Il settore privato cinese è ‘troppo lento’ nel portare benefici all’Africa

Il settore privato cinese è ‘troppo lento’ nel portare benefici all’Africa

L’ascesa della Cina come principale partner commerciale dell’Africa è penalizzata da un trasferimento ‘lento’ dei benefici al continente da parte degli attori del settore privato, afferma un nuovo rapporto situazionale.

Gli investitori cinesi, principalmente di proprietà statale, sono penetrati in Africa dal 2003, trasformando la Cina da un contributore minimo all’economia africana a uno dei maggiori.

Secondo il China-Africa Business Council, un organismo che monitora la cooperazione Cina-Africa, gli investimenti di Pechino in Africa hanno raggiunto circa 45 miliardi di dollari prima dell’inizio del pandmico Covid-19 nel 2020. Ciò equivale al 5% degli investimenti esteri totali in Africa e rende la Cina il quarto investitore più grande, subito dopo l’Unione Europea, il Regno Unito e gli Stati Uniti.

Ma i critici affermano che il volume di questo contributo ha tardato a raggiungere la gente comune, rendendo possibile il paradosso dell’aumento degli investimenti del settore privato in Africa.

“Si sostiene anche che le aziende del settore privato abbiano un ruolo importante nel trasferimento di competenze, conoscenze e tecnologie all’Africa, sostenendo la dignità del lavoro africano.

“Al contrario, è stato osservato che le PSC cinesi non si riforniscono da aziende locali, assumono pochi africani e hanno un curriculum scarso per quanto riguarda il rispetto dei lavoratori e dell’ambiente”, si legge in un rapporto del think-tank Geopolitica¸ intitolato ‘Il settore privato cinese in Africa: un paradosso di sviluppo’.

Il paradosso, sostiene l’autrice del rapporto di Valeria Fabbri, sta nel modo in cui le aziende cinesi operano. Secondo il China-Africa Business Council, nonostante Covid-19, lo stock di investimenti diretti della Cina in Africa dovrebbe ormai superare i 56 miliardi di dollari.

La maggior parte delle aziende ha portato alcuni benefici, come l’assunzione della maggior parte del personale dalle popolazioni locali. Un precedente studio di McKinsey and Company, infatti, ha rilevato che nove dipendenti su dieci di queste aziende erano africani e che fino al 65% delle aziende aveva una certa formazione dei locali o aveva contribuito a ridurre il costo dei prodotti.

Ma il rapporto, intitolato ‘The Closest Look Yet at Chinese Economic Engagement in Africa’, ha suggerito che la maggior parte delle aziende cinesi in Africa erano clandestine o non registrate, il che fa pensare a operazioni losche.

In alcuni Paesi come il Kenya, il Sudafrica, l’Angola, la Tanzania e la Costa d’Avorio, ben la metà delle aziende cinesi che vi operano non sono state registrate dal Ministero del Commercio cinese.

Inoltre, meno della metà delle aziende si riforniva di materie prime da fornitori locali, meno della metà aveva assunto africani nel top management e alcune non tenevano conto della conservazione dell’ambiente.

“Bisogna notare che, contrariamente alle affermazioni della Cina che si è sempre schierata contro lo sfruttamento, le sue aziende stanno sfruttando l’Africa e i suoi abitanti in modo palese, spingendo gli imprenditori locali ai margini”, osserva Fabbri, invitando i Paesi africani a rafforzare i controlli.

A gennaio, la Cina ha lanciato un documento politico sugli obiettivi degli investimenti nel continente. Pechino ha rappresentanze diplomatiche con la maggior parte dei Paesi e ha dichiarato nel documento che “incoraggia e sostiene gli investimenti e gli affari delle imprese cinesi in Africa, e continuerà a fornire prestiti preferenziali e crediti per gli acquirenti a questo scopo”.

Il Governo cinese è pronto ad esplorare nuovi canali e nuovi modi per promuovere la cooperazione per gli investimenti con i Paesi africani e continuerà a formulare e migliorare le politiche pertinenti, a fornire indicazioni e servizi e ad offrire convenienza”.

Giovedì, il portavoce del Ministero degli Esteri cinese, Wang Wenbin, ha detto che Pechino faciliterà anche le imprese agroalimentari africane per avere “l’ingresso di un maggior numero di prodotti agricoli e alimentari africani di alta qualità e distintivi nel mercato cinese, portando benefici più tangibili al popolo cinese e africano”.

Ma la maggior parte delle aziende problematiche, osserva il rapporto, si trovano nei settori critici dell’Africa per la costruzione di infrastrutture, dove Pechino ha anche pompato milioni di dollari nel finanziamento di progetti.

Il China-Africa Business Council afferma che le aziende private cinesi si sono evolute dalla semplice esplorazione all’insediamento.

Oggi, stanno “mettendo radici in Africa” per controllare quasi il 90% di tutte le imprese cinesi in Africa.

Con le loro importazioni più economiche e l’espansione aggressiva, tuttavia, il rapporto afferma che l’Africa potrebbe essere solo un mercato di prodotti e una fonte di materie prime.

“Questo dividendo per le aziende cinesi non è arrivato senza distruggere le caratteristiche più basilari del paesaggio africano”, afferma il rapporto.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 777 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Economia

Tanzania: Tanesco fornisce 70 MW per la prima fase della rete ferroviaria

Negli ultimi anni, la Tanzania ha iniziato ad aumentare la sua potenza elettrica. Questa ambiziosa strategia mira a fornire un accesso universale a tutti i suoi cittadini, ma anche a

Energia

“Se voi boicottate il settore africano del petrolio e del gas, l’Africa boicotterà voi”

In un post pubblicato sul suo sito web la scorsa settimana, la Camera africana dell’energia si è rivolta alle aziende che si stanno bruscamente ritirando da molti progetti attualmente in

Economia

Ruanda, un alto tasso di successo per le Start-Up

Globalmente la maggior parte delle start-up fallisce, ma in Ruanda sembra essere diverso, secondo le statistiche, circa il 90 per cento delle start-up fallisce a livello globale, ma non nel paese. Julienne