La Turchia si sta avvicinando ai numeri del settore edile cinese in Africa

La Turchia si sta avvicinando ai numeri del settore edile cinese in Africa

Negli ultimi due decenni, la Cina è stata il maggior costruttore in Africa.

Nel 2018, la Cina da sola ha costruito strade, porti, linee ferroviarie, aeroporti, gasolio, oleodotti, centrali elettriche, edifici per uffici e altri progetti per un valore di 470 miliardi di dollari, secondo The Economist.

Per espandere la sua economia e migliorare la vita delle sue popolazioni, l’Africa ha bisogno di circa 12.000 miliardi di dollari di nuove infrastrutture. E la Cina deve trovare un modo per tenere occupata la sua massiccia industria edilizia mentre la domanda interna diminuisce. Ma anche se le aziende cinesi mantengono l’attuale ritmo frenetico di costruzione africana, ci vorrà del tempo prima che la regione acquisisca le infrastrutture di cui ha bisogno. Questo nonostante il fatto che la Cina sia attualmente il più grande investitore in Africa.

Ciò indica che esiste un’opportunità nel mercato edile africano per un altro attore di calibro mondiale. E uno di questi, la Turchia, sta facendo progressi in questo senso.

Cooperazione Turchia-Africa in crescita
Il livello di cooperazione che esisteva un tempo tra l’Africa e la Turchia si è evoluto in forma di alleanze strategiche. La Repubblica di Turchia ha sviluppato partnership con i Paesi africani nei settori delle infrastrutture, della salute, del commercio e degli investimenti, dello sviluppo rurale, dell’energia, della cooperazione istituzionale, dell’agricoltura e delle piccole e medie imprese.

Questi partenariati sono stati sviluppati sulla base del “Piano di attuazione congiunta Turchia-Africa 2015-2019” e in conformità con la Dichiarazione di Istanbul del Primo Vertice di Cooperazione Africa-Turchia, svoltosi il 19 agosto 2008.

L’approccio adottato dalla Turchia comprende l’aiuto alle persone bisognose e l’assistenza allo sviluppo economico e sociale. Questa strategia deriva dalla storia della Turchia di crescita economica e sociale.

I settori principali del commercio della Turchia con l’Africa sono l’edilizia, l’acciaio e il cemento, i più importanti sia per il commercio che per gli investimenti, seguiti dall’industria tessile, dei prodotti di consumo e dei prodotti elettronici. Il volume degli scambi commerciali della Turchia con l’Africa ha raggiunto i 25 miliardi di dollari nel 2020, un aumento di cinque volte rispetto ai 5 miliardi di dollari del 2003, mentre il volume degli scambi con la regione subsahariana è aumentato di dieci volte nell’ultimo decennio.

Nel 2003, il volume degli scambi commerciali della Turchia con l’Africa era di soli 5 miliardi di dollari.

Nonostante l’epidemia, la Turchia è riuscita a mantenere il volume degli scambi con l’Africa allo stesso livello. Ora, per assicurarsi una parte più significativa del mercato africano, la Turchia è in competizione per diventare membro dell’Area di Libero Scambio Continentale dell’Africa. Al momento, la Turchia è membro dei consigli d’affari di quarantacinque diversi Paesi africani, quaranta dei quali si trovano nell’area subsahariana.

Le aziende turche alla ricerca di nuovi mercati in Africa
L’obiettivo della Turchia è quello di espandere la sua presenza nel mercato dei manufatti del continente africano, rafforzando le relazioni economiche esistenti con il continente. Poiché i prodotti fabbricati in Turchia sono in genere di qualità superiore rispetto a quelli fabbricati in Cina, e sono anche più accessibili rispetto ai prodotti europei in termini di prezzo, stanno gradualmente guadagnando popolarità nei mercati di consumo africani. Ciò è dovuto al fatto che la Turchia è attualmente il maggior esportatore di beni di consumo in Africa. Inoltre, l’industria edile turca è interessata ad espandere la sua presenza nei mercati africani.

L’edilizia turca

Anche se è al top, il settore delle costruzioni in Turchia è ovviamente molto meno sviluppato di quello cinese. Negli ultimi dieci anni, il valore del suo lavoro all’estero ha oscillato tra i 15 e i 30 miliardi di dollari all’anno, pari a circa il 6 percento del lavoro totale svolto ogni anno dagli appaltatori cinesi.

In generale, oltre 71 miliardi di dollari di progetti infrastrutturali sono stati realizzati da imprese turche in tutta l’Africa, di cui 19,5 miliardi di dollari nell’Africa subsahariana. Importanti progetti infrastrutturali sono già stati intrapresi dalle imprese edili turche in tutto il continente.

Questi progetti includono la costruzione del più grande impianto sportivo al coperto dell’Africa orientale, che si trova in Ruanda; una ferrovia ad alta velocità di 336 chilometri in Tanzania; la costruzione di 3 fasi della linea ferroviaria a scartamento normale dell’Etiopia; e un progetto ferroviario di 51 chilometri in Senegal, che è il primo progetto ferroviario nella nazione dell’Africa occidentale.

Che cosa distingue l’approccio della Turchia al continente africano da quello della Cina?
Ankara presenta una nuova opportunità di diversificare e costruire impegni con le nazioni africane che sono più umanitari, equilibrati e razionali rispetto al passato e sono anche molto meno pericolosi. Per molti anni, la Cina ha fornito finanziamenti per una serie di megaprogetti nella regione; per ripagare questi finanziamenti, i governi africani hanno venduto le loro risorse naturali.

Tuttavia, alcuni Paesi africani hanno faticato a pagare gli enormi debiti contratti. Un Paese che rientra in questa descrizione è l’Angola, che deve almeno 20 miliardi di dollari. La nazione ha avuto difficoltà a pagare il suo debito, ma ha fatto concessioni alla Cina. Sta invitando la superpotenza economica dell’Asia a investire nell’agricoltura, nell’allevamento e nel turismo del Paese. La promessa del governo turco di una strategia “win-win” di “potenziamento reciproco basato su uguaglianza, sostenibilità e trasparenza” offre un’alternativa più accettabile da considerare.

Rispetto ai loro concorrenti cinesi, le imprese edili turche sono state lodate per la loro apertura al trasferimento di tecnologia, per la maggiore flessibilità nel permettere al Paese ospitante di gestire i progetti e per l’uso dell’inglese come lingua principale di comunicazione commerciale.

Secondo Selim Bora, presidente dell’impresa di costruzioni turca Summa, che ha portato a termine 20 progetti importanti in Africa, dai centri sportivi agli aeroporti, le aziende cinesi hanno recentemente mostrato una minore propensione per i progetti di tipo build-operate-transfer (BOT) e di partenariato pubblico-privato. Questi progetti prevedono la costruzione di una struttura che viene poi gestita da una terza parte.

Secondo lui, le imprese africane preferiscono questi schemi rispetto ai modelli di prestito garantiti dallo Stato, “il che rappresenta un vantaggio per le imprese turche nella competizione con i cinesi”.

Bora ha menzionato che Summa inizierà a breve la costruzione di un nuovo aeroporto internazionale a Khartoum, in Sudan (il progetto è stato avviato nel 2018, interrotto nel 2019 dopo la caduta di Al- Bashir, ma ripreso l’anno scorso), che sarà costruito utilizzando un modello BOT.

Tuttavia, l’analisi di CGD ritiene che, nel complesso, gli investimenti cinesi nelle infrastrutture siano stati un beneficio netto per le economie africane e che stabiliscano una soglia che la Turchia dovrebbe sforzarsi di raggiungere.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 613 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Angola

L’Angola verso un’economia di mercato

L’Angola si sta trasformando in un’economia di mercato aperta, con l’approvazione del nuovo quadro giuridico per gli investimenti privati ​​incentrata sul miglioramento del contesto imprenditoriale e la crescita economica, ha

Senegal

L’Africa sarà davvero “la prossima pompa di benzina dell’Europa”?

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e gli orrori che ne sono derivati hanno spinto molti Paesi a ridurre la loro dipendenza dalle importazioni di petrolio e gas russo. Gli

Africa Orientale

Il Kenya supera l’Angola diventando la terza economia dell’Africa subsahariana

Il Kenya ha superato l’Angola diventando la terza economia dell’Africa subsahariana, secondo le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI). L’economia più grande dell’Africa orientale, che è stata la quarta