La Tanzania ribadisce il suo impegno a costruire 200 MW di centrali geotermiche entro il 2025

La Tanzania ribadisce il suo impegno a costruire 200 MW di centrali geotermiche entro il 2025

La Tanzania ha deciso di sfruttare le sue risorse di energia geotermica per aumentare la sua capacità elettrica. Il paese ha quindi istituito nel 2013 la Tanzania Geothermal Development Company (TGDC) guidata da Kato Kabaka. Quest’ultimo ha ribadito l’impegno dell’esecutivo a sviluppare 200 MW di centrali geotermiche entro il 2025.

“I progetti prioritari includono le centrali di Ngozi e Kiejo-Mbala nella regione di Mbeya, Natron ad Arusha e Luhoi nella regione costiera che insieme produrranno 200 MW di energia”, ha detto il funzionario. Ha anche confermato la continuazione dei vari studi del progetto e l’inizio della perforazione di prova dei pozzi geotermici per valutare le risorse geotermiche sotterranee.

Oltre alla produzione di energia, la risorsa sarà utilizzata anche nei settori dell’agricoltura, dell’allevamento, dell’industria, del commercio e del turismo. Un totale di circa 50 località in Tanzania abbondano di questa risorsa geotermica. Secondo Kato Kabaka, il paese potrebbe produrre 500 MW di energia sviluppando tutti questi siti.

La creazione di questi impianti permetterà al paese di aumentare la sua potenza elettrica e accelerare i suoi sforzi verso l’accesso universale all’energia. Va ricordato che la Tanzania ha attualmente un tasso di elettrificazione dell’84,6%.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 585 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Energia

Sud Africa – Piano per il nucleare da 100 Miliardi di Dollari

Il futuro mix energetico del Sud Africa potrebbe prevedere una quota ancora maggiore rispetto ai previsti 9.600 megawatt (MW), in quanto mira a ridurre dipendenza da inquinanti centrali elettriche a carbone,. L’economia

Africa Orientale

Oleodotto Uganda-Tanzania, a breve la ripresa del progetto

I negoziati per un Host Government Agreement (HGA) per il progetto East African Crude Oil Pipe-line (EACOP) inizieranno presto. Questo a seguito del completamento dell’acquisizione da parte di Total Oil

Kenya

La ferrovia Trans-Africana potrebba trasformare il commercio regionale

Il vecchio sogno anglosassone di costruire una ferrovia transcontinentale che collega l’oceano l’Atlantico e Indiano sta diventando una realtà grazie al finanziamento cinese. Tagliando il ventre di Angola, passando per la