Tanzania: Inaugurata la raffineria d’oro a Geita

Tanzania: Inaugurata la raffineria d’oro a Geita

La Geita Gold Refinery Limited è di proprietà e costruita da investitori tanzaniani. Ha anche ricevuto un finanziamento di 8 milioni di dollari (circa 18,4 miliardi di Sh) dalla Banca Azania della Tanzania.

La moderna raffineria d’oro è stata costruita e progettata per facilitare le operazioni di tutti i minatori, dal più piccolo artigiano alle più grandi imprese minerarie del paese.

I dati, prodotti quando il ministro dei Minerali Dotto Biteko ha visitato la fabbrica nel fine settimana, mostrano che la raffineria ha la capacità di produrre 440 chilogrammi di oro puro al giorno, raffinando i minerali alla qualità richiesta del 999,5%. Uno degli investitori nel progetto, che è anche il presidente del consiglio di amministrazione dell’azienda, Athuman Mfutakamba, ha detto che la fabbrica sarà unica nel suo genere in Africa e che utilizzerà la più recente tecnologia di raffinazione dell’oro.

“Abbiamo investito e gestiremo il più moderno laboratorio di analisi dell’Africa orientale. Ha anche una linea di produzione automatizzata… Una volta pienamente operativa, l’attività creerà quasi 1 miliardo di dollari di entrate all’anno”, ha detto.

La raffineria incorpora gli standard operativi della London Bullion Market Association (LBMA), ha detto, notando che questo la mette in una posizione vantaggiosa per richiedere la piena adesione all’organizzazione. La costruzione della fabbrica è stata completata e presto sarà aperta per gli affari.
Parlando durante l’evento, il signor Biteko ha detto che il governo ha considerato la raffineria come un game-changer nel settore minerario della Tanzania.

“Attualmente, il settore minerario contribuisce notevolmente al prodotto interno lordo (PIL) della Tanzania, ma è stato un peccato che da molto tempo l’oro della Tanzania affronti una sfida di qualità quando arriva sul mercato ed è per questo che vediamo la presenza di questa fabbrica come un passo avanti nelle iniziative del governo per trovare soluzioni alle sfide del settore”, ha detto.

Ha detto che il governo ha indetto una gara d’appalto per cercare un investitore affidabile che avrebbe raffinato l’oro della Tanzania nel 2016.

“Un totale di 34 aziende si sono fatte avanti, ma nessuna di loro è stata in grado di soddisfare i requisiti. Quando abbiamo ripubblicato la gara, 16 aziende si sono fatte avanti ed è così che abbiamo scelto questo investitore e siamo andati avanti e gli abbiamo dato la licenza”, ha detto.

Ha detto che l’arrivo della raffineria significa che i commercianti di minerali dentro e fuori la Tanzania possono ora essere sicuri della qualità, della quantità e degli standard dell’oro che vendono.
“Questo è un grande slancio. Al contrario della situazione precedente, quando la raffinazione veniva effettuata fuori dal paese”, ha detto.

Il commissario regionale di Geita, Robert Gabriel, ha definito l’istituzione della raffineria “una grande rivoluzione per il settore minerario” e ha promesso che il governo a livello regionale collaborerà con l’investitore per il progetto.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 541 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Occidentale

Walmart Aprirà in Nigeria

Walmart, una delle maggiori catene di supermercati del mondo, ha annunciato che aprirà a Lagos in Nigeria. Il governatore della città’, Ambode ha dichiarato, abbiamo 21 milioni d abitanti, e 4 sono

Africa Orientale

Il turismo virtuale in Africa si sviluppa in mezzo alla pandemia del coronavirus.

DW racconta come la pandemia sta cambiando l’approccio al turismo in Africa. I paesi africani offrono ai turisti di tutto il mondo la possibilità di viaggiare per il continente e

Africa Orientale

Il Kenya e Regno Unito firmano l’accordo di libero scambio

Il Kenya e il Regno Unito hanno formalmente firmato un accordo commerciale che pone fine a una epoca di relazioni commerciali attraverso i protocolli dell’Unione Europea, da cui Londra uscirà