La Tanzania punta a porre fine alla carenza di olio alimentare e alla dipendenza dalle importazioni

La Tanzania punta a porre fine alla carenza di olio alimentare e alla dipendenza dalle importazioni

L’olio commestibile è attualmente uno dei prodotti che stanno registrando un’enorme carenza, con i prezzi in rapida ascesa che spingono alcune famiglie a smettere di acquistarlo perché non possono permetterselo.

La tendenza è in atto da oltre un anno, anche prima dell’inizio della guerra tra Russia e Ucraina, iniziata a febbraio di quest’anno.

Il prezzo di un contenitore da 20 litri di olio commestibile è passato da circa 55.000 scellini nel giugno 2021 a circa 130.000 scellini nel maggio 2022.

Solo di recente i prezzi si sono ridotti a circa 94.000 scellini per un contenitore da 20 litri.

Tuttavia, il Governo sta studiando una strategia per aumentare la produzione locale di semi di girasole e di palma, in modo da ridurre la dipendenza dalle importazioni e porre fine alle fluttuazioni dei prezzi.

L’obiettivo è di produrre almeno un milione di tonnellate di girasole.

I dati forniti dalla Tanzania Sunflower Processors Association (Tasupa) mostrano che la Tanzania è un importatore netto di 395.000 tonnellate di olio di palma dalla Malesia.

Inoltre, Tasupa afferma che la Russia e l’Ucraina sono i maggiori produttori mondiali di girasole, rispettivamente al 25 e al 22 percento.

Tuttavia, la guerra in corso tra Russia e Ucraina ha influenzato negativamente la fornitura di olio da cucina da queste due nazioni alla maggior parte dei Paesi, causando un aumento dei prezzi.

Ma il Governo, attraverso il Ministero dell’Agricoltura, ha dichiarato a The Citizen in un’intervista che mira a rendere il Paese autosufficiente in termini di olio da cucina entro il 2025.

La strategia mira a soddisfare l’attuale domanda di olio alimentare, che si aggira tra le 600.000 e le 700.000 tonnellate, e a superarla fino a un milione di tonnellate.

L’Agenzia per le Sementi Agricole (ASA) è stata incaricata di produrre 15.000 tonnellate di semi di qualità da distribuire agli agricoltori in varie regioni entro il 2025.

“Ci aspettiamo di produrre e distribuire 5.000 tonnellate di sementi di qualità quest’anno, e di raddoppiare la quantità a 10.000 tonnellate entro il prossimo anno. Si prevede che l’ASA triplicherà la produzione fino al 2025”, ha dichiarato il Ministro dell’Agricoltura Hussein Bashe.

Durante l’intervista, Bashe ha detto che il Ministero mira ad aumentare la produzione di semi di qualità a una media di 120.000 e 150.000 ettari di produzione di olio di palma.

“Stiamo pianificando di piantare 20 milioni di piantine di olio di palma nei 120.000-150.000 ettari, al fine di ottenere un minimo di 18 milioni di alberi di palma da olio”, ha detto Bashe.

Ha detto che le piantagioni saranno situate nelle regioni di Kagera, Katavi, Kigoma, Tabora e Coast, dove agli agricoltori saranno distribuite piantine di olio di palma da trapiantare nelle loro aziende agricole. Il Presidente Samia Suluhu Hassan ha dato ordine al Ministero di garantire che il settore raggiunga una crescita significativa, aumenti la produttività e crei posti di lavoro per i giovani.

L’impegno di ASA

L’amministratore delegato dell’Agenzia, Sophia Kashenge, ha dichiarato a The Citizen che le strategie porranno fine alla carenza di olio alimentare nel Paese. Ha detto che la domanda annuale di semi di qualità del Paese è di 187.197 tonnellate.

Secondo la dottoressa, entro aprile 2022, circa 35.199,39 tonnellate di semi erano disponibili per l’uso da parte degli agricoltori; 11.340,2 tonnellate provenivano dalle importazioni e dal settore privato, 20.436,39 tonnellate erano prodotte dall’Agenzia, mentre 3.422,80 tonnellate erano rimaste dalla scorsa stagione.

La dottoressa Kashenge ha detto che 2.000 tonnellate di semi standard di girasole sono state distribuite agli agricoltori in 21 regioni.

Ha detto che i semi di girasole del valore di 5,84 miliardi di scudi sono stati distribuiti in 72 distretti di 21 regioni della Tanzania continentale.

Le regioni che hanno ricevuto i semi di girasole sono Tabora, Shinyanga, Simiyu, Mtwara, Singida, Dodoma, Manyara, Kilimanjaro, Arusha, Morogoro, Katavi, Njombe, Iringa, Kigoma, Kagera, Mwanza, Lindi e Coast.

Secondo lei, le regioni che hanno ricevuto semi di olio di palma sono Tabora, Kigoma, Tanga, Coast, Morogoro, Njombo, Rukwa e Katavi.

“Già alcune regioni hanno iniziato a mostrare un enorme sollievo nell’accesso e nei costi dell’olio alimentare, dopo che gli agricoltori hanno iniziato a raccogliere i semi di girasole piantati”, ha detto durante un’intervista.

Nuove fattorie di semi

La dottoressa Kashenge ha detto che nel 2021/22 l’ASA ha aumentato l’area di terreno per la produzione di semi, avviando la coltivazione in 1.639,6 ettari.

Ha citato le aziende agricole e i rispettivi distretti tra parentesi come Msimba (Kilosa)-815 ettari; Mwele (Mkinga)-305 ettari, Bugaga (Kasulu)-30,8 ettari, Kilimi (Nzega)-300 ettari, Namtumbo-88,8 ettari e Msungura (Chalinze)-100 ettari.

“Dell’area totale, 1.158,6 ettari sono utilizzati per la produzione di semi di girasole. L’ASA ha anche firmato dei contratti con le parti interessate, tra cui aziende, istituzioni e privati. Questi soggetti utilizzano le aziende agricole di proprietà dell’agenzia per produrre semi di qualità, aumentando così i semi utilizzati per la produzione di olio alimentare”, ha detto.

Ha detto che attualmente l’ASA possiede 13 aziende agricole, con una superficie totale di 16.588 ettari, notando che 12.731 ettari erano quelli adatti alla coltivazione agricola.

“L’area complessiva utilizzata per la moltiplicazione delle sementi, compresi gli ettari appartenenti al settore privato, è di 30.000 ettari. Rispetto alla crescente domanda di sementi di qualità del Paese, l’Agenzia ha bisogno di 300.000 ettari”, ha dichiarato a The Citizen.

Ha lasciato intendere che la domanda di terreni per la produzione di sementi di qualità continua a crescere in seguito alla rapida espansione del settore agricolo.

Le sfide della moltiplicazione dei semi

La dottoressa Kashenge ha detto che il cambiamento climatico, soprattutto le piogge prima dell’inizio della stagione, influisce negativamente sull’ingresso e sulle operazioni degli attrezzi agricoli come i trattori.

“La scorsa stagione, questo ha costretto l’Agenzia a cambiare il suo piano di produzione di sementi, riducendo le dimensioni dei terreni coltivati a 3.776,2 ettari e producendo quindi 4.965,5 tonnellate”, ha detto.

Ha detto che l’agenzia dovrebbe aumentare annualmente la produzione di sementi da 3.033 tonnellate nella stagione 2021/22 a 4.965,5 tonnellate nella stagione 2022/23.

Tendenze migliorate nella produzione di sementi

Secondo l’ASA, l’agenzia ha aumentato le dimensioni dei terreni utilizzati per la produzione di semi di qualità e la quantità adeguata di semi prodotti annualmente.

Le statistiche dell’Agenzia mostrano che l’ASA ha coltivato 520 ettari nel 2016/17, producendo 784 tonnellate di semi, prima di aumentare a 983 ettari nel 2017/18, producendo 1.220 tonnellate di semi di qualità.

Nel 2018/19, sono stati coltivati 1.017 ettari che hanno prodotto 1.436 tonnellate, 1.461 ettari piantati nel 2019/20 hanno prodotto 1.750 tonnellate di semi di qualità e 2.081 ettari hanno dato 3.033 tonnellate di raccolto nel 2020/21.

Sostegno di bilancio

Il Vice Ministro dell’Agricoltura Anthony Mavunde ha detto che il Governo ha aumentato il budget del Ministero da 294 a 751 miliardi di scudi nel 2022/23, cosa che permetterà all’Agenzia di raggiungere il suo obiettivo di moltiplicazione delle sementi.

“Lavoreremo giorno e notte per garantire che il settore cresca e realizzi l’obiettivo di una crescita del 10% fino al 2030. Abbiamo convocato tutti i dirigenti del Ministero a Dodoma, dove riceveranno le direttive del Presidente Hassan”, ha detto.

Secondo quanto dichiarato, il Ministero ha anche la strategia di aumentare le dimensioni dei terreni utilizzati per la moltiplicazione delle sementi da 15.000 ettari a 250.000 ettari, al fine di aumentare la quantità di sementi prodotte annualmente. Il Commissario Regionale di Arusha, John Mongella, ha lodato il Ministero per le sue strategie.

“Essendo un agricoltore, sono fedele all’ASA e al Ministero in generale. La mia speranza è che si realizzi l’obiettivo di produrre sementi di qualità, che alla fine affronteranno la sfida dell’olio alimentare nel Paese”, ha detto.

Il Presidente del Consiglio di Amministrazione dell’ASA, Ashura Kihupi, si è detto felice del sostegno governativo all’agenzia, notando che ha permesso all’agenzia di adempiere in modo efficiente ai suoi obblighi.

Ha detto che l’agenzia si è riorganizzata per produrre un numero sufficiente di semi, al fine di affrontare la sfida dei semi utilizzati per la produzione di olio da cucina, riducendo così la dipendenza dalle importazioni.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 613 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Economia

Tanzania, Banca Mondiale, la crescita economica della Tanzania scenderà al 2,5%

La crescita economica della Tanzania dovrebbe scendere al 2,5% nel 2020 dal 6,9% dello scorso anno, ha dichiarato la Banca Mondiale, sottolineando l’impatto della pandemia di coronavirus. “I divieti di

Economia

L’economista nigeriana e’ pronta a diventare il primo capo donna del WTO

Gli Stati Uniti hanno dato il loro sostegno a Ngozi Okonjo-Iweala per la posizione più alta all’Organizzazione Mondiale del Commercio, mettendo fine a un mese di stallo. La mossa rappresenta

Tanzania

Tanzania, Magufuli vince con la promessa di riformare il settore O&G

John Magufuli, il candidato del partito di maggioranza, ha vinto le elezioni in Tanzania, promettendo di accelerare lo sviluppo della nascente industria e di riformare il settore del gas naturale del paese. Magufuli, 55,