La Nigeria progetta un gasdotto trans-sahariano per raggiungere l’Europa

La Nigeria progetta un gasdotto trans-sahariano per raggiungere l’Europa

La Nigeria sta puntando su un gasdotto Africa-Europa che, una volta completato, potrebbe colmare il divario energetico tra le fonti e i consumatori tra i due continenti.

Il progetto, anche se presentato come un modo per migliorare l’accesso all’energia, ha incontrato dubbi sul finanziamento, con notizie secondo le quali il finanziatore scelto, la Cina, si è tirato indietro sull’impegno.
I funzionari lo definiscono gasdotto trans-sahariano, previsto per collegare i pozzi di gas della Nigeria attraverso il deserto del Sahara occidentale al Marocco e in seguito all’Europa.

Il ministro del Petrolio della Nigeria, Timipre Sylva, ha detto a The EastAfrican che il suo paese sta costruendo la sua parte e spera di estenderla al Senegal e poi al Marocco e ad altri paesi del Nord Africa.
“Il Marocco condivide i confini con l’Europa. Così, una volta che arriva al Marocco, possiamo agganciarci al loro sistema di condutture e portare il nostro gas direttamente in Europa attraverso i gasdotti”, ha detto ad Abuja.
Il presidente Muhammadu Buhari e il re del Marocco sono molto impegnati e crediamo che lo porteremo a uno stadio avanzato”, ha aggiunto.

In Nigeria, i funzionari dicono che il presidente Buhari vede l’oleodotto come molto “caro” a lui. Femi Adesina, il suo consigliere per i media e la comunicazione, ha detto che Buhari vuole vedere il successo del progetto.
“Abbiamo promesso alla nazione che espanderemo l’infrastruttura critica del gas per promuovere l’uso del gas nel mercato interno”, ha detto durante la cerimonia di inaugurazione del gasdotto noto come AKK Gas Pipeline la scorsa settimana.

“Questi progetti sono fondamentali per il nostro desiderio di industrializzare e dare energia allo spirito imprenditoriale che è sempre presente nella nostra popolazione”, ha detto Buhari.

Classificandosi come uno dei 10 paesi più grandi del mondo per le risorse di gas con un eccesso di 600 trilioni di piedi cubici, la Nigeria ha lanciato quella che ha chiamato la prima fase del suo progetto di gasdotto che mira ai mercati trans-sahariani ed europei.

Costruirà il gasdotto Ajaokuta, Kaduna, Kano (AKK), che fa parte del gasdotto dell’Africa occidentale che è già in funzione, portando il gas dalla Nigeria alla Repubblica del Benin, Togo e Ghana. Il giro finale del progetto AKK lo estenderebbe al Sahel e all’Algeria, al Marocco e all’Europa.

Il progetto del gasdotto AKK comporta la costruzione di una linea di 614 km di gas naturale dalla stazione di gas terminale di Ajaokuta nello stato di Kogi, nella regione centro-settentrionale della Nigeria, attraverso il territorio della capitale federale, Niger e Kaduna, per terminare a una stazione di gas a Kano.

Problema di percezione Il progetto che costerà 2,89 miliardi di dollari sarebbe in tre fasi, sotto un modello di partenariato pubblico-privato build-and-transfer. Così com’è, si collegherà alle condutture esistenti in Nigeria da Obiafu nello Stato di Rivers, Escravos nello Stato di Delta e Lekki nello Stato di Lagos. Buhari vede questo come un modo per “migliorare la sicurezza energetica nazionale, creare uno sviluppo equilibrato e integrare ulteriormente la nostra nazione”.

Mele Kyari, amministratore delegato del gruppo, NNPC, ha detto che il progetto del gasdotto AKK integrerà la regione settentrionale del paese con le regioni del Delta del Niger, orientale e occidentale del paese.

Ma il progetto sta affrontando un problema di percezione in Nigeria. I nigeriani temono che la celebrazione del progetto potrebbe essere di breve durata, dato che i rapporti indicano che ha incontrato ostacoli di finanziamento a luglio a causa del ritardo nell’ottenere i finanziamenti dalla Cina, nonostante l’impegno della Nigeria di 475 milioni di dollari come finanziamento di controparte.

Alcuni funzionari nigeriani hanno detto che stavano ancora negoziando con la Cina, anche se la NNPC ha detto che stava esplorando finanziatori alternativi come piano B.
Il debito estero della Nigeria è composto per circa il 10% da debiti con la Cina. Deve circa 32,88 miliardi di dollari a finanziatori esterni, secondo il responsabile della gestione del debito. La Exim Bank of China è debitrice di 3,4 miliardi di dollari.

Cui Jianchun, ambasciatore cinese in Nigeria, il 22 luglio, ha respinto le affermazioni secondo cui i prestiti sono uno sfruttamento, dicendo che entrambi i paesi ne beneficiano.

“È logico che quando si prestano soldi a un amico o a un partner commerciale, si pensa anche a come recuperare il valore del denaro”, ha detto Cui ad Abuja.

La Nigerian Gas Company, una filiale del facilitatore del progetto, la Nigeria National Petroleum Corporation, fornirà un finanziamento azionario di 434 milioni di dollari.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Uganda

Kenia, la incerta strada verso la produzione di petrolio

La confusione continua a caratterizzare il percorso del Kenya verso la produzione di petrolio, con le date di inizio della produzione che continua a cambiare. Dal dicembre dello scorso anno, il

Economia

Nigeria, Panda Bond per finanziare il budget 2016

La Nigeria sta valutando la vendita di obbligazioni Panda cinesi per aiutare a finanziare un budget record, volto a rilanciare la più grande economia dell’Africa, economia che sta soffrendo dal crollo

Repubblica Democratica Del Congo DRC

RDC, il governo sceglie l’australiana Fortescue per sviluppare il progetto di Inga III

Il governo della Repubblica Democratica del Congo ha annunciato che Fortescue Metals Group (FMG.AX) svilupperà il progetto idroelettrico Grand Inga, compresa una diga da 4.800 megawatt che è già stata