Uganda: La produzione di petrolio e’ prevista per l’inizio del 2025

Uganda: La produzione di petrolio e’ prevista per l’inizio del 2025

L’amministratore delegato del gigante petrolifero francese Total SE, Patrick Pouyanne, ha descritto ieri come “un’occasione importante nella storia” la firma dei tre accordi per lo sviluppo del proposto oleodotto dell’Africa orientale (EACOP) e si è impegnato a far partire la prima produzione commerciale di petrolio intorno al 2025.
“È l’inizio di un viaggio”, ha detto il signor Pouyanne, che è arrivato nel paese domenica mattina per la cerimonia della firma insieme al presidente Museveni e alla sua controparte tanzaniana Samia Suluhu Hassan. “Aspettatevi che la prima petroliera attracchi al porto di Tanga all’inizio del 2025”.

Una volta sviluppata, la EACOP di 1.443 km trasporterà il greggio dell’Uganda dai giacimenti di petrolio nei distretti di Nwoya, Buliisa, Hoima e Kikuube al terminale di Chongoleani a Tanga nell’Oceano Indiano in Tanzania, dove sarà caricato in petroliere in rotta verso il mercato internazionale.

La tariffa di transito per barile di greggio che passa attraverso l’oleodotto è stata fissata a 12,77 dollari a causa delle agevolazioni fiscali offerte dal governo tanzaniano. L’oleodotto è semplicemente un mezzo per portare il petrolio greggio dell’Uganda al mercato internazionale, ovunque i prezzi siano favorevoli; quindi più alta è la tariffa/trasporto, minori sono i benefici, aggiunti agli altri costi per ottenerlo (petrolio dalla terra).

Il progetto dovrebbe costare almeno 3,8 miliardi di dollari messi in comune attraverso la holding EACOP co-proprietaria delle compagnie petrolifere-Total E&P e China National Offshore Oil Company (Cnooc), e i governi di Uganda e Tanzania attraverso le compagnie petrolifere nazionali, Unoc e TPDC, rispettivamente.

Il direttore Pouyanne ha descritto il progetto petrolifero dell’Uganda come “uno dei più grandi in Africa” con requisiti di capitale di più di 10 miliardi di dollari e che rappresenta una significativa posta in gioco sociale e ambientale, poiché l’area di operazione della società è in parte situata nel parco nazionale delle cascate Murchison.

“Quindi è necessario farlo in modo efficiente”, ha detto. “Non sarà un successo se non ci dimostreremo rispettosi dell’ambiente e non ci prenderemo cura della gente”.

Tre accordi sono stati firmati ieri; l’Host Government Agreement (HGA) per l’Uganda firmato dal ministro dell’Energia, Goretti Kitutu e dall’amministratore delegato della società di gestione del gasdotto, Martin Tiffen.
Un HGA separato con il governo della Tanzania, che era dovuto per la firma, è stato rinviato alla prossima settimana dopo il cambiamento dell’ultimo minuto e la modifica dei documenti sulla partecipazione del paese al progetto.

L’HGA, che Uganda, Tanzania e Total E&P come sviluppatore principale del gasdotto hanno iniziato a negoziare nel novembre 2017 e i funzionari dicono che è stato il più impegnativo, dettaglia tra l’altro gli obblighi governativi, i doveri degli investitori, le norme ambientali e altre norme pertinenti, la responsabilità e la chiusura del progetto.

Gli altri accordi sono, l’accordo tra gli azionisti – che dettaglia gli obblighi e la struttura degli azionisti – e l’accordo sulle tariffe e il trasporto (TTA) – tra la società dell’oleodotto e gli spedizionieri del greggio dell’Uganda attraverso l’oleodotto – sono stati firmati dai direttori generali di Unoc e TPDC, rispettivamente, e dal signor Tiffen, dal presidente di Cnooc Uganda, Chen Zhuoubiao, e dal vicepresidente senior di Total E&P per l’Africa, Nicolas Terraz.
Il ministro dell’energia, la signora Kitutu, nelle prossime settimane dovrebbe presentare al gabinetto e poi al Parlamento un progetto di legge che cristallizza tutti gli accordi firmati relativi alla conduttura.

Con il lavoro piú difficile – la negoziazione e la firma degli accordi – ormai completato, i funzionari hanno comunicato che il prossimo punto all’ordine del giorno è “risolvere alcune questioni in sospeso”, compresa la rivalutazione da parte del governo dei contratti di ingegneria, approvvigionamento e costruzione (EPC) indetti dalle compagnie petrolifere, poiché tutti i soldi spesi sono recuperabili dopo la vendita del petrolio greggio.

Un funzionario era ottimista sul fatto che la revisione delle offerte potrebbe richiedere almeno un altro mese. Un altro ha rivelato che si aspettano che i lavori di costruzione inizino entro luglio.

Quello che però non si sa ancora è quando Total E&P e Cnooc intendono iniziare i lavori. Né il signor Pouyanne, che ha lasciato intendere che almeno 5 miliardi di dollari saranno spesi localmente, né il presidente di Cnooc Uganda, Chen, sono stati chiari nei loro discorsi.

La sezione ugandese dell’oleodotto attraversa 179 villaggi in 10 distretti: Hoima, Kikuube, Kakumiro, Kyankwanzi, Mubende, Gomba, Ssembabule, Lwengo, Kyotera e Rakai. In molte di queste aree la gente del posto ha familiarità con il progetto e si aspetta delle opportunità tra cui posti di lavoro e fornitura di beni e servizi.
Il regolatore del settore petrolifero, la Petroleum Authority of Uganda, ha delimitato circa 25 campi tra cui Hotel e ristorazione, trasporti e logistica, sicurezza, lavori civili, gestione delle risorse umane, sondaggi, gestione dei campi e fornitura di manodopera, solo per gli ugandesi.

Uno studio del 2014 intitolato “Un’indagine per promuovere le opportunità per gli ugandesi nel settore del petrolio e del gas”, commissionato dal governo e dalle aziende petrolifere, ha specificato che l’imminente fase di sviluppo/costruzione creerà tra 100.000 e 150.000 posti di lavoro diretti e indiretti.

Ciò è collegato agli investimenti tra i 10 e i 15 miliardi di dollari per lo sviluppo dell’EACOP, dei giacimenti petroliferi e delle relative infrastrutture, tra cui due Central Processing Facilities (CPF) per separare il petrolio greggio da altre impurità come la sabbia, un impianto per la produzione di gas ed una rete di condotti di alimentazione.

Un affare bilaterale

Prima della cerimonia della firma, il presidente Museveni ha avuto colloqui bilaterali con il presidente Hassan durante il suo primo viaggio all’estero da quando è entrato in carica il mese scorso dopo la morte del presidente Magufuli.
Il presidente Hassan ha descritto il progetto come una “pietra miliare” del partenariato e delle relazioni tra Uganda e Tanzania e ha invitato le parti coinvolte ad accelerare il suo sviluppo.

I due committenti, in un comunicato congiunto letto dal ministro degli Esteri Sam Kutesa, hanno riconosciuto “i progressi compiuti nella negoziazione e nella finalizzazione dell’HGA e dei relativi accordi” e hanno diretto la società del gasdotto ad andare avanti con l’assegnazione dei contratti EPC per la costruzione.

Le offerte EACOP EPC sono divise in tre lotti; il segmento tanzaniano dell’oleodotto sarà costruito in due parti, da assegnare a contraenti separati, e un lotto per il segmento ugandese. L’ottanta per cento dell’oleodotto, 1.147 km, sarà sul lato tanzaniano, e si stima che l’80 per cento dei 3,8 dollari di capex del progetto saranno spesi in Tanzania.
La cerimonia di domenica era inizialmente prevista per il mese scorso, il 22 marzo, ma è stata rinviata per permettere il lutto del presidente Magufuli.

Nel suo discorso di ieri, il presidente Museveni ha rivelato che ha specificamente fissato la nuova data all’11 aprile per ragioni sentimentali; per coincidere con il rovesciamento dell’ex presidente Idi Amin da parte di gruppi ribelli ugandesi con l’aiuto delle truppe tanzaniane “quarantadue anni fa, questo stesso giorno”.

“Quindi oggi è una tripla vittoria per l’Uganda e la Tanzania; militarmente, politicamente ed economicamente”, ha detto.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Orientale

Etiopia: inaugurata la diga Gibe III, la più alta al mondo in RCC

Inaugurata in Etiopia GIBE III, la più importante diga nel Paese, con una capacità installata di 1870 MW e la più grande al mondo del suo tipo. Realizzata da Salini

Africa Orientale

Tanzania: cosa significa l’oleodotto EACOP per il paese

Le autorità tanzaniane hanno un mese di tempo per concludere e firmare l’Accordo del Governo ospitante (HGA) con le imprese a monte coinvolte nell’East African Crude Oil Pipeline (EACOP). Il

Uncategorized

Sudan, Cina, accordo per la costruzione del primo reattore nucleare

La China National Nuclear Corporation ha concordato con il Sudan la costruzione del primo reattore nucleare nella nazione africana. Questo accordo e’ solo l’ultimo sforzo della Cina per espandere influenza tecnologica