BII investe 200 milioni di dollari nell’energia idroelettrica africana

BII investe 200 milioni di dollari nell’energia idroelettrica africana

British International Investment ha annunciato che si unirà a Norfund, il Fondo d’investimento norvegese per i Paesi in via di sviluppo, nella sua joint venture con Scatec ASA per fornire capitali al settore idroelettrico africano.BII ha dichiarato che questo sarà il suo più grande investimento nell’energia idroelettrica nei suoi 74 anni di storia, con un impegno di capitale fino a 200 milioni di dollari nei prossimi anni. Norfund sta alimentando la partnership con la sua quota esistente in una joint venture con lo sviluppatore norvegese di energie rinnovabili Scatec e con ulteriori impegni di capitale fino a 100 milioni di dollari nei prossimi anni.

Si prevede che gli investimenti della joint venture sosterranno la creazione di 180.000 posti di lavoro, eviteranno almeno 270.000 tCO2e di emissioni di gas serra all’anno e potrebbero fornire elettricità pulita sufficiente a soddisfare la domanda equivalente di oltre 3 milioni di persone.

Secondo un comunicato, l’investimento estende e completa gli impegni e le partnership esistenti di BII e Norfund per dare energia all’Africa, attraverso Globeleq, una società di produzione di energia indipendente da 2,3 GW di cui BII e Norfund sono azionisti, e il loro investimento congiunto in H1 Capital, una società di investimento e sviluppo delle energie rinnovabili di proprietà e gestione nera sudafricana.

Norfund e BII detengono insieme una partecipazione del 49% nel portafoglio idroelettrico africano di Scatec, che comprende la proposta di impianto idroelettrico Ruzizi III da 205 MW, che fornirà energia a Ruanda, Burundi e Repubblica Democratica del Congo; l’impianto idroelettrico Volobe da 120 MW in Madagascar e il progetto Mpatamanga da 350 MW in Malawi.

I vari progetti di pipeline saranno progettati e costruiti nei prossimi anni. BII stima che in un decennio l’elettricità pulita fornita dai nuovi asset della JV potrebbe sostenere la creazione di almeno 180.000 ulteriori posti di lavoro, evitare almeno 270.000 tCO2e di emissioni di gas serra all’anno e soddisfare la domanda equivalente di oltre 3 milioni di persone.

Norfund è stato determinante nella costruzione dell’azienda nota come SN Power, che è diventata un’azienda idroelettrica nei Paesi in via di sviluppo e che è stata poi venduta a Scatec nel gennaio 2021. Le parti hanno concordato di collaborare sui progetti di SN Power in Africa, sotto la nuova proprietà di Scatec, dove Norfund ha mantenuto una partecipazione del 49%, che sarà ora condivisa con BII.

“British International Investment sta contribuendo a realizzare la visione del Regno Unito per l’Iniziativa Green, fornendo capitali per alimentare la sostenibilità economica inclusiva in tutta l’Africa”, ha dichiarato il Ministro britannico per l’Africa Vicky Ford. Investire per rafforzare il settore idroelettrico africano è un passo importante per aiutare a soddisfare la domanda di energia di tre milioni di persone nei Paesi più a rischio per gli impatti dell’emergenza climatica”. Grazie a questi progetti, i finanziamenti del Regno Unito consentiranno di creare posti di lavoro e di promuovere una crescita produttiva pulita in tutto il continente”.

BII è un’istituzione finanziaria per lo sviluppo e un investitore d’impatto del Regno Unito, con l’obiettivo di “creare economie più produttive, sostenibili e inclusive in Africa, Asia e Caraibi”.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 682 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Centrale

La Turchia cerca di rafforzare le relazioni con l’Africa

Negli ultimi 15 anni, la Turchia ha gradualmente intensificato i suoi legami politici ed economici con i paesi africani. Il suo coinvolgimento è diventato più visibile nell’Africa sub-sahariana, in particolare

Energia

L’Angola punta al 60% di elettrificazione entro il 2025

L’Angola sta cercando di aumentare la quota di popolazione con accesso all’elettricità. La Francia e la World Bnak hanno stanziato 344 milioni di euro per aiutare a collegare le province

Nigeria

Nigeria: Andritz ottiene la riabilitazione della centrale idroelettrica di Jebba

In considerazione della portata del deficit di disponibilità di energia elettrica in Nigeria, sono previsti grandi investimenti sia nella generazione che nella distribuzione. Nel frattempo, il paese sta prendendo provvedimenti