Mozambico: la nuova diga Mphanda Nkuwa sarà commissionata entro il 2030

- Advertisement -

Il Mozambico dipende per l’83% dalle sue risorse idroelettriche per soddisfare la domanda. Il paese intende utilizzare questa risorsa anche per aumentare il suo tasso di elettrificazione, che è di circa il 30%.

Il Mozambico avrà 1.500 MW supplementari di elettricità entro il 2030, con la messa in funzione della diga Mphanda Nkuwa. L’annuncio è stato fatto dal portavoce del governo, il vice ministro della giustizia Filimao Suaze.
La nuova diga sarà costruita sul fiume Zambesi 60 chilometri a valle della diga di Cahora Bassa nella provincia occidentale mozambicana di Tete. Richiederà un investimento di 4 miliardi di dollari.

La maggior parte della sua produzione sarà alimentata verso sud lungo una linea di trasmissione di 1.600 chilometri tra Tete e Maputo. Inoltre, l’elettricità prodotta potrebbe essere venduta alla compagnia sudafricana Eskom, che già compra la maggior parte dell’elettricità prodotta a Cahora Bassa. Tuttavia, Eskom non si è ancora impegnata a comprare più energia idroelettrica dal Mozambico.

Il progetto, iniziato decenni fa, è stato rilanciato dal presidente Filipe Nyusi nell’agosto 2018. Secondo il presidente, la società elettrica statale EDM e la società che gestisce la diga di Cahora Bassa, HCB, saranno responsabili dell’iniziativa.

Altri progetti simili sono in corso nel paese, tra cui la diga Mapai nella provincia meridionale di Gaza. Questa infrastruttura, considerata cruciale per controllare le inondazioni nella valle del Limpopo, potrebbe essere completata entro il 2025, secondo Filimao Suaze. Con un investimento di 1 miliardo di dollari, la diga potrebbe immagazzinare 6 miliardi di m3 d’acqua e generare 75 megawatt di elettricità. Inoltre, il progetto permetterà l’irrigazione di 250.000 ettari di terra in questa parte semi-arida del paese.

La diga Moamba-Major sul fiume Incomati, anch’essa in costruzione, immagazzinerà 760 milioni di m3 d’acqua e genererà 15 megawatt di elettricità. I lavori di costruzione di questa infrastruttura, avviati nel 2014, sono stati interrotti a causa di una riduzione dei finanziamenti della Banca Nazionale per lo Sviluppo Economico e Sociale (BNDES). Secondo Filimao Suaze, i negoziati sono in corso con la banca cinese Exim Bank per ottenere i fondi. Il progetto richiederà un investimento di 700 milioni di dollari.

- Advertisement -

Per restare aggiornato, iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito