Nigeria: le modelle di colore sono ora popolari

Nigeria: le modelle di colore sono ora popolari

A Lagos, Elizabeth Elohor è a capo della più grande agenzia di modelle del continente. Negli ultimi anni i grandi nomi della moda e le agenzie internazionali si rivolgono a lei per reclutare modelle africane, che sono sempre più richieste nell’industria della moda.

Circa 15 ragazze appena uscite dall’adolescenza camminano esitanti sui loro tacchi alti. Tutte aspirano a diventare top model e si sono appena unite all’agenzia Beth Model Management, gestita da Elizabeth Elohor.

L’ex reginetta di bellezza ha lanciato la sua azienda nel 2004, ma i primi tempi sono stati difficili: “Le agenzie all’estero limitavano il numero di modelle nere che potevano reclutare. Ne prenderebbero uno o due al massimo. Era molto difficile piazzare una modella nera a livello internazionale e c’è voluto molto tempo per far funzionare la mia agenzia. Ma c’è stato un cambiamento di mentalità negli ultimi cinque anni. ”

Un’industria che è diventata più strutturata nel tempo
Ma negli ultimi anni il settore della moda è diventato più strutturato in Africa. Le settimane della moda organizzate nel continente non solo danno visibilità agli stilisti emergenti, ma anche alle giovani modelle che sono sempre più richieste.

“Penso anche che ad un certo punto le grandi marche si siano rese conto che i loro clienti erano anche neri. Ma credo che l’abbiano capito perché l’industria della moda stava crescendo in Africa. E perché tutte queste settimane della moda africana sono ormai riconosciute a livello internazionale. ”

Cinquantuno modelle nigeriane scoperte da Beth Model Agency hanno firmato all’estero. Con vere storie di successo, come quella della ricercatissima Mayowa Nicholas, che ha sfilato per il marchio di lingerie Victoria Secrets. “Fare la modella ha cambiato completamente la mia vita

Negli uffici dell’agenzia incontriamo anche Olaniyan Olamijuwon. A soli 21 anni ha sfilato per i più grandi stilisti di Parigi e Milano. “Dopo aver firmato un contratto con Beth Model Management nel 2018, ho partecipato al concorso Elite Model Look, che permette alle modelle del continente di essere notate a livello internazionale. In seguito, le agenzie con sede in Europa hanno iniziato ad avvicinarmi. Fare la modella ha cambiato completamente la mia vita. Ora sono io a sostenere finanziariamente la mia famiglia. Ha reso la mia vita più facile.”

Negli ultimi mesi la crisi sanitaria ha complicato le cose per i modelli africani che non possono più viaggiare. Marius Isikalu è uno dei dipendenti di Beth Model Management.

“Avevamo modelle che dovevano partecipare a sfilate di moda, avevamo modelle che erano in Nigeria solo per rinnovare il loro visto prima di partire per Parigi o Milano. Ma abbiamo dovuto cancellare molte cose a causa della chiusura. E una delle nostre maggiori sfide oggi è fare in modo che le agenzie internazionali non si separino dai nostri modelli, perché molte persone dipendono da loro.”

Anche il vasto mercato nigeriano offre molte opportunità alle aspiranti modelle.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 568 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Economia

La portoghese Mota-Engil inizia i lavori per la ferrovia Nigeria-Niger

Martedì 9 febbraio, a Makira nello Stato di Katsina, il ministro nigeriano dei trasporti, Rotimi Amaechi, ha posato la prima pietra del cantiere della linea ferroviaria tra Kano e Maradi,

Ethiopia

Etiopia: il paese con la più rapida crescita al mondo

L’Etiopia è una spanna sopra il resto dell’Africa nel raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (MDG). La Fondazione Gates ha rilasciato un rapporto compilato dal Overseas Development Institute, dal

Ethiopia

Etiopia: La pirateria dei marchi avrà un ruolo importante nei prossimi colloqui dell’OMC

Nella capitale etiope, i visitatori stranieri possono avere l’impressione che il nome di un ristorante sembri familiare, ma con un tocco locale. Ma questa pratica sta cominciando a costare alle