La Tanzania ribadisce il suo impegno a costruire 200 MW di centrali geotermiche entro il 2025

La Tanzania ribadisce il suo impegno a costruire 200 MW di centrali geotermiche entro il 2025

La Tanzania ha deciso di sfruttare le sue risorse di energia geotermica per aumentare la sua capacità elettrica. Il paese ha quindi istituito nel 2013 la Tanzania Geothermal Development Company (TGDC) guidata da Kato Kabaka. Quest’ultimo ha ribadito l’impegno dell’esecutivo a sviluppare 200 MW di centrali geotermiche entro il 2025.

“I progetti prioritari includono le centrali di Ngozi e Kiejo-Mbala nella regione di Mbeya, Natron ad Arusha e Luhoi nella regione costiera che insieme produrranno 200 MW di energia”, ha detto il funzionario. Ha anche confermato la continuazione dei vari studi del progetto e l’inizio della perforazione di prova dei pozzi geotermici per valutare le risorse geotermiche sotterranee.

Oltre alla produzione di energia, la risorsa sarà utilizzata anche nei settori dell’agricoltura, dell’allevamento, dell’industria, del commercio e del turismo. Un totale di circa 50 località in Tanzania abbondano di questa risorsa geotermica. Secondo Kato Kabaka, il paese potrebbe produrre 500 MW di energia sviluppando tutti questi siti.

La creazione di questi impianti permetterà al paese di aumentare la sua potenza elettrica e accelerare i suoi sforzi verso l’accesso universale all’energia. Va ricordato che la Tanzania ha attualmente un tasso di elettrificazione dell’84,6%.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 541 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Energia

Mozambico, il gas potrebbe trasformare l’economia del paese

A circa 30 minuti dal traghetto che porta i autisti al resort di lusso sull’isola di Bazaruto, Sasol Ltd è sta aumentando la produzione del combustibile che potrebbe trasformare la

Africa Centrale

AFRICA: le ONG chiedono all’AfDB la fine dei finanziamenti per i combustibili fossili

Le organizzazioni della società civile che lavorano per proteggere l’ambiente in Africa hanno appena inviato una lettera aperta al Presidente della Banca africana di sviluppo (AfDB). In questa corrispondenza si

Angola

Angola: Eni scopre un grande giacimento di petrolio leggero offshore

In Angola, il produttore italiano di idrocarburi Eni ha segnalato la scoperta di un deposito di petrolio leggero stimato tra 200 e 250 milioni di barili. Questo è stato fatto