La transizione energetica è un’emergenza per l’Africa

La transizione energetica è un’emergenza per l’Africa

Più di 600 milioni di persone in Africa non hanno accesso all’elettricità. Inoltre, 900 milioni di persone non hanno accesso a un combustibile pulito per cucinare. Secondo l’IRENA, è urgente che il continente acceleri la transizione energetica con la diffusione delle energie rinnovabili.

Con le giuste politiche, la regolamentazione, la governance e l’accesso ai mercati finanziari, l’Africa sub-sahariana potrebbe soddisfare fino al 67% del suo fabbisogno energetico entro il 2030. Questo secondo l’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA). Inoltre, i paesi dovranno sostenere le innovazioni nelle tecnologie, nelle politiche, nei modelli di business e nella progettazione del mercato.

L’Africa ha bisogno di nuovi investimenti per accelerare la crescita delle energie rinnovabili. Per fare questo, i governi dovranno attuare interventi politici per permettere questa accelerazione. Le loro azioni contribuiranno alla sicurezza energetica, aumenteranno gli investimenti nelle infrastrutture e promuoveranno la crescita dell’economia verde.
Allo stesso modo, il settore privato dovrà essere incoraggiato ad aumentare gli investimenti in energia sostenibile che sia efficiente e conveniente. Secondo l’Africa Energy Outlook 2019 dell’AIE, le politiche esistenti e i piani di investimento in molti paesi africani non sono sufficienti a soddisfare le loro crescenti esigenze energetiche.

D’altra parte, con la pandemia di Covid-19, gli investimenti energetici in Africa sono diminuiti del 32% nel 2020. È quindi importante per l’Africa e per i paesi di tutto il mondo ricostruire le economie, creare posti di lavoro e accelerare la transizione verso l’energia pulita.

Secondo IRENA, paesi come l’Egitto, l’Etiopia, il Kenya, il Marocco e il Sudafrica stanno mostrando un forte impegno per accelerare l’uso delle moderne energie rinnovabili. Il Kenya è un pioniere dell’energia geotermica in Africa. Ha un potenziale geotermico di 10.000 MW.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 783 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Nigeria

Africa – Il nuovo mercato per i super ricchi

Il Mozambico è il paese africano con la crescita più rapida di milionari  (HNWI), seguiti da Costa d’Avorio e Zambia. Questo è secondo l’ultimo Africa 2015 Wealth Report, pubblicato dal

Energia

BII investe 200 milioni di dollari nell’energia idroelettrica africana

British International Investment ha annunciato che si unirà a Norfund, il Fondo d’investimento norvegese per i Paesi in via di sviluppo, nella sua joint venture con Scatec ASA per fornire

Congo Brazzaville

CAMEROON-CONGO: verso la ripresa del progetto idroelettrico da 600 MW sul fiume Dja/Ngoko

Le autorità camerunesi e congolesi hanno espresso il desiderio di far rivivere il progetto idroelettrico di Chollet, rimasto nei cassetti per quasi un decennio. Con una capacità prevista di 600