Cotonou 2.0: Un cattivo accordo commerciale per l’Africa?

Cotonou 2.0: Un cattivo accordo commerciale per l’Africa?

Il nuovo accordo di partenariato UE-OACPS ha solo poche settimane, ma già molti in Africa chiedono un aggiornamento. Quali sono le ragioni dell’insoddisfazione?

I trattati internazionali sono già abbastanza complicati quando sono negoziati tra due o tre stati. Diventano ancora più complessi quando 106 paesi contemporaneamente cercano di difendere i loro interessi individuali e le loro rivendicazioni di potere e di regolarli in modo giuridicamente vincolante.

Non è quindi sorprendente che i negoziati su un nuovo accordo di base tra i 27 stati membri dell’Unione Europea e i 79 paesi dell’Organizzazione degli Stati dell’Africa, dei Caraibi e del Pacifico (OACPS, ex ACP) si siano trascinati per più di tre anni prima che una svolta fosse finalmente annunciata a metà aprile. Inevitabilmente, non tutti gli interessati dall’accordo – soprannominato “Cotonou 2.0” o “post-Cotonou” in riferimento all’accordo precedente – erano felici dei risultati.

Bisogni africani ignorati? Il risentimento sembra essere particolarmente alto nell’Africa sub-sahariana, la più importante delle tre regioni OACPS per l’UE. Il negoziatore dell’OACPS e ministro degli esteri del Togo, Robert Dussey, ha detto alla DW che le cose sarebbero potute andare meglio se gli africani avessero mostrato più solidarietà. “Non eravamo d’accordo tra di noi. Ma l’UE sapeva molto bene cosa voleva”, ha detto.

Non è tanto la questione dei diritti umani, sulla quale, secondo quanto riferito, ci sono stati molti disaccordi durante i negoziati – ad esempio, per quanto riguarda le questioni di orientamento sessuale – che ora sta causando insoddisfazione. I rappresentanti degli affari africani e gli osservatori hanno rilevato un problema molto più fondamentale.

Anche se l’accordo non è ancora stato ratificato, lo considerano già parzialmente superato.
Anche il formato dell’accordo è superato, ha detto John Mare, ex vice ambasciatore sudafricano presso l’UE e specialista delle relazioni UE-Africa. “I bisogni dei piccoli stati insulari in via di sviluppo, i Caraibi e il Sud Pacifico, sono abbastanza diversi dall’Africa continentale, dove ci sono grandi paesi come la RD Congo, per esempio. Quindi ci sono sicuramente diverse aree di interesse”.

Focus sullo sviluppo sostenibile
A differenza dell’accordo di Cotonou del 2000, il nuovo accordo include una cosiddetta “struttura tre più uno” che mira a prendere in maggiore considerazione le esigenze individuali delle tre regioni partner. Ma Mare è scettico. “Speriamo che questo accada, ma a volte il diavolo è nei dettagli”, ha detto.

Mare è lieta che il nuovo accordo dichiari esplicitamente che i firmatari daranno priorità al cambiamento climatico, all’ambiente e allo sviluppo sostenibile nella cooperazione futura. In questo modo, il Green New Deal europeo, il programma di investimento multimiliardario dell’UE per una trasformazione sostenibile dell’economia, può rappresentare un’opportunità anche per l’Africa. Il forum sugli investimenti verdi UE-Africa della Banca europea per gli investimenti, che ha avuto luogo a Lisbona alla fine di aprile, dimostra che l’UE è impegnata in quello che dice, ha aggiunto Mare.

Anche il consulente aziendale ghanese Michael Kottoh crede che l’accordo stabilisce le giuste priorità nelle relazioni economiche. “Penso che ci saranno nuove opportunità di business e di investimento nei settori dell’economia verde e dell’economia digitale”, ha detto Kottoh a DW. Non è ancora chiaro come esattamente le aziende africane potranno approfittare di queste nuove opportunità. Un rapido chiarimento è della massima importanza, ha detto.

Occasione mancata
Nonostante la speranza di possibili nuovi investimenti dall’Europa, gli imprenditori e i politici africani sono preoccupati soprattutto per una questione: cosa significa l’accordo post-Cotonou per l’accordo di libero scambio intra-africano AfCFTA attualmente in fase di attuazione nel continente?

Mentre l’AfCFTA mira a consentire il libero scambio in tutto il continente – compreso il Nord Africa – analogamente al mercato unico europeo, Cotonou 2.0 regola semplicemente le condizioni quadro per il commercio tra l’UE e l’Africa sub-sahariana. Questo crea un potenziale “campo minato di problemi”, ha detto Mare. Possibili barriere commerciali tra gli stati del Nord e dell’Africa sub-sahariana che vogliono commerciare con l’UE allo stesso tempo è solo un esempio.

Per Michael Kottoh, l’accordo con l’UE è un’opportunità mancata. “Sarebbe stato meraviglioso costruire più sinergie tra i due quadri. Ma non vedo molte menzioni dell’AfCFTA nell’accordo post-Cotonou”, ha detto Kottoh.

Egli spera che tutte le parti adeguino il nuovo accordo di base di conseguenza. Altrimenti, anche l’UE potrebbe finire per rimetterci. “L’AfCFTA diventerà una nuova forza geopolitica all’interno del continente e alla fine sulla scena mondiale. Se la stessa UE non presta attenzione a questo importante cambiamento geopolitico, penso che i vari trattati UE-Africa saranno meno rilevanti per l’Africa”, ha detto.

Speranze per una zona di libero scambio comune La German-African Business Association vede questo pericolo e riconosce il rischio di irrilevanza. In un comunicato stampa, l’amministratore delegato Christoph Kannengiesser ha detto che è stato un errore non aver perseguito la visione di un trattato continente a continente tra l’UE e l’Unione africana.

“Il vero obiettivo dovrebbe essere quello di avviare negoziati per una zona di libero scambio tra l’UE e l’UA”, ha detto, aggiungendo che spera che l’accordo post-Cotonou per l’Africa sia una soluzione provvisoria.

Il prossimo vertice UE-UA sarà una cartina di tornasole per Bruxelles e per il commissario UE per i partenariati internazionali Jutta Urpilainen. Rivelerà se il blocco europeo è pronto a prendere sul serio le critiche della comunità economica africana. L’incontro, rimandato l’anno scorso a causa della pandemia, è atteso da tempo e, secondo gli esperti, potrebbe rivelarsi un’innovazione. Tuttavia, non è stata ancora annunciata una nuova data per il summit.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Kenya

Kenia, l’esplosione della sharing economy

Nove anni fa, aziende del calibro di Airbnb e Uber erano sconosciute, oggi, tuttavia, queste organizzazioni stanno trasformando il nostro modo di vivere, dalla prenotazione delle vacanze a trovare un idraulico

Africa Sub Sahariana

Indetto il bando di gara per i lavori di costruzione della diga Ruzizi III

La Repubblica democratica del Congo e il Ruanda stanno co-costruendo attraverso un partenariato pubblico-privato la diga Ruzizizi III (147 MW). L’impianto fornirà 30 milioni di persone in una regione in

Energia

L’Uganda guarda alla Russia per sviluppare il nucleare

L’ambizione dell’Uganda di produrre energia nucleare ha portato il paese a guardare alla Russia secondo un recente rapporto. P & L Consulting, che ha sede in Kenya, ha notato che il governo