Eni progetta di installare due unità modulari di liquefazione del gas in Congo

Eni progetta di installare due unità modulari di liquefazione del gas in Congo

Per diversi anni, le autorità congolesi hanno puntato a fare del gas la spina dorsale della produzione di elettricità in Congo. La quantità di gas prodotta nel Paese è spesso insufficiente a soddisfare il fabbisogno interno.

L’azienda energetica italiana Eni sta progettando di installare due unità modulari galleggianti di liquefazione del gas (FLNG) con una capacità combinata di circa 2 milioni di tonnellate all’anno.

Il progetto dovrebbe essere operativo a partire dal 2023 e dovrebbe attingere alle riserve di gas del blocco offshore Marine XII, situato a circa 17 km al largo. Alla fine fornirà gas grezzo al settore energetico nazionale, oltre a incrementare le esportazioni di energia.

L’aggiornamento arriva tre mesi dopo che l’azienda ha firmato un accordo con il governo congolese per produrre 3 milioni di tonnellate all’anno di GNL. Non è stata fornita alcuna spiegazione per il calo delle previsioni di produzione di GNL.

Inoltre, le autorità congolesi puntano su questo progetto per rilanciare l’economia, che dipende fortemente dalle esportazioni di petrolio greggio. Non sono stati forniti dettagli sui fondi che saranno immessi per sviluppare il progetto.

Il blocco Marine XII ospita importanti risorse di gas, tra cui i pozzi Litchendjili, Nene Marine e NKala. Il perimetro ospita anche risorse petrolifere significative nei pozzi Litchendjili, Nene Marine e Minsala.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 613 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Occidentale

Ghana: La Bui Power Authority sta costruendo una centrale solare da 250 MW accanto alla diga idroelettrica di Bui (400 MW)

In Ghana, la Bui Power Authority sta costruendo una centrale solare da 250 MW accanto alla diga idroelettrica da 400 MW in funzione dal 2013. Il parco solare costerà 480

Africa Occidentale

Uganda, Total pronta a diventare leader grazie ai progetti petroliferi del Lago Albert

La Total Total dominerà il settore petrolifero dell’Uganda grazie alla  proprietà del 66,66% dei progetti petroliferi del Lago Albert. Si prevede che entrino in produzione nel 2022/2023, con la China

Energia

Sierra Leone: La diga di Bumbuna verso il closign finanziario

La costruzione della seconda fase del progetto idroelettrico di Bumbuna in Sierra Leone si sta avvicinando alla chiusura finanziaria a seguito dell’impegno di sostegno finanziario di InfraCo Africa, una società