Il Kenya attende i risultati delle elezioni in un testa a testa tra William Ruto e Raila Odinga.

Il Kenya attende i risultati delle elezioni in un testa a testa tra William Ruto e Raila Odinga.

I kenioti hanno atteso con ansia mercoledì i risultati delle elezioni presidenziali del Paese, dopo uno scrutinio in gran parte pacifico, con una bassa affluenza in alcune aree che ha suggerito una crescente frustrazione nei confronti dell’élite politica.Sebbene i candidati alla presidenza William Ruto e Raila Odinga abbiano entrambi giurato di mantenere la calma dopo lo scrutinio di martedì, il ricordo delle passate violenze elettorali rimane fresco per molti kenioti, che hanno esortato i partiti politici ad accettare i risultati.

Con la pressione che sta aumentando sulla Commissione elettorale indipendente e per i confini (IEBC), che deve dichiarare i risultati entro il 16 agosto, i funzionari hanno lavorato durante la notte per contare i voti e dissipare i timori di brogli.

“Chiediamo pazienza ai kenioti mentre intraprendiamo questo processo rigoroso e ci sforziamo di completarlo il prima possibile”, ha detto il presidente dell’IEBC Wafula Chebukati in un briefing a tarda notte.

I kenioti, alcuni dei quali si sono messi in fila prima dell’alba per votare, hanno votato in sei elezioni martedì, scegliendo un nuovo Presidente, oltre a senatori, governatori, membri del Parlamento, rappresentanti delle donne e circa 1.500 funzionari di contea.

Nonostante l’entusiasmo iniziale, tuttavia, l’affluenza alle urne in alcune aree è apparsa debole, suggerendo che, almeno per alcuni kenioti, la pazienza per anni di promesse non mantenute si stava esaurendo.

Anche coloro che si sono presentati presto a votare hanno detto di essere stanchi di eleggere leader politici che hanno fatto poco per migliorare le loro vite.

“Per tutto questo tempo abbiamo fatto elezioni, abbiamo ricevuto promesse ma non abbiamo visto alcun cambiamento”, ha detto George Otieno Henry, un artigiano di 56 anni.

“Spero che questa volta vada meglio”, ha detto all’AFP a Kibra, una delle più grandi baraccopoli di Nairobi.

Alle 16.00 (1300 GMT), 10 ore dopo l’inizio delle votazioni, l’affluenza era di poco superiore al 56% dei 22 milioni di elettori registrati, secondo l’IEBC.

Dati comparabili per le elezioni dell’agosto 2017 non sono stati immediatamente disponibili, ma l’affluenza complessiva ha raggiunto il 78% in quella votazione.

Crisi del costo della vita
Il Vice Presidente Ruto e il leader dell’ opposizione Odinga, ora appoggiato dal partito al potere, si sono entrambi impegnati ad affrontare la crisi del costo della vita e ad alleviare la vita dei kenioti comuni.

Ma molti si aspettano che i due si scontrino sui risultati, come è avvenuto in precedenza nella nazione dell’Africa orientale, dove nessun risultato di un’elezione presidenziale è stato incontestato dal 2002.

Un tempo erede designato, Ruto, 55 anni, si è ritrovato ai margini dopo che il Presidente per due mandati Uhuru Kenyatta – che non può candidarsi per la terza volta – si è alleato con il suo ex nemico Odinga, 77 anni, in una mossa che ha stupito il Paese.

Da allora, il ricco uomo d’affari si è presentato come il campione dei ” cavalieri” che cercano di guadagnarsi da vivere in un Paese governato dalle “dinastie” – le famiglie Kenyatta e Odinga che hanno dominato la politica keniota dall’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1963.

Con un terzo della popolazione del Kenya che vive in povertà, le pressioni economiche hanno pesato sugli elettori anche prima che la guerra in Ucraina facesse impennare i prezzi dei beni essenziali.

Prima delle elezioni, alcuni osservatori hanno ipotizzato che l’economia potrebbe superare le affiliazioni tribali come fattore chiave che guida il comportamento degli elettori, mentre altri hanno detto che l’incapacità dei politici di affrontare la crisi potrebbe tenere le persone lontane dal voto.

“Molti kenioti… hanno citato la loro mancanza di fiducia nei politici per migliorare la loro attuale situazione economica come ragione principale per non partecipare alle elezioni di agosto”, ha dichiarato Oxford Economics in una nota della scorsa settimana.

Gli analisti hanno suggerito che Odinga, un ex prigioniero politico ed ex Primo Ministro che sta facendo il suo quinto tentativo alla presidenza, potrebbe superare il suo rivale più giovane.

Se nessuno dei due dovesse superare il 50 percento, il Kenya organizzerà un ballottaggio per la prima volta nella sua storia.

I partner internazionali del Kenya stanno osservando da vicino le elezioni in un Paese considerato un faro di stabilità regionale.

Le elezioni locali sono state sospese in diverse aree martedì, scatenando una protesta in un caso, ma la polizia ha dichiarato che il processo elettorale è rimasto in gran parte “calmo e pacifico, senza incidenti di rilievo da segnalare”.

La sicurezza è stata stretta, con l’obiettivo di evitare che si ripetano le violenze post-elettorali che hanno colpito il Kenya in passato.

Il voto del 2007 è stato seguito da scontri etnici a sfondo politico che hanno ucciso più di 1.100 persone, mentre la sfida di Odinga al risultato delle elezioni del 2017 è stata accolta con una risposta pesante della polizia che ha causato decine di morti.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 777 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Orientale

La disputa sul GERD si sposta sui social media

Mentre l’Egitto, l’Etiopia e il Sudan si battono per risolvere la disputa di vecchia data sul progetto della mega-diga di Addis Abeba sul Nilo, alcuni dei loro cittadini si scontrano

Africa Orientale

I voli hop-and-pick, un rimedio per le compagnie aeree africane in difficoltà

Una lobby di compagnie aeree africane propone un’adozione rapida e più estesa dei servizi hop-and-pick, vedendoli come una soluzione per i vettori in difficoltà e come un modo per alleviare

Politica

La Germania chiede uno sforzo internazionale per stabilizzare il Mali

La Germania si è impegnata ad ampliare il suo impegno nelle missioni di pace dell’Onu nell’area del Sahel in Africa, devastata dalla guerra. Il ministro degli Esteri Heiko Maas ha