La giovane e numerosa popolazione della Nigeria potrebbe essere una risorsa o un problema.

La giovane e numerosa popolazione della Nigeria potrebbe essere una risorsa o un problema.

Con una popolazione stimata a 206 milioni nel 2020, la Nigeria è il Paese più popoloso dell’Africa e il settimo al mondo.La popolazione del Paese sta crescendo al 2,6% all’anno, uno dei tassi più rapidi a livello globale. A questo ritmo, la popolazione della Nigeria potrebbe raddoppiare nei prossimi 25-30 anni.

La struttura demografica della Nigeria è potenzialmente una risorsa economica. Il Paese ha la più grande popolazione di giovani al mondo, con un’età mediana di 18,1 anni. Circa il 70% della popolazione ha meno di 30 anni e il 42% ha meno di 15 anni.

Le dimensioni e la giovinezza della popolazione offrono un grande potenziale per espandere la capacità della Nigeria come hub economico regionale dell’Africa e a livello globale. Una popolazione giovane e numerosa potrebbe essere una risorsa economica perché la crescita della popolazione e l’urbanizzazione vanno di pari passo e lo sviluppo economico è strettamente correlato all’urbanizzazione. La crescita della popolazione aumenta la densità e, insieme alla migrazione rurale-urbana, crea una maggiore agglomerazione urbana. Questo può aiutare le aziende a produrre beni in numero maggiore e in modo più economico, servendo un numero maggiore di clienti a basso reddito.

Ma il potenziale deve essere sfruttato adeguatamente. I leader devono investire (attraverso la salute e l’istruzione) e adottare politiche forti per creare un ambiente in cui questa risorsa umana venga utilizzata in modo ottimale. È il caso dei Paesi Tigre asiatici, che hanno investito massicciamente in tecnologia, infrastrutture e istruzione.

La Nigeria, da ogni punto di vista del progresso socioeconomico, non riesce a sviluppare la sua dotazione di giovani. Milioni di giovani hanno una scarsa qualità di vita, tra cui la mancanza di istruzione, un basso tenore di vita e scarsi valori in termini di salute.

La Nigeria non sta raccogliendo i benefici della sua attuale struttura demografica e deve fare di più per mitigare gli aspetti negativi. Un’ampia popolazione di giovani non qualificati, economicamente improduttivi, malsani e poco istruiti è anche un peso per la società.

Scarso sviluppo umano

La Nigeria si è classificata al 158° posto su 185 Paesi nell’Indice di Sviluppo Umano 2019. Un rapporto della Banca Mondiale del 2022 afferma inoltre che circa il 40% dei nigeriani vive al di sotto della soglia di povertà nazionale di 1,90 dollari al giorno e circa 95,2 milioni sono in condizioni di povertà. Circa 19,4 milioni di nigeriani rischiano di trovarsi in una situazione di insicurezza alimentare nel 2022.

Secondo l’UNICEF, la Nigeria rappresenta il 20% dei bambini del mondo che non vanno a scuola. In termini assoluti, circa 10,5 milioni di bambini, la maggior parte dei quali sono bambine, non hanno accesso all’istruzione in Nigeria.

La disoccupazione è elevata, pari al 33,3%. La maggior parte dei disoccupati sono donne e giovani. Tra coloro che hanno un lavoro, oltre il 20% è sottoccupato perché non guadagna abbastanza.

Indicatori di salute

La maggior parte degli indicatori sanitari in Nigeria sono preoccupanti. La salute è fondamentale per lo sviluppo umano e questo significa che la Nigeria è in ritardo nello sviluppo.

Le strutture sanitarie sono a livelli non ottimali. I nigeriani hanno attualmente un’aspettativa di vita inferiore (54 anni) rispetto a molti dei loro vicini. Il carico di malattie croniche e infettive del Paese è elevato. Mentre le malattie infettive restano le principali cause di morte nel Paese, le malattie non trasmissibili sono responsabili di 3 decessi su 10.

Mentre la Nigeria non riesce a sviluppare il suo capitale umano, i nigeriani fanno più figli, aumentando il carico potenziale.

Fertilità

Il tasso di fertilità nazionale è di circa 5 figli per donna. Ci sono variazioni regionali. È anche più basso nelle aree urbane (4,5) rispetto alle aree rurali (5,9); più basso nel Sud-Ovest (3,9) rispetto al Nord-Ovest (6,6). In altre parole, le famiglie più povere stanno peggio, soprattutto quelle delle aree rurali. Inoltre, le donne povere e quelle senza o con bassa istruzione sono colpite in modo sproporzionato.

Ci sono 20 madri adolescenti (di età compresa tra i 15 e i 19 anni) ogni 100 ragazze adolescenti in Nigeria, con ampie variazioni tra gli Stati e le regioni. Questo dato è tra i più alti al mondo ed è associato a nascite ad alto rischio, conseguenze socioeconomiche negative, opportunità limitate e un probabile percorso verso la povertà intergenerazionale.

Il bisogno insoddisfatto di contraccezione moderna è stato stimato in oltre il 20%. I contraccettivi moderni aiutano a prevenire le gravidanze indesiderate. Questo è fondamentale per migliorare la salute materna e infantile. La mancanza di accesso alla contraccezione perpetua l’elevata mortalità materna e infantile e l’alta fertilità del Paese.

Attualmente, la mortalità infantile è di 72 decessi ogni 1.000 nati vivi. La mortalità materna è stimata a 512 decessi materni ogni 100.000 nati vivi. L’obiettivo nazionale è di ridurre la mortalità materna a 72 su 100.000 nati vivi e a zero decessi entro il 2030.

Elevata dipendenza

La Nigeria ha una popolazione di persone a carico relativamente alta e in crescita. Questo potrebbe mettere a dura prova coloro che si occupano di loro. I giovani rappresentano una quota maggiore delle persone a carico, una situazione che peggiorerà a meno che non ci sia una politica pubblica deliberata per affrontare l’alta fertilità.

La struttura per età della popolazione suggerisce che per ogni 100 persone nella fascia di età economicamente attiva (15-64), ci sono 86 persone a carico (sotto i 15 anni e sopra i 64). Questo dato si confronta con la media di 78,1 per il continente africano, 52 per il Sudafrica.

Ci sono circa 6 milioni di persone di età superiore ai 65 anni. Sebbene ciò equivalga a solo il 3% della popolazione, è numericamente maggiore della popolazione di alcuni Stati della Nigeria. Nel 2020, l’indice di dipendenza degli anziani in Nigeria era pari a 5,1. Ciò significa che c’erano circa cinque persone di età pari o superiore a 65 anni che dipendevano da ogni 100 persone in età lavorativa (da 15 a 64 anni). Questo numero di persone a carico, oltre ai bambini, può ridurre la capacità della popolazione in età lavorativa di risparmiare e investire.

Altri gruppi ad alta dipendenza in Nigeria sono le persone con disabilità e gli sfollati.

La percentuale di nigeriani disabili è di circa il 2,3%, paragonabile al 3% del Ghana, ma molto inferiore al 7,5% del Sudafrica. Ma la Nigeria non ha piani per affrontare le esigenze dei suoi disabili.

Il Paese ospita anche oltre 3 milioni di sfollati interni e oltre 82.000 rifugiati internazionali, per lo più provenienti dai Paesi vicini.

Dividendo demografico

La Nigeria deve bilanciare la crescita demografica con la prosperità economica. In questo modo è possibile ottenere un dividendo demografico – una crescita economica più rapida derivante da una struttura di età della popolazione favorevole e da politiche sociali ed economiche favorevoli.

Alcuni Paesi asiatici, tra cui Cina, Hong Kong, Corea del Sud e Singapore, ne hanno beneficiato in modo sostanziale. La Nigeria deve puntare a una transizione verso bassi tassi di natalità e mortalità. Il Governo a tutti i livelli deve investire per affrontare l’elevata fertilità e mortalità.

I nigeriani devono abbracciare la pianificazione familiare e affrontare alcune delle cause principali dell’alta fertilità, compresi i fattori socioculturali. Una riduzione della fertilità di un bambino per donna in età fertile porterebbe a un aumento del 13% del PIL pro capite della Nigeria in 20 anni o a un aumento del 25% in 50 anni.

Come indicato nel documento sulla politica demografica, la Nigeria dovrebbe puntare a ridurre la fertilità dall’attuale 5,3% al 4,3% entro il 2030. La pianificazione familiare dovrebbe essere disponibile per tutti e non dovrebbero esserci morti materne entro il 2030.

L’istruzione è la chiave per una buona salute, per l’emancipazione, per l’occupazione e per società pacifiche. Offre il miglior ritorno sugli investimenti. I laureati nell’Africa subsahariana guadagnano il 21% in più rispetto a chi non ha un’istruzione terziaria.

La Nigeria deve dare priorità agli investimenti nell’istruzione, nella salute e nelle infrastrutture per sfruttare le opportunità della sua enorme popolazione. Ma anche i nigeriani hanno un ruolo da svolgere. Devono prendere decisioni e scelte razionali. Queste includono scelte di investimento nella qualità della vita, nella vita sana, nella riduzione della fertilità e nell’emancipazione dei giovani.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 682 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

East Africa

La Sadc protesta contro la nuova legge degli Stati Uniti sulle relazioni Africa-Russia

La Comunità per lo Sviluppo dell’Africa Meridionale (Sadc) è insoddisfatta della decisione che il governo degli Stati Uniti sta prendendo contro l’Africa nel suo sforzo di isolare la Russia dal

Africa Orientale

Kenya – Il Cinese come lingua straniera

Dopo il Sud Africa un altro paese africano ha deciso di inserire il mandarino come lingua straniera nel programma scolastico pubblico. Il Kenya ha recentemente annunciato che il cinese verra’

Nigeria

Nigeria, 200 Milioni dalla della Banca Mondiale per lo sviluppo di Lagos

Il governo della Nigeria ha approvato un prestito di $ 200 milioni di dollari, erogato da da un’agenzia della Banca Mondiale per lo sviluppo delle infrastrutture nello stato di Lagos,