Il cinese considerato la ‘lingua del futuro’ per i giovani ugandesi

Il cinese considerato la ‘lingua del futuro’ per i giovani ugandesi

Con l’aumento della popolazione dell’Uganda, molti giovani hanno difficoltà a trovare lavori ben pagati. Una direttiva del governo per introdurre l’insegnamento del cinese mandarino nelle scuole può portare a migliori opportunità di lavoro.

La Cina è un importante partner commerciale e investitore in Africa, e molti paesi stanno incoraggiando i loro cittadini a imparare quella che è considerata da molti la lingua del futuro.

L’anno scorso, il Ministero dell’Educazione dell’Uganda ha nominato 35 scuole in tutto il paese dove la lingua cinese sarà insegnata.

La decisione è stata guidata dai legami tra i paesi, dice Grace Baguma, direttore del centro nazionale di sviluppo del curriculum.

“C’è un sacco di attività economica, sviluppo di infrastrutture, medica, e così via, che la Cina sta sviluppando con l’Uganda”, ha detto Baguma. “E molte delle nostre persone, gli ugandesi, stanno commerciando con la Cina. Quindi, la Cina è diventata un paese che abbiamo bisogno di conoscere ed esplorare. E l’unico modo per farlo è anche attraverso le lingue”.

Kinene Charles, uno degli studenti che sta imparando il mandarino all’Everest College nel distretto di Luwero, pensa che la lingua aprirà opportunità di lavoro.

“Sono interessato ad imparare il cinese perché può aiutarmi ad essere impiegato in aziende cinesi. E se ho un amico che conosce il cinese, può ottenere un lavoro e invitarmi a fare da interprete negli anniversari cinesi”, ha detto.

Negli ultimi quattro anni, l’Istituto Confucio della Makerere University ha istruito gli studenti in cinese. Gli studenti vengono ora assegnati a diverse scuole del paese per insegnare la lingua.

Namisi Moses Apollo dice che era uno studente povero nella sua scuola regolare, e si preoccupava di trovare un lavoro. Ma dice che imparare il cinese è stato facile, e dopo la laurea gli è stato chiesto di iniziare a insegnare in una classe pilota a Luwero.

Secondo Namisi, ci sono grandi opportunità in Uganda per le persone che possono insegnare il cinese, anche se nota che nella maggior parte dei casi, è il governo cinese che paga gli stipendi, e bisogna essere molto professionali.

“Il mercato è vasto, aperto, ma bisogna anche essere, direi, un titano nelle trattative per trarne il meglio”, ha detto. “Devi dare il meglio di te. Devi giocare il tuo asso alla fine. È così che si può essere in grado di ottenere il lavoro. Quindi, non solo devi essere bravo nella lingua cinese, ma anche nella cultura e nella capacità di comunicazione”.
I funzionari cinesi in visita hanno sottolineato negli anni quello che chiamano il modello di cooperazione Africa-Cina.

La Cina ha finanziato molti grandi progetti infrastrutturali in Uganda, tra cui il Karuma Hydro Power Project da 600 megawatt, con un prezzo di 1,8 miliardi di dollari, e un’autostrada tra Kampala ed Entebbe, costata 350 milioni di dollari.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Politica

Africa: 5 miliardi di dollari per la Grande Muraglia Verde

Come diverse istituzioni finanziarie internazionali, la Banca Mondiale si sta impegnando con 5 miliardi di dollari per la realizzazione dell’iniziativa della Grande Muraglia Verde lanciata nel 2007 dall’Unione Africana. Gli

Africa Centrale

La Cina diventa cauta sui prestiti all’Africa tra i timori del COVID e default

Le pressioni economiche dovute alla pandemia costringeranno la Cina a limitare ulteriormente i prestiti ai progetti della cintura e della strada, dice l’analista Pechino sarà più prudente ma alcuni prestiti

Politica

Kenya contro Gibuti: chi siederà nel Consiglio di sicurezza dell’ONU?

L’Africa di solito parla con una sola voce quando si tratta di eleggere i rappresentanti sulla scena mondiale. Allora, perché si profila una disputa diplomatica alle elezioni del Consiglio di