Ghana, I giovani e le ragioni delle proteste del #FixTheCountry

Ghana, I giovani e le ragioni delle proteste del #FixTheCountry

Gli utenti dei social media in Ghana si stanno unendo sotto l’hashtag #FixTheCountry per fare pressione sul governo. Il movimento ha lasciato il cyberspazio ed è sceso in strada.

Cos’è #FixTheCountry?

Nel maggio 2021, l’hashtag #FixTheCountry e alcune variazioni sono state create sui social media da giovani ghanesi che chiedono riforme sociali ed economiche. La campagna è diventata rapidamente virale, poiché migliaia di persone si sono unite al movimento di protesta, che ha preso di mira anche il governo, percepito come se avesse fatto un cattivo lavoro.

Come hanno fatto le proteste a lasciare il cyberspazio e a scendere in strada?
Le persone dietro l’hashtag – che dicono di essere apolitiche – hanno indetto una protesta di strada il 9 maggio. Non hanno potuto manifestare, dopo che la polizia ha ottenuto un’ingiunzione contro di loro, presumibilmente per motivi di sicurezza in mezzo alla pandemia di COVID.

Il 6 luglio, striscioni con l’hashtag sono stati avvistati in una manifestazione antigovernativa ad Accra, indetta dall’opposizione National Democratic Congress (NDC). I membri del movimento si sono uniti alle richieste di giustizia per due persone uccise dalla polizia nella regione meridionale di Ashanti. Stavano protestando contro il pestaggio mortale dell’attivista giovanile Ibrahim “Kaaka” Mohammed il 29 giugno.
Cosa c’è dopo? La prima manifestazione organizzata dal gruppo si terrà mercoledì 4 agosto.

Perché il Ghana?

Ernesto Yeboah del gruppo di attivisti Economic Fighters League ha detto a DW che l’attuale movimento è cresciuto da una sensazione generale tra i giovani di non essere ascoltati dai responsabili del paese.
“Siamo affamati”, ha detto Yeboah. “Le cose vanno male. Le cose sono difficili. La vita è dura. E non fa notizia”.
Il Ghana è spesso lodato come una democrazia stabile nella volatile Africa occidentale. Le elezioni presidenziali del dicembre 2020 sono state considerate libere e giuste da tutti gli osservatori. Ma il voto ha alimentato tensioni politiche. Il presidente Nana Akufo-Addo ha vinto un secondo mandato, ma ha ottenuto solo una piccola maggioranza in parlamento.

I giovani ghanesi sono sempre più frustrati dalla mancanza di opportunità

Gravato da un crescente debito pubblico e da entrate colpite duramente dalla pandemia, il governo ha introdotto nuove tasse. Un aumento del prezzo del carburante ha aumentato il costo di alcuni beni e servizi essenziali.
Perché i giovani sono arrabbiati? Mentre l’economia ghanese è cresciuta costantemente negli ultimi due decenni, la creazione di posti di lavoro è rimasta indietro, secondo uno studio del Brookings Institute.

Più della metà dei 31 milioni di abitanti del Ghana ha meno di 25 anni. Molti non possono permettersi di andare all’università. Un terzo dei giovani non ha né un lavoro né una formazione professionale, secondo la Banca Mondiale. Il livello di frustrazione tra loro è aumentato di pari passo con le difficoltà causate dalla pandemia.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Politica

Africa: 2020 un anno perso per le relazioni con la UE

C’era un senso di ottimismo sul rapporto dell’Unione Europea con il continente africano nel marzo 2020 quando il commissario allo sviluppo dell’UE Jutta Urpilainen e l’alto rappresentante dell’UE Josep Borrell

Africa Orientale

Dove sara’ il prossimo intervento della Francia in Africa?

Per decenni, la Francia ha mantenuto insolitamente stretti legami con le sue ex colonie in Africa, proteggendo ferocemente i propri interessi attraverso il potere culturale ed economico, operazioni segrete e decine

Africa Centrale

Africa: L’accordo Tripartite Free Trade Area (TFTA)

Due dei più grandi accordi commerciali regionali della storia sono stati concordati lo scorso anno. Il Trans-Pacific Partnership che coinvolge 12 paesi in Asia e nelle Americhe, e si e’