Sudafrica: Cyril Ramaphosa annuncia la ripresa del REIPPPP

Sudafrica: Cyril Ramaphosa annuncia la ripresa del REIPPPP

Il più vecchio programma di costruzione di impianti di energia rinnovabile da parte di produttori privati sta per ripartire.

Il presidente Cyril Ramaphosa ha posto di fatto l’energia al centro della sua politica di ripresa economica.

In Sudafrica, il rafforzamento del settore energetico è una delle priorità del governo per la ripresa economica. In particolare, il governo intende rilanciare il programma di costruzione di centrali elettriche a energia rinnovabile dei produttori indipendenti (REIPPPP), che è stato sospeso da diversi anni.

“Il governo inizierà presto l’acquisizione di 11.800 MW di elettricità da fonti rinnovabili, gas naturale, batterie di stoccaggio e carbone”, ha detto il presidente Cyril Ramaphosa durante il suo discorso alla nazione. Il lancio di questi progetti fa parte del piano integrato delle risorse del paese che definisce la sua strategia energetica.

In attesa che queste varie centrali siano messe in funzione, il governo sceglierà da una rosa di 28 aziende, gli appaltatori che gli forniranno urgentemente 2.000 MW di elettricità. È prevista anche una richiesta di proposta per l’installazione di altri 2.600 MW. Inoltre, il governo prevede di allentare le condizioni per le aziende di produrre la propria energia. Il risultato di questa procedura sbloccherà una capacità supplementare stimata di 5 000 MW.

Tutta questa capacità è stata resa necessaria dal deficit energetico che il paese sta affrontando a causa dell’obsolescenza di alcune delle sue centrali, che devono essere smantellate. Inoltre, la transizione energetica è una necessità per il paese, che dipende al 95% dal carbone per la fornitura di elettricità.

Nel 2011, il paese ha lanciato con grande successo il REIPPPP, una novità assoluta nel continente che ha fatto leva su 13,7 miliardi di dollari di investimenti mobilitati da 112 produttori indipendenti di energia. L’inizio di nuove fasi del programma ha cominciato a rallentare dal 2014, con la preferenza del governo di Jacob Zuma per l’opzione nucleare.

“Siamo lieti di apprendere di questi impegni a favore delle energie rinnovabili. Abbiamo già sentito questo discorso, ma pensiamo che questa volta sia più concreto”, ha detto Wido Schnabel, presidente della South African Photovoltaic Industry Association a Bloomberg.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 537 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Energia

Sierra Leone: Joule Africa ottiene 6 milioni di dollari da InfraCo per la diga Bumbuna II (143 MW)

In Sierra Leone, il progetto idroelettrico Bumbuna II ha ricevuto 6 milioni di dollari di sostegno finanziario da InfraCo. L’organizzazione sosterrà anche lo sviluppatore Joule Africa nella mobilitazione finanziaria del

Africa del Sud

Eni: nuova organizzazione per essere leader della transizione energetica

ROMA, grazie ad una nuova organizzazione nascono due nuove Direzioni Generali, la Natural Resources, per la valorizzazione sostenibile del portafoglio upstream oil&gas, per l’efficienza energetica e la cattura della CO2

Sud Africa

Sud Africa, nuove norme sui visti per facilitare il turismo

Il Sudafrica introdurrà nuove norme per facilitare i visti turistici per i visitatori con bambini e quelli provenienti da India, Cina e Russia, a seguito del calo del turismo registrato