente Samia Suluhu Hassan, lunedì 4 luglio 2022, ha revocato la nomina del Direttore Generale dell’Autorità Portuale della Tanzania (TPA), Eric Hamissi. Una dichiarazione del Direttore

Africa Sub Sahariana

Elettricità prepagata, una rivoluzione per il solare in Africa?

Una società sta cercando di portare la corrente elettrica a coloro che non sono connessi alla rete elettrica, ovvero le comunità rurali africane con un innovativo sistema prepagato a consumo,

Energia

Tanzania, Velocizzare il progetto LNG

Il presidente della Tanzania John Magufuli esortato i propri funzionari ad accelerare i lavori del progettato per il terminal di gas naturale liquefatto (GNL), dichiarando che la realizzazione del progetto ha impiegato