La Cina apre la sua prima scuola di partito in Africa

La Cina apre la sua prima scuola di partito in Africa

La Cina ha ultimato la sua prima Scuola di Partito Politico in Tanzania, nell’Africa orientale. La scuola ha accolto il primo gruppo di studenti provenienti da sei Paesi africani.Tutte le entità politiche partecipanti hanno governato i loro Paesi senza interruzioni dall’indipendenza. Secondo le agenzie di stampa, 120 quadri dei partiti di governo africani stanno frequentando il workshop presso la struttura da 40 milioni di dollari in Tanzania, finanziata dal Partito Comunista Cinese.

La costruzione della Mwalimu Julius Nyerere Leadership School a Kibaha, a 40 km da Dar es Salaam in Tanzania, è stata finanziata dai sei partiti al potere dei Paesi dell’Africa meridionale. Il sostegno aggiuntivo è arrivato dal partito al potere a Pechino attraverso il suo Dipartimento di Collegamento Internazionale, la burocrazia incaricata di promuovere l’ideologia cinese all’estero e la diplomazia interpartitica.

La scuola fornisce una piattaforma alla Cina per migliorare gli scambi con i leader come forma di diplomazia “da partito a partito”. Come molti Paesi dell’Africa meridionale, la Tanzania è stata fortemente influenzata dal maoismo e dal Partito Comunista durante gli anni ’60 e ’70, sotto il presidente fondatore Julius Nyerere.

Sebbene le relazioni sino-africane si siano quasi completamente spostate verso l’impegno economico, con la presenza della Cina in Africa sempre più associata a mega progetti infrastrutturali, gli echi del socialismo cinese si sentono ancora in Tanzania, così come in molti altri Paesi del continente.

I partiti politici di Sudafrica, Mozambico, Angola, Namibia e Zimbabwe cercano ancora di imparare dal modello economico e di governance cinese. Gli osservatori dicono che nessun Paese africano ha adottato completamente il ‘modello’ cinese, ma la maggior parte apprezza alcuni dei suoi elementi, come lo Stato a partito unico o lo sviluppo guidato dallo Stato.

Negli ultimi anni, il Partito ha intensificato la sua spinta a solidificare le relazioni politiche con i partiti di governo africani, invitando ogni anno centinaia di loro funzionari in ‘tour di studio’ in Cina. L’approccio è rimasto coerente dagli anni ’90, quando Pechino ha iniziato a promuovere in modo aggressivo la “forma di governo cinese” in Africa, fino a quando Covid-19 ha messo fine a qualsiasi forma di incontro che rischiasse di diffondere ulteriormente il virus, anche se alcuni incontri hanno continuato a svolgersi virtualmente.

Song Tao, l’allora capo del Dipartimento Internazionale del Comitato Centrale del Partito, ha tenuto un discorso virtuale ai partecipanti al workshop dei giovani quadri dell’Africa meridionale all’inizio di giugno, sottolineando l’amicizia a lungo termine e i concetti condivisi dai partiti.

“Di fronte ai cambiamenti e alla pandemia che non si vedevano da un secolo, il PCC è pronto a rafforzare lo scambio di esperienze nella governance e nell’amministrazione dello Stato con i sei partiti”, ha detto Song, che nel frattempo è stato sostituito da Liu Jianchao, un diplomatico veterano.

Jean-Pierre Cabestan, ricercatore senior presso il Centro Nazionale Francese per la Ricerca Scientifica e professore di ricerca presso l’Università Battista di Hong Kong, in un recente documento pubblicato dal National Bureau of Asian Research ha affermato che “nell’Africa sub-sahariana il PCC si è concentrato sui partiti al potere piuttosto che su quelli all’opposizione e sui Paesi che contano per l’economia cinese”.

Il Presidente cinese Xi Jinping, che è anche segretario generale del Partito, ha risposto a una lettera dei partecipanti al workshop con la speranza che “prendano parte attiva alla causa dell’amicizia Cina-Africa, portino avanti e trasmettano lo spirito dell’amicizia e della cooperazione Cina-Africa”, secondo il South China Morning Post.

Il Partito Comunista Cinese ha stabilito relazioni con 110 partiti politici in 51 Paesi su 54, come indicato in un libro bianco pubblicato da Pechino al termine dell’8° Forum sulla Cooperazione Cina-Africa (FOCAC) a Dakar, in Senegal.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 613 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Algeria

Esportazioni di armi russe in Africa: la strategia a lungo termine di Mosca

La societa’ statale  russa Rosoboronexport ha annunciato in aprile il primo contratto per la fornitura di barche d’assalto a un paese dell’Africa subsahariana. L’identità del destinatario è ignota. Cosa si

Africa Sub Sahariana

Africa: 2020 un anno perso per le relazioni con la UE

C’era un senso di ottimismo sul rapporto dell’Unione Europea con il continente africano nel marzo 2020 quando il commissario allo sviluppo dell’UE Jutta Urpilainen e l’alto rappresentante dell’UE Josep Borrell

Burundi

Africa Orientale, dove la realtà si scontra con l’ambizione

L’Africa orientale è stata benedetta, almeno negli ultimi dieci anni, con un livello di stabilità politica che raramente si trova nel continente africano. In mezzo a questo periodo di relativa