In Uganda, Lavrov sollecita le riforme dell’ONU per dare voce ai Paesi in via di sviluppo

In Uganda, Lavrov sollecita le riforme dell’ONU per dare voce ai Paesi in via di sviluppo

Il Ministro degli Esteri della Russia ha dichiarato che il suo Paese sostiene la riforma del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per dare un ruolo più potente alle nazioni in via di sviluppo, compresi i Paesi africani.

Sergey Lavrov ha parlato martedì a Kampala, la capitale ugandese, dopo aver incontrato il Presidente ugandese Yoweri Museveni.

“Abbiamo confermato le nostre posizioni in merito alla riforma del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite”, ha detto Lavrov. “Il problema principale è la sottorappresentazione nel Consiglio di Sicurezza degli Stati in via di sviluppo e l’unica soluzione a questo problema è una maggiore rappresentanza dei Paesi asiatici, africani e latinoamericani”.

L’Uganda è stata la terza tappa del tour di Lavrov in Africa, mentre la Russia cerca di cambiare la narrazione della guerra in Ucraina. Lavrov concluderà il suo viaggio con una visita in Etiopia, sede dell’Unione Africana, composta da 54 Paesi.

Un dibattito lungo decenni
Negli ultimi mesi, i leader africani hanno fatto pressione per ottenere una rappresentanza permanente dell’Africa nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. La questione della riforma del Consiglio, composto da 15 membri, ha suscitato un dibattito per decenni.

All’inizio di quest’anno, Museveni ha detto che le riforme avrebbero fermato quelli che ha definito “errori”, come la rimozione dal potere del defunto leader libico Muammar Gheddafi, catturato e ucciso da un’operazione dell’alleanza Nato.

I cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza riflettono la struttura del potere internazionale alla fine della Seconda Guerra Mondiale: Stati Uniti, Cina, Russia, Francia e Gran Bretagna. Gli altri 10 seggi del Consiglio ruotano tra i membri dell’ONU, che hanno un mandato di due anni.

Sebbene ci sia un ampio sostegno per rinnovare il Consiglio in modo che rifletta le attuali realtà globali, gli sforzi sono stati bloccati da rivalità nazionali e regionali.

L’Unione Africana ha chiesto che il Consiglio venga ampliato a 26 membri con sei seggi permanenti aggiuntivi, di cui due per l’Africa con potere di veto, e cinque seggi non permanenti per l’Africa.

Parternariato militare
Gli ufficiali russi assistono regolarmente l’Uganda per la manutenzione delle attrezzature militari e le autorità hanno recentemente assegnato un contratto a un’azienda russa che installerà dispositivi di tracciamento nei veicoli militari per combattere i crimini violenti.

L’Uganda è una delle 25 nazioni africane che si sono astenute o non hanno votato nella risoluzione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite che condannava l’invasione della Russia in Ucraina all’inizio di quest’anno. Molte nazioni del continente di 1,3 miliardi di persone hanno legami di lunga data con Mosca, risalenti alla Guerra Fredda, quando l’Unione Sovietica sosteneva i loro sforzi anti-coloniali.

Museveni ha detto martedì che la Russia è stata amica dell’Uganda per più di 100 anni. La Russia non può diventare improvvisamente un nemico a causa della sua rivalità con gli Stati Uniti, ha detto.

“Vogliamo creare i nostri nemici, non combattere i nemici degli altri”, ha detto Museveni. “Questa è la nostra dottrina”.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 884 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Politica

Continuità e cautela sono la chiave dei legami Cina-Africa nel terzo mandato di Xi Jinping

Ha detto che Xi ha ereditato una politica africana che era già su una traiettoria ascendente sotto il suo predecessore, Hu Jintao, e in una certa misura il predecessore di

Uganda

Altri due riassicuratori rifiutano la copertura per il megaprogetto del gasdotto dell’Africa orientale

Altre due compagnie di riassicurazione si sono unite alla sfilza di aziende che rifiutano di fornire copertura a un oleodotto da 5 miliardi di dollari proposto in Africa orientale, che

Politica

L’altro conflitto dell’Etiopia: Cosa sta guidando la violenza in Oromia?

Nel novembre 2020, un’esplosione di violenza nella regione etiope del Tigray ha catturato l’attenzione mondiale. Il conflitto era tra le forze del Tigray e quelle del governo etiope e dei