Angola: Eni scopre un grande giacimento di petrolio leggero offshore

In Angola, il produttore italiano di idrocarburi Eni ha segnalato la scoperta di un deposito di petrolio leggero stimato tra 200 e 250 milioni di barili. Questo è stato fatto durante la perforazione del pozzo Cuica-1 NFW, situato all’interno dell’area di sviluppo East Hub, sul profondo blocco offshore 15/06.

Secondo le informazioni post-perforazione fornite dall’azienda, il pozzo è stato perforato dalla piattaforma Libongos a una profondità verticale totale di 4.100 m e ha intersecato una colonna di 80 m in arenarie mioceniche con eccellenti proprietà petrofisiche.

Si stima che una volta in produzione, Cuica-1 NFW aggiungerà 10.000 barili al giorno alla produzione di Eni. La produzione dovrebbe iniziare tra sei mesi e la nuova scoperta beneficerà delle sinergie esistenti per il suo sviluppo.

La produzione sarà garantita dalla FPSO Armada Olombendo, che ha una capacità di stoccaggio di 1,7 milioni di barili.

Dopo le scoperte di Kalimba, Afoxé, Ndungu, Agidigbo, Agogo e le valutazioni completate tra il 2018 e il 2020, Cuica rappresenta la prima scoperta commerciale nel Blocco 15/06 dopo il rilancio della campagna esplorativa post-pandemia.

La joint venture Block 15/06 è composta da Eni (operatore con il 36,84%), Sonangol P&P (36,84%) e SSI Fifteen Limited (26,31%).

Per restare aggiornato, iscriviti al canale Telegram 

Approfondisci

Articoli Recenti

Iscriviti alla newsletter

Riceverai ogni settimana una analisi ragionata sugli ultimi articoli del sito