Ricevi e critica, il rapporto del Kenya con il FMI

Ricevi e critica, il rapporto del Kenya con il FMI

Le condizioni fiscali e del debito del Kenya sono peggiorate, aggiungendosi alle difficoltà preesistenti allo shock economico del coronavirus, ha detto il Fondo Monetario Internazionale (FMI).

Il prestatore internazionale ha detto questo in un’analisi del paese pubblicata il 18 marzo, una paradossale dichiarazione, considerando che sta per approvare un ulteriore prestito di 2,4 miliardi di dollari (circa 261 miliardi di Sh) al paese dell’Africa orientale, il cui debito pubblico totale è più che triplicato negli ultimi dieci anni.
Secondo i dati del Tesoro Nazionale, il debito pubblico totale del Kenya ha raggiunto i 7,28 miliardi di scellini alla fine dello scorso anno.

Il prestatore internazionale ha inoltre rivelato che altri partner di sviluppo forniranno anche notevoli quantità di finanziamenti agevolati al paese nel prossimo futuro.

Senza questo aiuto, il Kenya dovrebbe tagliare aggressivamente la spesa per gli investimenti e i programmi sociali, rendendo più difficile raggiungere una ripresa durevole e inclusiva”, ha detto il FMI in una dichiarazione.

A metà del mese scorso, il team del FMI e le autorità keniote hanno raggiunto un accordo a livello di staff su un programma di 38 mesi per aiutare la prossima fase della risposta del paese al Covid-19 e un forte sforzo pluriennale per stabilizzare e iniziare a ridurre i livelli di debito rispetto al PIL.

A maggio, l’FMI ha fornito 739 milioni di dollari sotto forma di un prestito senza interessi nell’ambito della Rapid Credit Facility per aiutare il Kenya a superare lo shock iniziale.

Questo ha aiutato a coprire il costo della spesa aggiuntiva per la salute, la protezione sociale e l’accelerazione dei pagamenti per sostenere l’economia.

Questa non è la prima volta che il FMI, uno dei principali finanziatori istituzionali del Kenya, rimprovera il paese per il suo alto indebitamento.

Nel maggio dell’anno scorso, l’istituzione di Bretton Woods ha aumentato il livello di rischio di sofferenza del debito del Kenya da moderato ad alto a causa dell’impatto della crisi del coronavirus.

“Il rischio di sofferenza del debito è passato ad alto da moderato a causa dell’impatto della crisi globale del Covid-19 che ha esacerbato le vulnerabilità esistenti”, ha detto il fondo in una valutazione del merito di credito del paese.

Quattro mesi prima, il finanziatore aveva indicato che il Kenya rischia di perdere l’accesso agli eurobond a basso costo a causa del suo accumulo di debito, citando le preoccupazioni degli investitori su possibili inadempienze o rinvii dei rimborsi.

La valutazione del FMI sulla sostenibilità del debito del Kenya ha mostrato che il paese probabilmente supererà la soglia nel prossimo decennio, in base al livello dei prestiti esterni rispetto al valore delle esportazioni in dollari, alle entrate fiscali e al prodotto interno lordo (PIL) – fattori che guidano le decisioni di prestito e i prezzi del debito sovrano.

Il rapporto ha suggerito che il Kenya è suscettibile agli shock di esportazione e di finanziamento del mercato e che shock più prolungati e protratti all’economia presenterebbero anche rischi al ribasso per le prospettive del debito, anche dalla continua perdita potenziale di accesso al mercato.

”Aumentando la probabilità che gli indicatori del debito rimangano nel tempo al di sotto delle soglie”, ha detto il FMI nel suo rapporto di valutazione.

In un rapporto intitolato ‘Le fallacie e le insidie delle politiche del FMI in Kenya’, ActionAid rimprovera il FMI per i suoi doppi sensi, incolpandolo dei programmi fiscali incoerenti del paese.

A causa dell’ossessione del Fondo per il controllo del denaro in circolazione per assicurare che l’inflazione e i tassi d’interesse siano stabili, ha consigliato ai paesi in via di sviluppo di aumentare le loro riserve piuttosto che spendere le risorse aggiuntive che vengono date come aiuto o prestito”, si legge nel rapporto decennale.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Centrale

Unione Africana, ridurre le importazioni di cibo in Africa

Triplicare il commercio intra-africano di prodotti agricoli di prima necessità è uno degli obiettivi della Dichiarazione di Malabo del 2014, impegnata a sviluppare l’agricoltura e a migliorare la sicurezza alimentare

Africa Sub Sahariana

Africa, Entra in vigore l’accordo AfCFTA fra incertezze e blocchi al commercio

Le imprese africane si stanno attrezzando per l’apertura del mercato di 1,2 miliardi di persone, tra sfide sulle concessioni tariffarie, regole di origine e scambi di servizi. L’area africana di

Economia

Tanzania: MeTL lancera’ la propria banca dopo il fallimento del piano Barclays

Il Gruppo METL della Tanzania, una delle più grandi aziende industriali del paese, prevede di aprire una banca commerciale prima della fine dell’anno dopo aver abbandonato gli sforzi per acquistare l’unità di