I contratti di vendita a lungo termine: la chiave del successo del gas naturale in Senegal e Mauritania

Nel 2020, le ricche risorse di gas naturale al largo della Mauritania e del Senegal sono state oggetto del più grande contratto a lungo termine di gas naturale liquefatto (GNL) firmato quell’anno.

L’accordo tra l’azienda petrolifera americana Kosmos Energy, i suoi partner e BP Gas Marketing Limited, riguardava il GNL della Fase 1 del progetto Greater Tortue Ahmeyim, al largo della Mauritania e del Senegal. L’accordo prevede che Kosmos fornisca 2,45 milioni di tonnellate all’anno (mtpa) di GNL per un periodo iniziale fino a 20 anni.

L’accordo è una pietra miliare per le aziende e per il Senegal e la Mauritania.

Ma francamente, con l’avvio di così tanti progetti di gas naturale nei due Paesi, dovremmo sentire parlare di un numero ancora maggiore di contratti di vendita di gas a lungo termine.

Attualmente, Kosmos Energy e i suoi partner (BP, la compagnia petrolifera statale del Senegal, Petrosen, e la Societe Mauritanienne des Hydrocarbures della Mauritania) sono riusciti ad ottenere contratti di vendita solo per i volumi della Fase 1 del Progetto Greater Tortue Ahmeyim. Questo nonostante il fatto che si stima che il progetto abbia un potenziale di produzione di gas di 15 mila miliardi di piedi cubi, sufficiente per 30 anni di produzione o più.

In un’altra promettente partnership tra BP e Kosmos Energy, il giacimento di gas ultra-profondo Yakaar-Teranga, al largo del Senegal, con riserve di gas naturale stimate in 2.739 miliardi di piedi cubi, solo una frazione dei volumi della Fase 1 è stata contrattata.

E questo è più di quanto si possa dire per il progetto BirAllah di BP in Mauritania, che si prevede genererà 1.642 barili al giorno di petrolio greggio e condensato, 277 milioni di piedi cubici (Mccfd) al giorno di gas naturale e 1.304 Mmcfd di gas naturale liquido entro il 2030. A tutt’oggi, la produzione di BirAllah non è ancora stata contrattualizzata.

Non posso sottovalutare l’importanza di perseguire contratti di vendita a lungo termine per contribuire a creare le condizioni per il successo dei progetti di gas. Quando le aziende si assicurano decenni di acquisti di GNL, ad esempio, hanno molte più probabilità di ottenere il sostegno degli investitori di cui avranno bisogno per produrre il gas naturale che poi liquideranno. Perché? I contratti a lungo termine riducono al minimo i rischi degli investitori; sanno che le entrate derivanti dalle vendite di GNL contribuiranno a coprire i loro costi di investimento.

I contratti a lungo termine riducono al minimo i rischi degli investitori, che sanno che le entrate derivanti dalle vendite di GNL contribuiranno a coprire i costi di investimento.

L’avvio di progetti di gas naturale farà probabilmente impennare i livelli di produzione in Senegal e Mauritania, da praticamente nulla a 265.000 barili di petrolio equivalente al giorno (boepd) entro la fine del 2020. Questo slancio è destinato a crescere, con una produzione quasi raddoppiata a più di 500.000 boepd entro il 2035, triplicata a 750.000 boepd entro il 2040 e che continuerà a crescere fino al 2040.

Questo rappresenta una grande promessa, sia per le aziende petrolifere e del gas della regione, sia per le popolazioni del Senegal e della Mauritania. Il gas generato da questi progetti può creare enormi opportunità di lavoro e imprenditoriali. Può soddisfare il fabbisogno nazionale per i programmi gas-to-power progettati per affrontare la povertà energetica. Può essere monetizzato e, a sua volta, contribuire a finanziare infrastrutture molto necessarie, dai gasdotti ai porti, con il potenziale di favorire la crescita economica e la diversificazione. Inoltre, può servire come materia prima per gli impianti petrolchimici e di fertilizzanti, che contribuiranno all’industrializzazione e a una crescita economica ancora maggiore.

Questi sono tutti motivi per cui la Camera dell’Energia Africana esorta le aziende della regione a rendere prioritaria la stipula di contratti di vendita di gas a lungo termine. Favorendo la stabilità dei ricavi dei progetti di gas e la sicurezza degli investitori, gli accordi a lungo termine aiuteranno il Senegal e la Mauritania a capitalizzare pienamente le loro risorse di gas naturale.

Il momento è giusto

Sebbene l’accordo di vendita a lungo termine di Kosmos Energy con BP Gas Marketing Limited possa essere definito una rarità nel 2020, quando il COVID-19 ha praticamente ucciso la domanda di petrolio e di gas e ha costretto le aziende di tutto il mondo a sospendere i progetti, ci sono tutte le ragioni per essere ottimisti nel garantire contratti di vendita di gas a lungo termine nel 2022. Ciò è particolarmente vero nei mercati europei, che di recente hanno compiuto un cambiamento radicale rispetto alle transazioni spot (vendite immediate o a breve termine senza garanzia di ulteriori transazioni in futuro) per il GNL.

Questa transizione è iniziata nell’ultimo anno, quando gli europei hanno iniziato a sentire l’impatto della diminuzione delle forniture di gas naturale, ha scritto Irina Slav per Oilprice.com.

“Il calo degli investimenti nella nuova produzione di gas, i lunghi tempi di consegna degli impianti di liquefazione e la crescente pressione sulla riduzione delle emissioni si sono scontrati con la scarsità dell’offerta di gas, mentre la domanda continuava a crescere a livello globale”, ha spiegato Slav. “L’Europa, il bambino manifesto della transizione energetica, ha scoperto con orrore di non avere una capacità di generazione eolica e solare sufficiente a sostituire il consumo di gas, soprattutto in presenza di basse velocità del vento e durante le stagioni meno soleggiate”.

Queste circostanze hanno fatto impennare la domanda di forniture di gas a lungo termine. E poi la Russia ha invaso l’Ucraina.

“L’invasione russa dell’Ucraina ha avuto un impatto drammatico sui contratti di GNL a lungo termine”, ha dichiarato a giugno Daniel Toleman, analista principale di Wood Mackenzie. “Molti acquirenti tradizionali di GNL non acquisteranno gas spot o GNL, né rinnoveranno o sottoscriveranno ulteriori contratti di GNL con i venditori russi”. Anche i prezzi spot sono stati elevati e volatili, spingendo molti acquirenti verso contratti a lungo termine. Inoltre, alcuni acquirenti stanno tornando a stipulare contratti a lungo termine per conto dei governi, per proteggere la sicurezza energetica nazionale”.

Tutti questi fattori stanno convergendo per creare una finestra di opportunità per assicurarsi contratti di gas e GNL a lungo termine, e le aziende in Senegal e Mauritania dovrebbero approfittarne.

I leader governativi stanno facendo la loro parte per aiutare: Sia il Senegal che la Mauritania hanno lavorato per offrire alle compagnie internazionali di petrolio e gas condizioni economiche favorevoli per operare all’interno dei loro confini, il che significa che le aziende possono perseguire progetti con spese di capitale inferiori.

Quindi, il mio messaggio alle compagnie petrolifere e del gas che operano in Senegal e in Mauritania è: agite subito per stipulare accordi di vendita a lungo termine per il gas e il GNL. Gli europei potrebbero sostenere le loro parole firmando accordi a lungo termine. Il nostro settore deve agire ora per mettersi nella posizione ottimale per attrarre investimenti. Faccia ciò che è necessario per ottenere un vantaggio che potrebbe essere vantaggioso per lei, ponendo al contempo le basi per un futuro più prospero per le comunità locali, le imprese e i singoli.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito