Angola: Eni investirà 7 miliardi di dollari nel settore energetico entro il 2025

Angola: Eni investirà 7 miliardi di dollari nel settore energetico entro il 2025

Sulla scia della sua cooperazione con Sonangol, Eni viene in soccorso al settore petrolifero angolano che ha sofferto per anni di una significativa mancanza di investimenti, in particolare nell’esplorazione.

Il 6 aprile, il presidente angolano João Lourenço e Claudio Descalzi, amministratore delegato della società italiana Eni, si sono incontrati per discutere i progetti della società nel paese e il valore aggiunto per l’economia. Durante l’incontro, il capo dell’Eni ha detto al leader angolano che la compagnia intende investire 7 miliardi di dollari nel settore nei prossimi quattro anni.

Questa decisione di Eni fa parte della sua strategia di crescita e i settori interessati da questo investimento includono l’esplorazione, la produzione, la raffinazione e l’energia solare. Il produttore italiano ha anche unito le forze con la compagnia statale di idrocarburi (Sonangol) per costruire 800 MW di energia rinnovabile nel paese entro il 2025.

Questa dotazone rappresenterà prima di tutto una vera boccata d’aria per il settore la cui produzione è in declino a causa della maturità di molti giacimenti in attività.

L’Angola ha fatto sforzi per migliorare il clima degli investimenti cambiando le condizioni legali e fiscali. In effetti, i prezzi più bassi e l’aumento della concorrenza per gli investimenti hanno spinto molti paesi africani a facilitare l’accesso ai loro settori petroliferi per le compagnie straniere, riducendo al contempo la pressione fiscale.

Eni produce attualmente 120.000 barili di olio equivalente al giorno in Angola e sta concentrando i suoi sforzi sull’offshore convenzionale e profondo, con un’area totale sviluppata e non sviluppata di 21.441 km2.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Tanzania

Tanzania: il 90% delle infrastrutture elettriche è sovvenzionato dal governo

In Tanzania, il tasso di elettrificazione nazionale è aumentato dal 67,8% nel 2016 all’84,6% nel 2020. Uno sviluppo guidato principalmente dall’elettrificazione delle zone rurali e finanziato quasi interamente da fondi

Energia

Ghana, un gigawatt di energia nucleare entro il 2030

Il Ghana ha avviato un progetto che vedrà il paese svilupparsi la produzione di un gigawatt di energia nucleare da aggiungere al suo mix energetico. Il progetto, che dovrebbe iniziare

Africa Orientale

L’Uganda guarda alla Russia per sviluppare il nucleare

L’ambizione dell’Uganda di produrre energia nucleare ha portato il paese a guardare alla Russia secondo un recente rapporto. P & L Consulting, che ha sede in Kenya, ha notato che il governo