L’istituto monetario della EAC partirà a luglio

L’istituto monetario della EAC partirà a luglio

La Comunità dell’Africa Orientale (EAC) ha designato il 1° luglio come data di inizio dell’Istituto monetario dell’Africa Orientale (EAMI).

L’operatività dell’istituto permetterà alla Comunità di intraprendere un cammino verso una economia a moneta unica. Questo è stato annunciato dal segretariato dell’EAC, poche ore prima del summit regionale dei capi di stato.

L’Istituto monetario è un precursore della prevista Banca centrale dell’Africa orientale. I due organismi sono tutti articolati sotto il protocollo dell’Unione monetaria dell’Africa orientale, uno dei quattro pilastri dell’integrazione regionale.

L’operatività dell’Eami a luglio è tra le decisioni prese dal Consiglio dei ministri dell’EAC durante la riunione del giovedì. I ministri hanno incaricato il Segretariato dell’EAC di avviare il processo di identificazione del paese ospitante dell’istituto.

Lo stato partner che ospiterà l’istituto dovrà offrire e pagare lo spazio previsto per i primi due anni. Una dichiarazione rilasciata dal Segretariato dopo la riunione ministeriale ha detto che l’Eami sarà solo un meccanismo transitorio per la banca regionale. “La Banca centrale dell’Africa orientale che emetterà la moneta unica dovrebbe essere in funzione entro la fine del 2024”, ha detto.

Il percorso stradale per la creazione dell’Eami è iniziato a Kampala nel febbraio 2018, quando i capi di Stato hanno diretto che la sua istituzione fosse accelerata.

Il progetto di legge per la creazione dell’istituto è stato approvato dai presidenti EA durante il loro ultimo summit ad Arusha il 1 febbraio 2019.
Per quanto riguarda la proposta di un flusso principale della East African Development Bank (EADB) nella struttura dell’EAC, il Consiglio ha esortato il Consiglio direttivo della Banca a considerare i piani di sviluppo dell’EAC mentre stabilisce le priorità della banca.

I ministri hanno esortato gli Stati partner che non sono membri della East African Development Bank (EADB) a cercare formalmente l’ammissione acquistando azioni.

Al momento, solo Kenya, Ruanda, Uganda e Tanzania sono azionisti della banca. Burundi e Sud Sudan non sono membri.

Il Consiglio ha mantenuto la disposizione attuale, secondo la quale il consiglio direttivo dell’EADB approva la nomina dei revisori esterni, poiché questa è la migliore pratica. I ministri hanno esortato il Consiglio direttivo della EADB a informare annualmente il vertice sulla performance della Banca.

Sulla ratifica dell’Accordo Continentale Africano di Libero Scambio (AfCFTA), il Consiglio ha esortato Burundi, Sud Sudan e Tanzania a ratificare l’Accordo Continentale Africano di Libero Scambio (AfCFTA) entro il 30 giugno 2021.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 538 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Angola

L’Angola rilancia il settore siderurgico.

Tredici anni dopo un accordo di pace, un nuovo impianto di $ 300 milioni di dollari sta cominciando a convertire i rottami di quelli che furono micidiali armamenti in tondini

Sud Africa

Sudafrica: Le imprese italiane hanno investito oltre un miliardo

Le imprese italiane hanno investito nell’economia del Sudafrica oltre un miliardo di euro, cifra che potrebbe crescere ancora visto l’alto potenziale dell’area. Lo ha affermato il presidente dell’Ice, Riccardo Maria

Economia

Il Rwanda preferisce il tracciato Tanzano per la nuova ferrovia

Il Ruanda si sta concentrando sullo sviluppo del tracciato ferroviario attraverso la Tanzania per dare al paese uno sbocco sull’oceano Indiano. La preferenza de tracciato Tanzano invece che quello keniota