La crisi Eswatini

La crisi Eswatini

A partire da maggio, le proteste hanno scosso il piccolo regno dell’Africa del sud senza sbocco sul mare di eSwatini.
I dimostranti chiedono riforme democratiche e accusano il re Mswati III, che governa il piccolo regno montano da più di 30 anni come monarca assoluto, sulla repressione.

Gruppi per i diritti accusano la famiglia reale, incluse le 15 mogli del re, di godere di uno stile di vita sontuoso mentre molti degli 1,1 milioni di persone del paese vivono in povertà.

Secondo i dati compilati da Amnesty International, almeno 20 persone sono state uccise dalle forze di sicurezza e 150 ricoverate in ospedale con ferite d’arma da fuoco durante le intense proteste pro-democrazia.
Il governo finora aveva detto di non aver ricevuto nessun rapporto ufficiale di morti, ma ha confermato mercoledì 7 luglio attraverso il Ministro del Commercio Manqoba Khumalo che ventisette persone sono morte la settimana scorsa durante le proteste pro-democrazia #eSwatiniProtests.

Il governo dell’Eswatini ha negato le affermazioni che il re Mswati III sia fuggito dal paese mentre la violenza si intensificava.

I fornitori di servizi internet hanno detto di aver ricevuto l’ordine di tagliare l’accesso ai social media e alle piattaforme online fino a nuovo avviso.

Ecco un riassunto di ciò che è successo nei giorni scorsi. ONU “profondamente preoccupato” dalla violenza in eSwatini L’ONU ha espresso allarme martedì per lo scoppio di violenza mortale durante le proteste in Eswatini, chiedendo un’indagine indipendente su tutte le presunte violazioni dei diritti, anche da parte delle forze dell’ordine.
L’ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani ha sottolineato le accuse di “uso sproporzionato e non necessario della forza, molestie e intimidazioni” da parte delle forze di sicurezza inviate per sedare le proteste che si sono intensificate la settimana scorsa.

Le accuse includono “l’uso di munizioni vive da parte della polizia”, ha detto la portavoce Liz Throssell ai giornalisti a Ginevra.

Ha anche sottolineato che alcuni manifestanti hanno saccheggiato locali, incendiato edifici e veicoli e hanno barricato le strade in alcune zone.

“Sebbene la situazione sia ora segnalata come più calma, rimaniamo preoccupati per il potenziale di ulteriori disordini”, ha detto Throssell.

“Esortiamo le autorità ad aderire completamente ai principi dei diritti umani nel ripristinare la calma e lo stato di diritto”, ha aggiunto, sottolineando che le proteste pacifiche sono protette dal diritto internazionale.
Ha insistito in particolare sull'”obbligo di ridurre al minimo l’uso della forza nella polizia delle proteste solo a quello assolutamente necessario come misura di ultima istanza”.

Throssell ha anche espresso preoccupazione per le notizie secondo cui i servizi internet sono stati interrotti nel paese e ha chiesto alle autorità di garantire il ripristino dell’accesso.
Giornalisti sudafricani dichiarano di essere stati trattenuti e ‘torturati’ in eSwatini Due giornalisti sudafricani sono stati trattenuti e “torturati” dalle forze di sicurezza mentre erano in missione in Eswatini, secondo la loro pubblicazione.

Cebelihle Mbuyisa, 28 anni, e Magnificent Mndebele, 24 anni, sono stati trattenuti domenica dai soldati lungo un’autostrada vicino alla città centrale di Matsapha mentre tornavano da un servizio sul funerale di un uomo che è stato presumibilmente colpito dalle forze di sicurezza durante le proteste, ha dichiarato la loro pubblicazione non-profit New Frame.

Sono stati “trattenuti, aggrediti e torturati dalle forze di sicurezza”, ha detto il loro datore di lavoro, aggiungendo che “sacchetti di plastica sono stati messi sulle loro teste per soffocarli”.

I due “sono stati minacciati con armi da fuoco, le loro macchine fotografiche sono state sequestrate” e sono stati costretti a cancellare le riprese e le fotografie del funerale, comprese le interviste alle persone che sono state colpite e ferite.

Dopo un intervento legale, sono stati rilasciati e sono tornati a casa lunedì.
I camionisti sudafricani sono rientrati nel paese venerdì scorso dopo aver trascorso una notte preoccupante in Eswatini, tra i timori che i loro veicoli potessero essere attaccati.

Le dimostrazioni si sono intensificate radicalmente la settimana scorsa quando i manifestanti hanno sfidato un coprifuoco notturno per scendere in strada, saccheggiando e dando fuoco a edifici legati al re Mswati III e chiedendo riforme politiche.

L’esercito è stato dispiegato per sedare le proteste.
I negozi sono stati chiusi durante le violenze ma alcuni hanno riaperto lentamente lunedì, secondo un corrispondente dell’AFP nella capitale Mbabane.

Resta in vigore un coprifuoco dal tramonto all’alba, con una forte presenza della polizia nelle strade.
Il primo ministro ad interim Themba Masuku lunedì ha detto che “la situazione sul terreno si è stabilizzata, poiché le nostre forze di sicurezza hanno assicurato il mantenimento della pace e dell’ordine in tutte le regioni”.
Nel frattempo un gruppo di inviati del blocco regionale SADC ha visitato il regno domenica per una missione d’inchiesta.

“Si è trattato di una missione iniziale e urgente”, ha detto la SADC all’AFP, aggiungendo che hanno tenuto colloqui con funzionari del governo e con gruppi religiosi e della società civile.
Gli emissari, guidati dal ministro degli esteri del Botswana Lemohang Kwape, torneranno per “interazioni dettagliate”.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Cameroon

La Svizzera vuole introdurre la “Pax helvetica” in Africa

In qualità di depositario delle Convenzioni di Ginevra, la Confederazione Svizzera sente di avere una missione: promuovere la pace nel mondo offrendo con discrezione i suoi buoni uffici. Il 6

Africa Orientale

Dove si concentra l’attività delle startup in Africa

AfricArena ha rilasciato un nuovo rapporto utilizzando i dati di Partech che ha previsto che i finanziamenti di capitale virtuale per le startup africane ammonteranno a una cifra compresa tra

Africa Occidentale

2015: Questo è stato il vero anno del drago cinese in Africa

La Cina sta cercando di posizionarsi come una potenza globale, e per molti versi, l’Africa è un elemento nella costruzione di questo percorso. Fra la grande soddisfazione per l’annuncio all’inizio di dicembre