Zimbabwe: ICBC “abbandona” il progetto del carbone di Sengwa dopo le pressione pubbliche

Zimbabwe: ICBC “abbandona” il progetto del carbone di Sengwa dopo le pressione pubbliche

Zimbabwe: la banca cinese “abbandona” il progetto del carbone di Sengwa dopo la pressione pubblica
Una grande banca cinese con un portafoglio globale che include l’estrazione di combustibili fossili, ha provvisoriamente accettato di smettere di finanziare il controverso progetto del carbone di Sengwa a Gokwe dopo aver ceduto alla pressione dei cittadini.

In un comunicato che segue il rinvio di una riunione delle comunità interessate al finanziamento del carbone della Industrial and Commercial Bank of China ICBC, Go Clean ha detto di aver registrato notevoli progressi nei negoziati con la banca.

“Ci sono stati alcuni importanti sviluppi della campagna per quanto riguarda il nostro impegno con la Industrial and Commercial Bank of China (ICBC). Questi sviluppi includono il dialogo continuo della banca con la coalizione Go Clean ICBC per tracciare una chiara road map per ICBC per smettere di finanziare il carbone.

“Per queste ragioni, la coalizione Go Clean ICBC ha preso la difficile decisione di rimandare la Affected Communities of ICBC’s Coal Finance AGM e continuare invece con il dialogo”, ha detto Go Clean.

“ICBC ha anche confermato che non finanzierà il progetto di carbone Lamu in Kenya, così come il progetto di carbone Sengwa in Zimbabwe.

“Non è stata una decisione facile. Ma per rispettare le comunità colpite dal finanziamento del carbone, ora vediamo che tenere la riunione a questo punto ci impedirebbe di fare progressi fondamentali per far sì che ICBC escluda il carbone”, ha aggiunto Go Clean.

ICBC seguirà una tendenza già stabilita dalla banca multilaterale con sede nelle Filippine, la Asian Development Bank (ADB) – uno dei più grandi finanziatori di energia della regione, che ha annunciato nel maggio 2021, in un nuovo progetto di politica energetica, che stava tagliando tutti i finanziamenti ai combustibili fossili.
Green Governance Zimbabwe Trust, un’organizzazione di interesse pubblico che sostiene l’inclusione e la partecipazione delle comunità nella governance delle risorse naturali, ha esortato il governo a cercare alternative al carbone.

Anche il Centre for Natural Resource Governance (CNRG) ha espresso preoccupazioni simili, invitando il governo a seguire le tendenze internazionali, di uno spostamento globale dal finanziamento del carbone, per destinare più risorse finanziarie al finanziamento degli investimenti nelle energie rinnovabili.

In un rapporto “Coal Investments in Zimbabwe: A misplaced priority” il CNRG ha detto che le decisioni di finanziare gli investimenti nel carbone non solo sono antidemocratiche e unilaterali, ma pregiudicano anche l’impegno del paese nelle convenzioni internazionali per ridurre le emissioni di carbonio.

“La dipendenza del paese dal carbone non è salutare per la cittadinanza, poiché non solo va contro la politica e le strategie dello Zimbabwe, ma anche contro le convenzioni internazionali”, dice Obrien Nhachi, che ha scritto il rapporto.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Tanzania

Tanzania: il 90% delle infrastrutture elettriche è sovvenzionato dal governo

In Tanzania, il tasso di elettrificazione nazionale è aumentato dal 67,8% nel 2016 all’84,6% nel 2020. Uno sviluppo guidato principalmente dall’elettrificazione delle zone rurali e finanziato quasi interamente da fondi

Tanzania

Tanzania, La costruzione del progetto LNG inizierà nel 2023

I lavori di costruzione del progetto di gas naturale liquefatto (LNG) da 30 miliardi di dollari in Tanzania inizieranno nel 2023. Il Ministro dell’Energia Medard Kalemani ha annunciato il progetto

Energia

Eni: al via il progetto Coral South in Mozambico

Il Presidente della Repubblica del Mozambico Filipe Nyusi, il Ministro delle Risorse Minerarie Leticia Klemens, l’AD di Eni Claudio Descalzi, hanno partecipato oggi al lancio della fase realizzativa del progetto