La crescita demografica della Tanzania è una bomba ad orologeria?

La crescita demografica della Tanzania è una bomba ad orologeria?

Gli 89,2 milioni di abitanti che la Tanzania dovrebbe avere entro il 2035 possono essere definiti come una ‘bomba ad orologeria’ se non si prendono le misure adeguate, hanno dichiarato gli esperti.Gli esperti hanno auspicato che le autorità agiscano e trasformino il numero crescente di tanzaniani in un’opportunità.

L’aspettativa sarebbe significativamente più alta se si considera che la nazione dell’Africa orientale contava solo 11 milioni di persone nel 1963 – a soli due anni dall’indipendenza.

Si prevede che la popolazione attuale sarà di 59,4 milioni nel 2021, secondo l’Ufficio Nazionale di Statistica.

Nel suo rapporto dell’anno scorso, la Banca Mondiale (BM) ha affermato che la popolazione comprenderà i giovani di età compresa tra i 18 e i 23 anni in 10 Paesi, tra cui la Tanzania, tra il 2015 e il 2035.

Altri Paesi sono Angola, Repubblica Democratica del Congo (RDC), Egitto, Etiopia, Kenya, Niger, Nigeria, Pakistan e Uganda.

Dal punto di vista economico, la crescita della popolazione è associata a molte sfide e opportunità. Alcune delle sfide includono il cambiamento climatico, la scarsità di cibo e il sovraffollamento delle aree urbane.

Nel 1798, Thomas Malthus rimase stupito nel vedere la massa crescente dell’umanità e avvertì delle sue conseguenze.

L’ecclesiastico, studioso e influente economista inglese disse: “Il potere della popolazione è così superiore al potere della terra di produrre sussistenza per l’uomo, che la morte prematura deve in una forma o nell’altra visitare la razza umana”.

D’altra parte, la crescita della popolazione è considerata un’opportunità per la crescita economica e lo sviluppo. Alcuni studiosi affermano che “la crescita demografica e l’urbanizzazione vanno di pari passo, e lo sviluppo economico è strettamente correlato all’urbanizzazione. I Paesi ricchi sono Paesi urbani”.

Le Nazioni Unite (ONU) suggeriscono che la crescita demografica non sarebbe una minaccia se si intensificasse la guerra contro le misure di mitigazione del cambiamento climatico, in particolare per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili.

Un’altra sfida che i Paesi africani, in particolare la Tanzania, dovrebbero essere pronti ad affrontare è la crescente domanda di sviluppo di infrastrutture massicce che sarebbe causata dall’aumento della migrazione rurale-urbana.

Gli esperti affermano che la Tanzania dovrebbe investire massicciamente nell’istruzione delle donne e delle giovani ragazze, nella fornitura di competenze, nella comprensione del mercato e nei poteri decisionali simili a quelli delle loro controparti maschili.

Le sfide che potrebbero ostacolare lo sviluppo, come l’assenza di forti politiche sociali, l’assenza di fonti di finanziamento, la scarsa pianificazione e il miglioramento delle infrastrutture, dovrebbero essere risolte con effetto immediato.

Il dottor Abel Kinyondo, docente senior dell’Università di Dar Es Salaam (UDSM), ha detto che la rapida crescita demografica del Paese non sarà sostenibile se il ritmo di crescita economica del Paese non la assorbirà.

“La capacità del Paese di sostenere questa crescita non è sostenibile. Anzi, può peggiorare la situazione, se non miglioriamo la nostra economia per creare più posti di lavoro, è necessario un accordo proporzionale tra i potenziali pensionati e la forza lavoro per preparare la quota dei nuovi arrivati”, ha detto.

A differenza dei Paesi sviluppati, dove la popolazione è un vantaggio, nei Paesi in via di sviluppo come la Tanzania la crescita deve essere controllata.

Secondo lui, anche gli Stati Uniti a un certo punto hanno controllato la crescita della popolazione.

“Di conseguenza, hanno aumentato l’aspettativa di vita e l’invecchiamento della popolazione, per cui ora stanno affrontando un grave problema di calo del tasso di fertilità”, ha detto. Il Dr. Kinyondo, che di recente ha lavorato come ricercatore principale presso il REPOA, ha spiegato che attraverso il Programma di Visti di Diversità (Green Card), l’amministrazione statunitense consente l’ingresso di un massimo di 55.000 persone nella forza lavoro del Paese ogni anno. Ha quindi esortato il Governo a prendere diverse misure, tra cui l’aumento degli investimenti, al fine di ridurre l’effetto che ne deriverebbe.

Inoltre, ha suggerito di rinnovare il sistema educativo per preparare i potenziali laureati al mercato del lavoro, di riformare le politiche finanziarie del Paese, di migliorare l’accesso al capitale e di ridurre il crescente divario tra ricchi e poveri.

Il Prof Haji Semboja dell’Università Statale di Zanzibar (Suza) è dell’opinione che la situazione non sia così grave come pensano gli altri.

“Se non abbiamo abbastanza forza lavoro, è lì che inizia il problema”, ha detto.

Ha aggiunto: “Se si confronta la Tanzania con altri Paesi, siamo ancora al sicuro. Dobbiamo sfruttare la crescita demografica a vantaggio del Paese e raccogliere ricchezza dalle lucrose risorse naturali”.

Ha citato alcune delle risorse come la terra, i minerali, le foreste, i bacini idrici, osservando che sono necessari maggiori investimenti e che il Paese deve realizzare la crescita prevista.

Il Prof. Semboja ha detto che lo sviluppo economico in ritardo è qualcosa che trasformerà la crescita della popolazione in una bomba ad orologeria, aggiungendo inoltre che il mondo non permetterà che ciò accada.

Inoltre, ha detto che essendo un importatore netto di grano e olio da cucina, nonostante abbia una vasta terra fertile, la Tanzania può cambiare le cose e diventare un grande esportatore.

“Il sistema del Paese ha fallito. Non abbiamo politiche adeguate, legislazioni e istituzioni vivaci. Le politiche industriali del 1999 non rispondono alle attuali esigenze del Paese”, ha detto.

“La Tanzania possiede almeno il 22 percento dell’acqua dolce del mondo, ma la mentalità della sua popolazione rimane nell’agricoltura alimentata dalla pioggia, nonostante l’acqua sia sufficiente per l’irrigazione”, ha aggiunto il Prof. Semboja, suggerendo la necessità di un cambiamento immediato per far sì che il Paese possa accogliere la suddetta massiccia crescita demografica.

Da parte sua, la dottoressa Mariam Hassan, consulente indipendente, ha detto: “Il rapporto tra popolazione e crescita economica è controverso. Bisogna collegare l’aumento della popolazione, la crescita della produzione pro capite e la crescita economica complessiva”.

Secondo la consulente, i cambiamenti nella popolazione hanno enormi implicazioni sul ritmo e sul progresso dello sviluppo economico. Ad esempio, l’aumento proporzionale della popolazione anziana può frenare o rallentare la crescita economica, perché è necessario che una piccola popolazione attiva produca abbastanza per integrare ciò che dovrebbe essere prodotto da chi non lavora e da chi è a carico.

“L’aumento dell’aspettativa di vita può anche sostenere l’economia creando un maggiore incentivo a risparmiare e a investire nell’istruzione, rafforzando così il capitale finanziario per gli investimenti e il capitale umano che rafforzerebbe l’economia”, ha detto.

Inoltre, ha detto che ogni volta che un Paese sperimenta una prosperità infantile seguita da un calo della fertilità, la dimensione relativa della forza lavoro aumenta.

“Se la Tanzania è in grado di assorbire la generazione del baby boom in un impiego produttivo, può registrare un rapido aumento della crescita economica. Ma se non saremo in grado di sfruttare questa opportunità a nostro vantaggio, correremo il rischio di creare una popolazione in età lavorativa numerosa, cronicamente sottoccupata e sempre più conflittuale”.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 682 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Economia

Tanzania: dalla EU 115 M di Euro per finanziare sei nuovi progetti

L’Unione Europea ha firmato un patto con il governo della Tanzania per finanziare la realizzazione di sei progetti che dovrebbero contribuire a creare un quadro favorevole allo sviluppo economico e

Politica

Con enormi terreni coltivabili, perché l’Africa ha bisogno di importare grano?

Nonostante disponga di vaste estensioni di terreno coltivabile, di colture indigene nutrienti e di un settore agricolo in piena espansione, l’Africa importa ancora la maggior parte dei suoi cereali.Il blocco

Africa Sub Sahariana

Obama in Kenya, sono venuto a cercare il mio certificato di nascita

Durante la sua visita in Kenya, il presidente americano scherza sulla sua origine africana, durante la cena di gala.