Etiopia, l’Egitto e il Sudan si uniscono per negoziare il riempimento del GERD

Etiopia, l’Egitto e il Sudan si uniscono per negoziare il riempimento del GERD

Dopo 5 anni di trattative condotte da terze parti, Sudan ed Egitto hanno deciso di unire le forze per costringere l’Etiopia a trovare un accordo vincolante per la GERD. La mossa arriva tre mesi prima che la diga entri in funzione.

Il Sudan e l’Egitto stanno cambiando tattica per raggiungere un risultato reciprocamente accettabile nella tensione sulla Grand Renaissance Dam (GERD). In una dichiarazione, i due paesi a valle del Nilo Azzurro hanno annunciato che uniranno i loro sforzi “a livello regionale, continentale e internazionale per spingere l’Etiopia a negoziare seriamente”.

Infatti, i colloqui condotti dall’Unione Africana non hanno portato ad un accordo. L’UA è l’ultimo di una lunga lista di mediatori, inclusi gli USA, che non sono riusciti a risolvere la situazione, che si trascina dal 2015.

L’Egitto è preoccupato che la diga possa mettere in pericolo la sua fornitura d’acqua in caso di siccità e il Sudan è preoccupato dell’impatto della diga sulla sua infrastruttura idroelettrica. L’Etiopia, d’altra parte, conta sul progetto per il suo sviluppo economico e dice che l’infrastruttura non influirà sui suoi vicini.

Il paese ha annunciato l’ambizione di completare la seconda fase di riempimento della diga durante la prossima stagione delle piogge. Ma il Sudan e l’Egitto rifiutano il progetto e chiedono un accordo legale vincolante.

I vicini dell’Etiopia hanno chiesto alla comunità internazionale di intervenire per rivedere la sua politica. Addis Abeba, tuttavia, ha respinto questi appelli e vuole che i mediatori dell’Unione Africana continuino i colloqui. Secondo il Sudan, l’Etiopia ha già iniziato la seconda fase di riempimento della GERD all’inizio di maggio.

Il progetto GERD è interamente finanziato dall’Etiopia per 4 miliardi di euro. La capacità della diga è stimata in più di 6.450 MW per un serbatoio d’acqua di 74 miliardi di m3.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Occidentale

Nigeria, la fine del prezzo sovvenzionato del carburante

La Nigeria, nonostante sia il più grande produttore di petrolio dell’Africa, la Nigeria, membro dell’OPEC, ha una capacità di raffinazione limitata ed effettivamente importa la maggior parte dei suoi prodotti

Tanzania

Tanzania, scoperto nuovo giacimento di gas on shore

La Tanzania ha annunciato la scoperta di ulteriori 2,17 miliardi di piedi cubi (TCF) di giacimenti di gas naturale, aumentando le riserve totali stimate recuperabili di gas naturale della nazione dell’Africa

Mozambico

Mozambico, espansione del gasdotto verso il Sud Africa

Un nuovo gasdotto, dal valore di 210 M USD verrà realizzato tra Mozambico e Sud Africa al fine di espandere la capacita’ di trasporto di gas tra i due paesi.