Il futuro energetico della Tanzania: il mega progetto LNG

Il futuro energetico della Tanzania: il mega progetto LNG

Il Governo della Tanzania e i suoi partner, tra cui Equinor, Shell ed ExxonMobil, hanno annunciato la firma dello storico Accordo di Governo Ospitante (HGA), che darà il via libera al mega progetto di gas e GNL della nazione. Il progetto da 30 miliardi di dollari USA mira a produrre 10 milioni di tonnellate all’anno di GNL per l’esportazione, con un potenziale di trasformazione per l’industrializzazione, portando investimenti, tecnologia, competenze e infrastrutture nel Paese, a beneficio delle imprese tanzaniane e dei suoi cittadini.

“Ci aspettiamo che la decisione finale di investimento sul progetto GNL venga presa nel 2025”, ha dichiarato il Presidente della Repubblica Unita di Tanzania Samia Suluhu Hassan in un discorso tenuto in occasione dell’evento di firma sabato (11 giugno) nella capitale Dodoma.

Da quando è stata nominata Presidente, Sua Eccellenza Samia Hassan ha guidato la spinta agli investimenti globali in Tanzania, e la conclusione dell’HGA è stata una delle priorità del Governo. Questo storico accordo segue il recente grande successo del Royal Tour presidenziale negli Stati Uniti, che ha assicurato più di 1 miliardo di dollari in investimenti esteri.

“Non potrebbe arrivare in un momento più critico per noi tanzaniani”, ha dichiarato l’Onorevole Abdulsamad Abdulrahim Abdulrahim, Presidente dell’Associazione dei Fornitori di Servizi Oil & Gas della Tanzania (ATOGS), “abbiamo aspettato pazientemente in disparte per stabilire e sviluppare un’industria energetica nazionale, per l’economia locale, per il rafforzamento delle capacità locali e per il beneficio della Tanzania”.

La Tanzania si sta rapidamente affermando come Hub energetico dell’Africa orientale, con opportunità di business che spaziano dal gasdotto EACOP, agli sviluppi di gas offshore a monte, ai progetti di gasdotti regionali, al GNL, al Gas to Power, alle infrastrutture energetiche e a una serie di progetti di energia rinnovabile.

Questi e altri progetti energetici strategici saranno presentati dal Ministro dell’Energia January Makamba e dal suo team tecnico di TPDC, PURA e TANESCO in occasione dell’incontro internazionale Tanzania Energy Congress, che si terrà dal 3 al 4 agosto 2022 a Dar Es Salaam, organizzato da dmg events e dai suoi partner Ocean Business Partners Tanzania.

Tra gli illustri dignitari e leader del settore che parteciperanno ci sono: I Ministri dell’Energia, degli Affari Esteri e della Cooperazione con l’Africa Orientale, delle Finanze e della Pianificazione, degli Investimenti, dell’Industria e del Commercio, del Lavoro, dei Giovani, dell’Occupazione e delle Persone con Disabilità della Tanzania. I Ministri dell’Energia di Arabia Saudita, Uganda, Guinea Equatoriale e Comore, tra gli altri. Oltre a direttori generali e amministratori delegati del settore privato dell’industria energetica locale, regionale e globale, nonché rappresentanti di agenzie governative, ONG, università e PMI.

Gli sponsor dell’evento includono gruppi energetici globali come: Group Six International, PanAfrican Energy, Elsewedy Electric, East African Crude Oil Pipeline, Oryx Energies, Amsons Group, Maurel & Prom, McDermott, NMB, Schneider Electric e Wentworth Resources.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 682 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Energia

Congo DRC, parte l’investimento nella centrale di Busanga

Sinohydro Corp. e China Railway Group Ltd. hanno accettato di finanziare una centrale idroelettrica da 240 megawatt, dal costo di 660 milioni nella Repubblica Democratica del Congo, nella provincia di

Repubblica Democratica Del Congo DRC

RDC: Formato consorzio Sino-Spagnolo per la costruzione della diga Inga III

Le aziende cinesi e spagnole scelte dalle autorità congolesi hanno finalmente accettato di formare un consorzio per lo sviluppo del progetto idroelettrico Inga III. Sulla scia di questo accordo, il

Energia

Angola: Eni scopre un grande giacimento di petrolio leggero offshore

In Angola, il produttore italiano di idrocarburi Eni ha segnalato la scoperta di un deposito di petrolio leggero stimato tra 200 e 250 milioni di barili. Questo è stato fatto