L’Angola invita a presentare offerte per finanziare una raffineria di petrolio da 200.000 b/gg

Le importazioni di prodotti petroliferi dell’Angola stanno mettendo a dura prova le casse pubbliche. Lo Stato si è impegnato a cambiare questa situazione come parte del suo piano di sviluppo nazionale 2018-2022.

La compagnia petrolifera statale angolana (Sonangol) ha lanciato un’offerta internazionale per la realizzazione del progetto di raffineria di petrolio a Lobito, con una capacità nominale di 200.000 barili al giorno. Le parti interessate sono invitate a partecipare al finanziamento della raffineria e a farsi coinvolgere nella costruzione.

La costruzione di questa raffineria è stata pianificata per diversi anni. Il Paese sta quindi cercando di ridurre le sue importazioni di prodotti petroliferi, poiché hanno un impatto negativo sulle fluttuazioni del tasso di cambio e sulle sue riserve. Va ricordato che l’Angola importa l’80% del suo fabbisogno di prodotti petroliferi. Il Paese ha una raffineria, a Luanda, che ha una capacità di 65.000 barili al giorno.

Durante la cerimonia di lancio della gara, il Ministro del Petrolio, Diamantino Azevedo, ha indicato che il progetto è di particolare importanza per l’Angola. L’Angola ha persino creato una serie di incentivi fiscali per le aziende o l’entità che controllerà il pilota. Questo sosterrà gli investimenti nel progetto e ne garantirà la fattibilità economica. Ha aggiunto che il progetto creerà fino a 8.000 posti di lavoro durante la fase di costruzione.

Va notato che l’Africa Finance Corporation ha già espresso interesse per il progetto e per altre infrastrutture di questo tipo nel paese, tra cui il terminale Barra do Dande e la raffineria Soyo.

La nuova raffineria dovrebbe fornire prodotti petroliferi al vicino Zambia. A tal fine si sta sviluppando un progetto per la costruzione di un oleodotto.

Iscriviti al canale Telegram

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito